Cronache

Venezia, controlli rafforzati e varchi. Il Carnevale fa i conti col terrorismo

Presentato il piano per difendere la laguna nel suo momento più gioioso. Unità in borghese, calli bloccate e massima allerta

Venezia, controlli rafforzati e varchi. Il Carnevale fa i conti col terrorismo

Prima ancora che prenda il via, il Carnevale di Venezia di quest'anno è già diverso dalle passate edizioni. Lo dicono misure di sicurezza rafforzate, pensate per scongiurare qualsiasi possibile rischio legato al terrorismo.

Non sarà facile come sempre entrare in Piazza San Marco e non lo si potrà fare prima di superare i varchi e i controlli effettuati su tutti e ogni cosa. È stato presentato oggi il piano, messo a punto dalla Questura e dal comando della polizia locale, che prevede controlli anche a Piazzale Roma e alla ferrovia e sui percorsi che portano a San Marco.

Alle Procuratie, alla Torre dell'Orologio, al ponte della Paglia e alla Zecca gli ingressi alla piazza. Le altre calli saranno chiuse e potranno essere utilizzate soltanto per uscire. Metal detector saranno messi sia all'ingresso di piazza San Marco che in altre zone della città.

I mezzi per i soccorsi si concentreranno in Piazzetta dei Leoncini. Due task force in borghese aiuteranno a prevenire i reati e controllare possibili minacce terroristiche. In città ci saranno anche artificieri, unità cinofile e tiratori scelti. Vietato l'uso dei droni.

Commenti