Vatileaks 2, chiesto un anno per Nuzzi e l'assoluzione per Fittipaldi

Al processo Vatileaks 2 chiesti 3 anni e un mese per monsignor Balda e 3 anni e 9 mesi per la Chaouqui che si presenta col bambino appena nato

Vatileaks 2, chiesto un anno per Nuzzi e l'assoluzione per Fittipaldi

Vatileaks 2 arriva alle battute finali. Il processo riguarda la divulgazione dei documenti riservati della Santa Sede ai giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, autori rispettivamente di ‘Via Crucis’ e ‘Avarizia’. Imputati in qualità di ‘corvi’ sono il monsignor Lucio Angel Vallejo Balda Francesca Immacolata Chaouqui, membri del Cosea, la Commissione referente di studio e indirizzo sull'organizzazione delle strutture economiche e amministrative della Santa Sede.

L’udienza di oggi è servita per esporre le requisitorie dei promotori di giustizia Gian Pietro Milano e Roberto Zannotti e per le arringhe i difensori dei cinque imputati. Le pene più dure sono state chieste per la Chaouqui (3 anni e 9 mesi) e per il monsignor Balda (3 anni e un mese), mentre per Nuzzi si è chiesto un anno di carcere per concorso morale e per Fittipaldi l’assoluzione per mancanza di prove. Infine, un anno e un mese per Nicola Maio, ex collaboratore di Balda e della Chaouqui. Quest’ultima si è presentata in Aula con il figlio, Pietro Elijah Antonio, nato il 14 giugno. "Aver portato mio figlio con me in tribunale non è una provocazione. Ho necessità di allattarlo ogni tre ore, - ha spiegato la pierre - ma in ogni caso lui è il protagonista fin dal primo giorno di questa vicenda in quanto si è voluto agire contro una donna incinta".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti