Venezia, ecco il software che predice tutti i reati

Un uomo è stato arrestato per furto, grazie alle indicazioni dell'algoritmo

È stato arrestato dalla polizia di Venezia grazie a un algoritmo che ha previsto il furto. L'uomo, 55 anni, aveva sfondato la porta di un bar di un hotel e si stava dirigendo verso la cassa. Il portiere ha allertato la polizia che è immediatamente intervenuta e ha arrestato il ladro, nonostante abbia cercato di scappare passando dalla zona riservata i taxi.

La tempestività dell'intervento è stata resa possibile grazie ai calcoli di X-Law, un algoritmo che permette di prevedere quando e dove un malvivente commetta i reati. Il software è stato messo a punto dalla questura di Napoli, che si è basata sulle denunce fatte alla polizia, individuando così i luoghi maggiormente esposti ai furti.

L'altra notte, X-Law aveva segnalato che tra le 3 e le 4 si sarebbe potuto verificare un furto nella zona dove ha sede l'hotel di Venezia: "Ore 3, furto in esercizio commerciale" e, poco dopo,"Ore 4, furto con spaccata in esercizio commerciale". Così, la sala operativa ha avvisato gli agenti, che si sono recati sul posto, riuscendo a prendere il ladro con le mani nel sacco.

X-Law non è l'unico software che viene in aiuto alle forze dell'ordine: è stato creato anche un algoritmo che anticipa i terroristi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ciruzzu

Sab, 17/11/2018 - 11:33

Proporrei un software che dia anche le sentenze e mandare a casa il 70% della magistratura

Fjr

Sab, 17/11/2018 - 11:48

La Precrimine di Tom Cruise

stefano751

Sab, 17/11/2018 - 12:58

Perchè questo algoritmo possa funzionare bisogna anche prendere in esame tutte le denunce di furti fatte negli ultimi 50 anni.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 17/11/2018 - 15:19

Per me, programmatore in pensione, é una bufala. Premesso che l'algoritmo é uno schema, cioé la rappresentazione grafica (cilindri, rettangoli, rombi... Collegati da linee) della logica interna di un programma, indipendentemente dal linguaggio con cui é scritto, e non un "Abracadabra" tipo DNA, c'è da chiedersi se non sia un modo per fregare soldi alla pubblica amministrazione.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 17/11/2018 - 16:25

NE RIPARLIAMO ALLA PROSSIMA STRAGE,ATTENTATO, O RAPINA IN CASA CON VIOLENZA!