Peruviano si spoglia davanti a poliziotti, poi gli atti osceni

Ancora in preda ai fumi dell'alcol dopo una serata di bagordi in compagnia del fratello 18enne, il peruviano si è subito mostrato ostile nei confronti degli uomini in divisa, giunti sul posto dopo le segnalazioni ricevute

Si denuda e compie atti di autoerotismo davanti ai rappresentanti delle forze dell'ordine, per questo motivo un giovane straniero è stato denunciato a piede libero a Vicenza ed ha ricevuto una sanzione amministrativa.

Come segnalato dalla stampa locale, il 23enne di nazionalità peruviana aveva trascorso una serata ad elevato tasso alcolico in compagnia del fratello di 18 anni, vagando per i locali della città.

Completamente stordito, si era quindi accasciato per terra davanti al locale Custom Club di via Zamenhof, dove è stato trovato da alcuni clienti intorno alle 6:30 di sabato mattina. Questi ultimi hanno contattato le forze dell'ordine, ma all'arrivo degli uomini della questura di Vicenza il sudamericano ha dato in escandescenze.

Prima le minacce ed i pesanti insulti rivolti ai poliziotti, a cui non ha premesso di avvicinarsi e di farsi identificare. Successivamente, dopo essersi spogliato completamente, ha iniziato a masturbarsi davanti ad una piccola folla di curiosi ed agli stessi uomini in divisa.

Fermato, il 23enne è stato tratto in arresto e condotto negli uffici della questura. Per lui una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, oltre ad un'ammenda da poco più di 10mila euro, a causa della contestazione dei reati depenalizzati di turpiloquio, ubriachezza molesta e atti osceni in luogo pubblico. Sanzionato per ubriachezza molesta anche il fratello di 18 anni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Brutio63

Lun, 21/10/2019 - 16:22

Ma che multe ? Non le pagano e ci ridono dietro! Spreco di tempo e soldi pubblici Espulsione con accompagnamento presso la sua ambasciata, consegna in carico all’ambasciatore con divieto di uscita e braccialetto di controllo