Concordia, nove anni dal naufragio. Ma Schettino: "Io vittima"

A 9 anni dal naufragio del transatlantico Costa Concordia, il legale di Francesco Schettino chiede la revisione della sentenza

Sono passati nove anni esatti da quando la Costa Concordia naufragò al largo delle acque dell'Isola del Giglio. Trentadue persone morirono in mare, decine furono i feriti e due i dispersi. Per quel tragico incidente fu imputato e condannato di omicidio colposo il comandante Francesco Schettino che oggi, alla vigilia della dolorosa ricorrenza, chiede un nuovo processo. "Schettino non ha avuto alcuna responsabilità di omicidio colposo", afferma il suo legale, l'avvocato Saverio Senese all'Adnkronos.

La tragedia

Alle 21:45:05 del 13 gennaio 2012, Il translatantico Costa Concordia, in navigazione da Civitavecchia a Savona per una crociera nel Mediterraneo, urtò il più piccolo degli scogli de Le Scole, prominenza situata a circa 500 metri dal porto dell'Isola del Giglio. Il sinistro provocò uno squarcio di circa 70 metri nello scafo. A seguito del violento impatto, la nave sbandò progressivamente sul lato di dritta (alla destra) fino a sprofondare verso il fondale e con solo la prua emergente. Delle 4232 persone che viaggiavano a bordo dell'imbarcazione, 32 persero la vita mentre decine furono i feriti. I corpi senza vita di 30 vittime furono recuperati tra il momento del naufragio e la fine del marzo 2012, mentri i resti di 2 dispersi furono rinvenuti rispettivamente uno nell'ottobre 2013, dopo le operazioni di raddrizzamento per la rimozione della nave e l'altro il 3 novembre 2014, durante le operazioni di smantellamento della nave nel porto di Genova. Il 12 maggio del 2017 la corte di Cassazione condannò in via definitiva il comandante Francesco Schettino a 16 anni di carcere con l'accusa di omicidio colposo plurimo. Il comandante abbandò la nave senza prima assicurare la vita dei viaggiatori e del personale di bordo.

Richiesta revisione del processo

A 13 anni dalla dolorosa ricorrenza il caso potrebbe essere riaperto. Il legale di Schettino, l'avvocato Saverio Senese, sembrerebbe pronto a chiedere una revisione della sentenza. "Entro la settimana entrante, a Genova, depositeremo la richiesta di revisione della sentenza, perché riteniamo ci siano prove significative che non sono state vagliate adeguatamente, così come ne sono sopravvenute di nuove non prese mai in considerazione. - dichiara il legale all'agenzia stampa Adnkronos - Schettino non ha avuto alcuna responsabilità di omicidio colposo. Per quanto riguarda invece il naufragio non impugneremo la sentenza, perché ci sono colpe del mio assistito".

Se per i giudici della Cassazione la condotta del comandante fu "negligente" , in violazione di numerose e precise regole di navigazione, per l'avvocato Senese, invece "è stata corretta - sostiene - Appena avvenuta la tragedia si è subito costituito, è stato condannato, sta espiando la pena in silenzio nel carcere Rebibbia di Roma. Tanti i giornalisti e le richieste di interviste a lui sulla vicenda, ma le ha sempre rispedite al mittente. Si è rifiutato perché ha seguito la regola che le sentenze si rispettano e non si criticano. Noi andremo avanti. Tra marzo e aprile, poi, speriamo venga fissata la data del ricorso alla Corte Europea". Il legale ne è certo. "Schettino è vittima di un errore giudiziario, porteremo avanti la battaglia che serve a ridargli la dignità che gli hanno tolto, anche perché gli anni che gli restano da scontare non sono tanti e con benefici di legge, buona condotta e permessi uscirà tra non molto tempo. Ma noi vogliamo la verità. Il suo nome è stato infangato, frasi del tipo 'non fare lo Schettinò sono diventati luoghi comuni e questo non è accettabile", ha concluso l'avvocato Senese.

"Ricordo le urla e il dolore, Schettino sullo scoglio"

Sono passati 9 anni dal tragico naufragio, ma le grida delle persone cadute in mare riecheggiano dolorosamente tra i ricordi di Roberto Galli, comandante della polizia Municipale dell'Isola del Giglio. "Un ricordo che rimarrà per sempre, - dice all'Adnkronos - nella mia testa e nel mio cuore. In quel dramma ho anche stretto amicizie importanti. Sono cose che ti restano dentro, ricordo le urla, il dolore". Fu lui a trovare Francesco Schettino sullo scoglio dopo che ebbe abbandonato la nave. "Il comandante - racconta - quando lo vidi, non accettò la mia richiesta, il mio consiglio, di tornare a bordo della nave. Se lo avesse fatto, sicuramente sarebbe cambiata la sua posizione anche a livello processuale. Poteva e doveva dare una mano a chi stava combattendo per rimanere in vita e salvarsi. Ma in quel momento preferì rimanere lì, senza far nulla. Una scelta sua, che ha pagato, così come hanno pagato in tanti con la vita".

Ma Schettino, a detta del comandante Galli non è l'unico responsabile per quella tragedia. "Lui ha le sue colpe, certo - dice - era il comandante della nave e come tale doveva essere l'ultimo ad abbandonarla. Ma non sono sue tutte le responsabilità. Esperienza di navigazione ne ho poca, ma sono un uomo di mare. Quella notte, una notte calma, tranquilla, senza nebbia né mare mosso, era impossibile non vedere il bagliore del porto, le luci arancioni del faro. Vidi la rotta della Concordia, era spostata verso Sud, chi era al comando in quel momento, e non era certo Schettino, ha commesso un errore imperdonabile. Questo chiaramente non assolve Schettino, anche perché poi raccontò di essere caduto dalla nave, ma stranamente i vestiti erano asciutti. Le colpe, però, non sono tutte le sue".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Tizzy

Mar, 12/01/2021 - 19:02

Anche se più che forse il "sistema" è sbagliato, non dovrebbero essere permessi gli "inchini" e non si valutano abbastanza bene le persone per i ruoli....Schettino, buon pilota di navi, ma non così responsabile per fare il comandante.....Non si può certo ritenere vittima colui che ha anteposto l' esibizionismo alle responsabilità nei riguardi di quelle persone che avrebbe dovuto tutelare....... Poteva benissimo scegliere diversamente.......

Ritratto di Gabriele184

Gabriele184

Mar, 12/01/2021 - 19:33

Ormai in Italia siamo imbattibili nello stravolgere la realtà.. Nessuno è più responsabile di quello che fa.. tutti sono vittime.. oggi il lamento di Schettino, tra qualche tempo ci toccherà sentire Conte, Speranza e Arcuri che racconteranno i loro mesi di sofferenza e di "senso di responsabilità", come suggerisce Mattarella.. Il buonismo,la mancanza di ragionevolezza e di dignità sono gli ingredienti principali della nostra rovina!

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 12/01/2021 - 19:41

te la sei svignata prima di tutti. Direi un perfetto candidato del pd

ex d.c.

Mar, 12/01/2021 - 19:43

Come Comandnte ha la responsabilità dei danni materiali ma i decessi sono da imputare al personale di bordo che ha disatteso gli ordini muovendosi di propria iniziativa.

oracolodidelfo

Mar, 12/01/2021 - 19:47

Sta a vedere che la vittima è Schettino ed i colpevoli sono i 32 morti...

razzaumana

Mar, 12/01/2021 - 19:58

Gabriele 184 - 19:33 Parole sante.Tutti colpevoli...nessun colpevole.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mer, 13/01/2021 - 13:14

patetico,

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 13/01/2021 - 15:36

ccià raggione l'azzeccagarbugli!!!che colpa ne ha 'o capitano responsabile dello schiaanto della nave se 32 passeggeri, per fargli dispetto, sono morti e gli innumerevoli feriti..altrettanto??? l'itaglia paese dei balocchi, ajooo!!

lorenzovan

Gio, 14/01/2021 - 12:56

all'italiana...praticamente..i colpevoli sono sempre ed esclusivamente gli altri..per trovare scuse ..anche le piu' impensabili ..siamo un vero popolo di artisti..quella del "a mia insaputa" ha fatto successo pure all'estero