Cronache

Udine, rom ai domiciliari con il braccialetto: lo rompe e va a bere

Le anomalie nel funzionamento del braccialetto elettronico hanno fatto sorgere il sospetto di una qualche violazione delle prescrizioni

Udine, rom ai domiciliari con il braccialetto: lo rompe e va a bere

Ha strappato via il braccialetto elettronico che gli era stato ordinato di indossare ed è andato a bere in un locale. È successo a Udine dove un 37enne rom, a cui il tribunale del riesame aveva concesso il ritorno nella sua roulotte al campo nomadi di via Monte Sei Busi, si è tolto il dispositivo per andare a fare una passeggiata.

Come riporta il Messaggero Veneto, l'uomo era passato da poche ore dalla custodia cautelare in carcere per il furto di un automobile ai domiciliari. Nel processo per direttissima celebrato in seguito alla fuga, il pm ha chiesto il ritorno in cella dell'indagato, ma il giudice ha disposto di nuovo la misura dei domiciliari con braccialetto.

La fuga

Le anomalie nel funzionamento del braccialetto elettronico hanno fatto sorgere il sospetto di una qualche violazione delle prescrizioni. Quando le forze dell'ordine sono arrivate al campo rom, non hanno trovato il 37enne. Nella sua roulette è stato rinvenuto però il braccialetto che i tecnici gli avevano fatto indossare solo poche ore prima.

Dopo alcune ore di ricerca, l'uomo è stato trovato ubriaco in un bar. Subito è scattato l'arresto per evasione e danneggiamento.

Commenti