Uccise l'ex moglie e si suicidò. L'Inps chiede alle figlie minorenni 124 mila euro

Nel 2013 Marco Loiola ha inoltre ferito con sei colpi di pistola un uomo, che è sopravvissuto. Per la sua indennità di malattia e per l’assegno di invalidità, l’Inps ha chiesto il pagamento dell’indennizzo

Un risarcimento di 124mila euro è stato chiesto dall’Inps alle due figlie minorenni di una coppia morta a Marina di Massa. Si tratta di Marco Loiola, l’uomo di 40 anni che il 28 luglio 2013 uccise l’ex moglie e madre delle due ragazzine, Cristina Biagi e poi si tolse la vita. Loiola aveva inoltre ferito con sei colpi di pistola un altro uomo che oggi ha 54 anni ed è riuscito a sopravvivere. Proprio per la sua indennità di malattia e per l’assegno di invalidità, l’Inps ha chiesto il pagamento dell’indennizzo.

Come spiega Il Tirreno, la vicenda è stata resa nota da Francesca Galloni, l’avvocato di fiducia della famiglia Biagi. Il legale ha sottolineato che l’obiettivo è di non aprire un contenzioso legale con l’Inps. Allo stesso ha auspicato che l’Istituto di previdenza rinunci alla sua richiesta oppure che abbatta la cifra avanzata e la renda consona alla situazione di questa famiglia. “Purtroppo, su questo tema lo Stato è un Giano Bifronte - ha evidenziato l’avvocato -. Da una parte lavora per costituire un fondo per i risarcimenti ai familiari delle vittime di femminicidio, come nel caso di Cristina Biagi, dall’altro c’è un istituto nazionale direttamente riferibile allo Stato, che chiede dei soldi agli stessi familiari”.

Inoltre, Biagi ha detto che è stata contattata dai deputati Riccardo Ricciardi del Movimento 5 Stelle e Martina Nardi del Partito democratico, i quali hanno espresso vicinanza e hanno chiesto maggiori informazioni su quanto accaduto. Il legale ha precisato che i due politici massesi cercheranno in tutti i modi di sostenere la famiglia in questa vicenda. “L’interessamento dei nostri rappresentanti istituzionali è un ottimo inizio - ha sottolineato l’avvocato - e speriamo che porti a qualcosa di concreto soprattutto per le due minori”.

Alessio Biagi, zio delle due ragazzine, si è rivolto su Facebook anche al Capo dello Stato Sergio Mattarella parlando di questo caso, definendolo “umanamente orribile” perché l’Inps ha chiesto alle sue nipoti minorenni di “pagare colpe non loro”. Alessio Biagi ha ricordato che spesso ci si dimentica ciò che queste tragedie producono: figli minorenni affidati alla cura di nonni e zii che hanno l’arduo compito di educarli e crescerli, cercando di colmare il loro dolore. "Questa la battaglia che stiamo affrontando e affronteremo per le nostre nipoti - scrive lo zio - fino ad una soluzione definitiva che restituisca loro un futuro. Dignità significa restare con la schiena diritta e mostrare la propria ferita come una bandiera".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

degrisy

Sab, 07/12/2019 - 21:11

Se hanno accettato l'eredita' devono pagare, altrimenti la richiesta e' illegittima e non avra' seguito.

Ritratto di mailaico

mailaico

Sab, 07/12/2019 - 21:51

connuti e mazziati. Questo degrisy è solo un ixxxxxxxe!

Ritratto di iNick

iNick

Sab, 07/12/2019 - 22:27

Ho goduto quando letto che l'INPS è stata truffata per più di 5 miliardi di euro da false attività del Mezzogiorno.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 08/12/2019 - 00:52

iNick: vorrei farti notare che i 5 miliardi non li ha pagati un fantomatico Signor INPS, ma tutti noi.

salmodiante

Dom, 08/12/2019 - 04:31

Le sanzioni non si ereditano.

salmodiante

Dom, 08/12/2019 - 04:39

E' uno Stato che non riconosciamo più. IL governo che verrà dovrà istituire una coraggiosa commissione che faccia luce sulle storture di regolamenti e meccanismi automatici, che in molti casi vanno persino contro l' applicazione della legge ordinaria e delle sentenze. Un bel salasso di norme nazionali, regionali e di quel che resta delle province farà sicuramente bene a questa nazione. Un noto magistrato ha rimarcato che i regolamenti non sempre seguono l' etica, facendo esempio della discriminazione contro gli ebrei regolamentata durante il fascismo e sanzionata in epoca moderna sempre dai regolamenti. I soloni si scateneranno giustificando l' INPS in base al codicillo, la virgola o l' arguzia, ma resta sempre una vergogna di azione.

claudiusM

Dom, 08/12/2019 - 06:43

Essendo le due ragazze minorenni,fino alla maggiore eta non possono richiedere l'eredita, come fanno il personale INPS ha chiedere il risarcimento

michettone

Dom, 08/12/2019 - 08:34

. Spiace per le due ragazzine, ma come dice qualcuno prima di me, onori ed oneri! Se sono stati accettati lasciti, devono risarcire i danni provocati dai parenti e risarciti dall'Inps...

Alessio84

Dom, 08/12/2019 - 08:38

Ho solidarietà solo se, ignari, i tutori delle nipoti hanno accettato l'eredità del padre senza beneficio d'inventario e ora la richiesta dell'inps supera il valore dell'eredità stessa. In quel caso, mi dispiace per loro - ma solo in quel caso. Perchè la persona ferita comunque necessita di cure, e mi sembra più che giusto che esse prima di tutto siano a carico dell'eredità del morto che gli ha sparato e solo se insufficiente vadano a carico della collettività.

MARIOMEN59

Dom, 08/12/2019 - 08:39

L' INPS ha bisogno di soldi deve dare gl'arretrati ai clandestini respinti e agl'immigrati che vogliono il reddito di cittadinanza !!!!!

Alessio84

Dom, 08/12/2019 - 08:51

Il valore dell'eredità copre o no la richiesta dell'Inps? Quella è l'unica cosa che mi interessa. Se la copre, è giusto che paghino - le spese vanno caricate sul patrimonio dello sparante prima di gravare su tutti noi. Se non la copre..... beh, in quel caso ci vorrebbe un po' di elasticità. E' vero che avrebbero potuto, e dovuto, avvalersi del beneficio di inventario ma in situazioni di tragedia capisco che non sempre ci si pensa.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 08/12/2019 - 09:36

l'INPS non ha scelta. Se i due ragazzi, o chi per loro, hanno accettato l'eredità allora sono responsabili per il danno (civile) alla parte terza lesa. Studiate un po' di dirittoo che vi fa bene.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 08/12/2019 - 10:33

Paghi lo Stato all'inps, come paga per tutte le scemenze per gli immigrati. Non c'è una legge che dice l'immigrato sì e l'italiano no.

salmodiante

Dom, 08/12/2019 - 12:01

La morte fa decadere l' azione penale, non si chiama in giudizio un morto e se ne chiede la condanna al rimborso dei danni, ma cosa scrivono nei commenti? Sono le solite azioni messe in campo da INPS e Agenzia Entrate che seguono alcuni regolamenti, per non incorrere in sanzioni per omissione atti ufficio e conseguente azione per danno erariale. Sono dei furboni che creano solo problemi ai cittadini.

salmodiante

Dom, 08/12/2019 - 12:05

Nahum: ripassi il codice di procedura penale.

michettone

Dom, 08/12/2019 - 20:05

...studiando il codice, diciamo che per una volta, il signor Mattarella ha fatto la cosa giusta, mettendo a tacere le preoccupazioni e soprattutto le scemenze provocate dal direttore dell'Inps ed i suoi collaboratori.