Trento, per evitare controlli centauro trascina agente sulla strada

Tragedia sfiorata domenica mattina, quando un centauro deciso ad evitare i controlli ha messo in moto il suo mezzo trascinando sull'asfalto un agente della polizia locale. L'uomo in divisa si trova ora ricoverato al Santa Chiara di Trento in prognosi riservata

Si trova ancora ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Santa Chiara di Trento il poliziotto che la scorsa domenica mattina è stato trascinato per oltre 500 metri sull'asfalto da un giovane a bordo di una moto deciso ad evitare i controlli.

La gravissima vicenda, che riporta alla mente anche l'episodio dell'agente travolto da un'auto a Sassari ad inizio settembre, si è verificata intorno alle 10:30 all'interno del parcheggio del lago di Tenno, sulla statale 421.

Intenzionato ad effettuare dei controlli su un gruppo di centauri appena giunti nell'area di sosta, l'agente di polizia locale si è avvicinato ad un uomo a bordo di una moto bianca con targa irregolare. Questi si è rifiutato sia di consegnare i documenti che di fornire le proprie generalità, quindi ha cercato di allontanarsi, rimettendo in moto. Completamente vani i richiami dell'agente: il motociclista è infatti ripartito, trascinando con sé anche il poliziotto che lo aveva afferrato per un braccio.

L'agente, trascinato per oltre 500 metri lungo la 421, è riuscito fortunatamente a tenersi aggrappato all'arto del fuggitivo fino a quando non ha individuato un'area verde in cui lasciarsi cadere. Finito in un piccolo declivio, è rimasto a terra fino all'arrivo dei soccorsi.

Sul posto gli operatori del 118, che hanno stabilizzato il ferito per poi trasportarlo in elisoccorso al Santa Chiara. In seguito al brutto episodio l'agente, un 52enne, ha riportato diverse escoriazioni e ferite, ma nessun trauma interno. Le sue condizioni, dunque, non dovrebbero essere gravi.

In seguito all'episodio sono subito partite le indagini per rintracciare il responsabile. Si tratta di un 30enne residente a Milano, che lunedì si è costituito. Gli agenti erano comunque arrivati a lui, dopo aver interrogato gli altri motociclisti fermati nel parcheggio.

Stando alle ultime notizie riportate, il giovane ha spontaneamente contattato la polizia locale di Alto Garda e Ledro (Trento) tramite il suo avvocato.

Al momento sembrerebbe esclusa l'incriminazione per tentato omicidio. Il centauro è ora accusato di lesioni, omissione di soccorso e resistenza a pubblico ufficiale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.