Trafitto al cranio da un vite di 15 centimetri: 13enne vivo per miracolo

Un ragazzo di 13 anni degli Stati Uniti è vivo per miracolo dopo essere stato trafitto al cranio da una vite di 15 centimetri

Stava costruendo una casa sull'albero davanti casa quando un ramo ha ceduto e un vite della tavola di legno si è conficcata nella nuca.

Protagonista dell vicenda è un ragazzino di 13 anni del Maryland, negli Stati Uniti, che grazie ai medici che lo hanno soccorso è vivo per mircolo. La tavola di legno era molto lunga e i vigili del fuoco hanno dovuto segarla per poter permettere al ragazzino di essere trasportato in ospedale in elicottero.

La vite di 15 centimetri gli ha perforato il cranio ma si è fermata a un solo millimetro dal toccargli aree che lo avrebbero fatto morire dissanguato. Intevistata dalla Cnn, la mamma Joy Ellingsworth ha raccontato gli attimi di terrore che ha vissuto: "Sono andata completamente nel panico, non ho mai visto niente di cosi spaventoso".

"La ferita poteva diventare potenzialmente catastrofica - ha detto il direttore del reparto di Neurochirurgia pediatrica, il chirurgo Alan Cohen, che ha operato il ragazzo -. Sarebbe bastato un passo farlo morire dissanguato. Sono stato sulle spine per tutto l’intervento". Durante l’operazione, durata due ore e mezza, sono stati rimossi piccoli frammenti di osso e un piccolo coagulo di sangue.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.