"Troppi professori uomini": la Normale di Pisa vuole assumere donne

Il direttore della Scuola d'eccellenza lancia l'allarme: "Alla Normale solo quattro donne su trentacinque professori in totale: ma niente quote rosa"

"Troppi professori uomini": la Normale di Pisa vuole assumere donne

Ci sono troppi professori maschi, urgono assunzioni femminili. La notizia arriva da una delle istituzioni scolastiche più famose d'Italia e d'Europa, la Scuola Normale di Pisa.

Il direttore Vincenzo Barone, racconta l'edizione fiorentina di Repubblica, ha lanciato un appello in occasione della presentazione dell'anno accademico a Palazzo Strozzi a Firenze.

"Nella sede di Pisa abbiamo 35 professori e solo quattro sono donne: è una situazione imbarazzante, completamente sbilanciata in favore degli uomini, non si può andare avanti così - ha spiegato il direttore - Quando facciamo un concorso, a parità di risultati tra concorrenti, scegliamo la concorrente donna. Questo non snatura il nostro metodo di selezione, che è interamente basato sul merito".

Niente quote rosa quindi, ma selezione rigidamente improntata alla meritocrazia, con una preferenza per il gentil sesso solo in presenza di requisiti pari e comunque solo fino a quando dovesse protrarsi questa situazione di eccezionalità. "Tra gli studenti abbiamo più donne che uomini - ha detto Barone - poi, tra assegnisti e ricercatori, la percentuale diventa più o meno 50% e 50%, mentre arrivando ai professori la disparità è totale. E questo a mio parere non è più accettabile."

Nella stessa sede il direttore della Normale ha anche annunciato la creazione di un nuovo centro studi che verrà intitolato all'ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, fra i più celebri ex studenti proprio dell'ateneo pisano.

Caricamento...

Commenti

Caricamento...