Venezia, ecco il software che predice tutti i reati

Un uomo è stato arrestato per furto, grazie alle indicazioni dell'algoritmo

Venezia, ecco il software che predice tutti i reati

È stato arrestato dalla polizia di Venezia grazie a un algoritmo che ha previsto il furto. L'uomo, 55 anni, aveva sfondato la porta di un bar di un hotel e si stava dirigendo verso la cassa. Il portiere ha allertato la polizia che è immediatamente intervenuta e ha arrestato il ladro, nonostante abbia cercato di scappare passando dalla zona riservata i taxi.

La tempestività dell'intervento è stata resa possibile grazie ai calcoli di X-Law, un algoritmo che permette di prevedere quando e dove un malvivente commetta i reati. Il software è stato messo a punto dalla questura di Napoli, che si è basata sulle denunce fatte alla polizia, individuando così i luoghi maggiormente esposti ai furti.

L'altra notte, X-Law aveva segnalato che tra le 3 e le 4 si sarebbe potuto verificare un furto nella zona dove ha sede l'hotel di Venezia: "Ore 3, furto in esercizio commerciale" e, poco dopo,"Ore 4, furto con spaccata in esercizio commerciale". Così, la sala operativa ha avvisato gli agenti, che si sono recati sul posto, riuscendo a prendere il ladro con le mani nel sacco.

X-Law non è l'unico software che viene in aiuto alle forze dell'ordine: è stato creato anche un algoritmo che anticipa i terroristi.

Commenti

Grazie per il tuo commento