La lite poi la furia: marocchino ubriaco investe tre ragazzi

L'orrore a Pavia. Respinto da un locale perché troppo ubriaco, l'extracomunitario ha travolto due ragazze di 19 e 17anni e un ragazzino di 14 schiacciandoli contro altri veicoli in sosta

La lite poi la furia: marocchino ubriaco investe tre ragazzi

Paura nella notte a Pavia. Un extracomunitario ubriaco, probabilmente marocchino, ha investito tre giovanissimi al culmine di una lite. È stato arrestato e ora dovrà rispondere di tentato omicidio.

L'alcol e la movida violenta

L'episodio è avvenuto attorno alle 3.50 del mattino in una delle strade che costeggiano il Naviglio pavese, nella confluenza con il fiume Ticino, una delle zone più calde della movida locale. Tutto è iniziato perché all'uomo sarebbe stato vietato di entrare in un locale della zona a causa del suo stato di alterazione. A quel punto avrebbe dato in escandescenze, litigando con tre giovanissimi presenti sul luogo, due dei quali minorenni.

Stando a quanto raccontano i testimoni presenti sul posto, la lite pare sia stata particolarmente violenta e a nulla è servito l'intervento di uun'altra persona, che ha provato a sedare gli animi per riportare la situazione alla normalità. L'uomo, alterato dall'alcool, è salito a bordo della sua auto parcheggiata poco distante e si è lanciato contro i tre giovanissimi, che stavano passeggiando lungo il Naviglio, schiacciandoli contro altri veicoli in sosta a bordo strada e ha tentato la fuga. È stato però fermato dal personale della questura di Pavia in abiti civili, che lo ha consegnato a una pattuglia del distaccamento Polizia stradale di Vigevano. Una volta posto in stato di arresto, l'uomo è stato sottoposto all'esame etilometrico risultando positivo.

La corsa in ospedale

I tre giovani investiti si trovano tutti ricoverati al policlinico San Matteo di Pavia e uno di loro si trova al momento in prognosi riservata. Uno dei giovanissimi versa in gravi condizioni ed è stato ricoverato in codice rosso. L'altro, invece, ha fatto l'accesso in ospedale in codice giallo. L'investitore si trova ora in carcere, accusato di tentato omicidio. Le agenzie riferiscono che si tratta di un uomo di circa trent'anni, extracomunitario di origine marocchina.

La vittima più grave sarebbe una ragazza di 19 anni, mentre la ragazza in codice rosso pare abbia 17 anni e avrebbe riportato fratture multiple in conseguenza all'investimento ma non sarebbe in pericolo di vita. Il giovane in codice giallo, invece, ha 14 anni e le sue condizioni destano meno preoccupazione nei medici. Ora la Polstrada dovrà ascoltare le testimonianze dei presenti per ricostruire la dinamica di quanto accaduto lungo il Naviglio e definire tutte le responsabilità.

Commenti