Tutti lo hanno cercato, sommozzatori compresi: era al bar

Credevano fosse annegato nel lago. Dopo tre ore e mezza di angoscia, l’allarme è rientrato. Sano e salvo, anche se un po’ alticcio

Tutti lo hanno cercato, sommozzatori compresi: era al bar

Tre ore e mezza che hanno tenuto impegnati tutti, Vigili del fuoco, guardia Costiera, Polizia di Desenzano, perfino i sommozzatori. Tutti ormai certi di doversi rassegnare al peggio. E invece colui che in teoria doveva trovarsi sul fondale del lago di Garda, si trovava invece al bar, a bere. Quando è ricomparso era leggermente alticcio, probabilmente per il troppo tempo passato al bancone. Tutto ha avuto inizio quando un uomo ha allertato i soccorritori dicendo che il suo collega, un camionista di 38 anni originario della Lituania, era scomparso, abbandonando i suoi effetti personali sul bagnasciuga del Centro balneare di Desenzano del Garda.

Immediatamente si è pensato a una drammatica fine. Subito sul luogo della scomparsa sono intervenuti i Vigili del fuoco, la guardia Costiera, la Polizia di Desenzano e perfino i sommozzatori di Milano e Trento. Tutti impegnati nelle ricerche, andate avanti per più di tre ore. Verso le 16,30 invece l’interruzione improvvisa delle ricognizioni. Colui che fino a quel momento era ritenuto scomparso si è presentato con i suoi piedi, anche se visibilmente alticcio, al Centro balneare.

I militari lo hanno quindi portato in caserma per interrogarlo e identificarlo. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri il lituano avrebbe incontrato un altro collega nell’area di servizio Monte Alto di Desenzano e insieme avrebbero pensato di scendere al lago per farsi un bagno fuori programma. Mentre uno dei due era in acqua, l’altro si è recato al bar. Quando è tornato del lituano non vi era più traccia. Dopo un po’ di tempo, preoccupato, ha dato l’allarme, credendo fosse disperso in acqua.

Commenti