La verità sulle mascherine

Quali sono e quanto costano le mascherine per fermare il Coronavirus? Ecco tutto quello che dovete sapere

La verità sulle mascherine

Alberto Spasciani ha 45 anni di esperienza nel settore oggi critico delle mascherine, che servono come il pane per combattere l’infezione del Covid 19. La ditta fondata nel 1892 porta il nome della famiglia che ha fornito le maschere militari e gli occhiali protettivi per i soldati della prima e seconda guerra mondiale. E poi per i lavoratori del XX secolo, i minatori ed i vigili del fuoco. L’azienda Spasciani nata nel cuore di Milano e trasferita ad Origgio, in provincia di Varese, è una delle poche realtà italiane specializzate in dispositivi di protezione individuale fondamentali nella lotta in prima linea al virus.

Il governo vuole acquistare 34 milioni di mascherine, compresi 10 milioni di quelle veramente protettive per il virus. E’ possibile?

“Non sarà facile trovarle sul mercato. Le mascherine certificate, che fermano il virus, normalmente sono un dispositivo di protezione utile all’industria. La richiesta mondiale si attesta normalmente su qualche milione di pezzi all’anno. Il 90% è di provenienza cinese in nome della globalizzazione. Ora se ne chiedono svariati milioni in brevissimo tempo in un solo Paese”.

Non potevamo pensarci prima, quando l’epidemia è scoppiata in Cina?

“All’alba della crisi epidemica il governo ha cominciato timidamente a chiedere ai fabbricanti italiani, quattro scarsi, quali erano le scorte disponibili. Poi ha bloccato l’export. Ma quale, visto che siamo pochi? E adesso hanno addirittura stoppato tutti i dispositivi di protezione individuali, che comprendono elmetti, scarpe, cinture. Nulla a che fare con la lotta al virus. Dei nostri carichi sono fermi in dogana per questo assurdo motivo. La Germania, al contrario, ha fatto una lista precisa di prodotti da non esportare. Il governo avrebbe dovuto convocare subito i quattro fabbricanti attorno a un tavolo e favorire la realizzazione di nuovi impianti e attrezzature fornendo supporto economico. E obbligando tutta la filiera dei sub fornitori a dare precedenza a questa attività. Evidentemente non nell’immediato, ma con un logico tempo di avvio, le aziende avrebbero cominciato a sfornare i prodotti voluti sempre con maggior velocità e a prezzi "calmierati"".

E invece si è scatenata la speculazione…

“I prodotti migliori solitamente sono venduti nei negozi specializzati per l’industria e non nelle farmacie. La nostra associazione di categoria ha stabilito dei prezzi minimi e massimi per le Ffp2 e Ffp3 (le mascherine veramente protettive nda) che variano da 0,80 centesimi a 9,50 €. Poi ci sono quelle non monouso con prestazioni elevate, che possono arrivare a 18 €. E’ inaccettabile che una mascherina sia stata acquistata in farmacia a 60 euro. E quelle che ci venderanno i cinesi per “aiutarci” (2 milioni nda) variano da 1 a 3 € al massimo. Anche in rete si trovano offerte assurde. Per non parlare delle mascherine vendute nei centri commerciali che non servono a nulla. E pure se ne trovi una adeguata devi sostituirla ogni 4 ore, se vuoi continuare a venire protetto”.

Però impazzano le proposte di mascherine con la carta da forno o altre improbabili trovate. Cosa ne pensa?

“Purtroppo si magnifica l’ingegno di chi insegna a realizzare pericolosissime mascherine fai-da-te! Quelle con la carta da forno e altre stupidaggini del genere. Se la gente le usa si espone a rischi maggiori perché sta meno attenta a rispettare le distanze di sicurezza o ad evitare assembramenti. In realtà queste genialate non forniscono alcuna protezione, però vengono pubblicizzate anche da importanti trasmissioni tv”.

Dalla crisi della mascherine ne usciamo solo chiedendo aiuto alla Cina, che ci ha portato il virus?

“Qualsiasi aiuto è utile, ma dovremmo evitare di dipendere da chiunque a cominciare dai cinesi. Israele, quando lancia una gara, come ha fatto pochi giorni fa l’Italia per le mascherine, prevede sempre una bella percentuale garantita per le proprie aziende in maniera tale da mantenere la produzione interna. Noi abbiamo una società in Spagna e siamo stati saturati dagli ordini del governo di Madrid. E purtroppo ci si ostina a non prendere in considerazione utili alternative”.

Cosa intende?

“Non vengono presi in considerazione altri mezzi protettivi uguali o più validi delle cosiddette mascherine. Dispositivi che non sono monouso, ma che si possono utilizzare a lungo. Le semimaschere di cui parlo raccolgono l’inquinante nei filtri ricambiabili. Non lo dico solo perché le produciamo noi in Italia, ma per il fatto che ogni prodotto del genere potrebbe sostituire 300-400 mascherine”.

Commenti