Trattativa Stato Mafia, assolto l'ex ministro Mannino

Il gup del Tribunale di Palermo Marina Petruzzella ha assolto l’ex esponente della Dc "per non avere commesso il fatto"

Trattativa Stato Mafia, assolto l'ex ministro Mannino

Il gup del Tribunale di Palermo Marina Petruzzella ha assolto l’ex ministro Calogero Mannino. È stato assolto "per non avere commesso il fatto". La Procura aveva chiesto per Mannino, accusato di minaccia a corpo politico dello Stato, la condanna a nove anni di carcere. Questa è la prima sentenza, con il rito abbreviato, del processo sulla trattativa Stato-mafia. Il troncone principale è quello che si celebra davanti alla Corte d’assise di Palermo con dieci imputati, tra cui il generale Mario Mori e l’ex Presidente del Senato Nicola Mancino. Per l’ex ministro Dc, l’accusa - rappresentata dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi e dai sostituti Nino Di Matteo, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia - aveva chiesto nove anni di carcere.

Si tratta della prima sentenza riguardo alla presunta trattativa tra lo Stato e la mafia. A marzo di due anni fa, infatti, il collegio difensivo (Grazia Volo, Nino Caleca, Carlo Federico Grosso e Marcello Montalbano) optò per il rito abbreviato. Mentre prosegue quello ordinario per gli altri imputati. Mannino stamane non era presente alla lettura della sentenz. "Spero che sia per Mannino la fine di un incubo giudiziario", ha affermato, commentando la sentenza di assoluzione del suo cliente, l’avvocato Nino Caleca.

Commenti