Torino, scatta rivolta dei rom: "I soldi? Sono fatti nostri..."

I nomadi si rifiutano di compilare un questionario del Comune per accertare i loro redditi: "Noi non vi diremo nulla"

Torino, scatta rivolta dei rom: "I soldi? Sono fatti nostri..."

Quando Salvini propose un censimento dei rom scoppiarono polemiche feroci sulla proposta del leader del Carroccio. Ora a Torino, non certo un sindaco della Lega, ha inviato un questionario ai nomadi per avere informazioni sui loro redditi e sul loro patrimonio. A dare il via a questa operazione è stato il sindaco di Torino, Chiara Appendino. In un questionario inviato dal Comune di Torino a diversi nomadi vengono chieste informazioni sul denaro che è depositato in banca, i contanti, il valore della pensione di invalidità. Tutte informazioni queste che gli stessi rom si rifiutano di fornire con l'apposito questionario. Il formulario, come ricorda il Corriere, è in due lingue: croato e italiano. E così i rom in rivolta contro il Comune hanno impugnato il questionario dando vita ad una battaglia legale. Ma da dove nasce questo questionario?

La Appendino ha fatto sapere che i campi saranno "superati" nel 2020. Intanto ha avviato un piano di riorganizzazione. Per restare nelle loro "piazzole" i rom però dovranno ottenere una sorta di nulla osta da parte del Comune. Il tutto dopo aver consegnato una autocertificazione sulla propria condizione economica. E così il rom deve rispettare alcuni paletti. Il primo riguarda i documenti: devono essere regolari. Inoltre non deve essere stato allontanato da latre zone della città e soprattutto deve avere un Isee inferiore a 20mila euro e un patrimonio non superiore a 30mila euro. I questionari hanno però seminato il panico tra i campi rom. "Non li consegneremo", hanno affermato in tanti. E da qui è nato un vero e proprio braccio di ferro tra l'amministrazione comunale e i nomadi. I rom temono che questi dati possano finire anche alle forze dell'ordine per nuove verifiche nei campi. Forse qualcuno fra loro ha qualcosa da nascondere...

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti