Virus, trovata la molecola che ne blocca il "motore"

I ricercatori tedeschi hanno individuato la molecola in grado di inibire la proteina che permette la replicazione del virus. In laboratorio si lavora per creare farmaci efficaci. Ma ci vorrà tempo

Si chiama 13b, la nuova arma che potrebbe essere usata per la produzione di farmaci efficaci contro il nuovo coronavirus. Si tratta di una molecola, individuata da un gruppo di ricercatori tedeschi, in grado di inibire il "motore" del Covid-19, quello che ne consente la replicazione.

La scoperta di questa molecola è stata possibile grazie all'analisi in 3D della struttura dell'enzima usato dal virus per replicarsi nelle cellule umane, chiamato proteasi. Grazie al modello "a cristallo" del Covid-19, messo a punto dagli scienziati dell'Helmholtz-Zentrum Berlin für Materialien und Energie e dell'University of Lübeck , si è potuto analizzare la proteasi in tre dimensioni. La vista in 3D della proteina, infatti, ha permesso agli scienziati di individuare i punti deboli del virus, per capire quali bersagliare, per sconfiggerlo.

Per il momento, come riferisce l'Ansa, la molecola 13b è stata testata in provetta sulle cellule di polmone umano, infettate dal coronavirus. La molecola è entrata subito in azione. La sperimentazione è stata avviata anche sui topi, dimostrando di non essere tossica e di poter essere somministrata per via inalatoria.

Ora, il gruppo di ricercatori è al lavoro per cercare di trasformare la molecola che blocca il "motore" del virus in un farmaco. Ma, prima che diventi disponibile, potrebbero volerci degli anni. Ma, grazie alla nuova scoperta e grazie all'analisi in 3D della struttura del virus, sarà possibile progettare dei nuovi farmaci, individuando i punti deboli del Covid-19. Per ricavare le immagini della struttura virale, i ricercatori hanno usato i raggi X ad alta intensità della struttura di Berlino, messo a disposizione per contribuire alla sconfitta del Covid-19.

Nuove speranze arrivano anche da altri farmaci. Il presidente americano, Donald Trump insiste sull'uso dell'idrossiclorochina, un antimalarico, mentre le autorità cinesi hanno riferito di un farmaco usato in Giappone per curare l'influenza, il favipiravir. In Italia, l'agenzia del farmaco sta procedendo con un rapido processo di approvazione per i medicinali usati "off label" negli ospedali: si tratta di farmaci a base di remdevisir e tocilizumab. Allo Spallanzani, invece, sono stati usati due farmaci antivirali, il lopinavir/ritonavir e il remdesivir, per curare i due coniugi cinesi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

roberto67

Lun, 23/03/2020 - 10:20

Il Favipiravir, commercializzato come Abidol o Arbidol in Giappone e Russia, è risultato efficace se utilizzato all'inizio dell'infezione. Oltretutto questo farmaco è molto usato per la profilassi contro la comune influenza, al posto dei vituperati vaccini. Probabilmente proprio per questo motivo in Italia non è commercializzato, farebbe concorrenza ai vaccini. Noi, per la profilassi, possiamo usare solo la vitamina C.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 23/03/2020 - 10:20

ok bene ma noi di tempo non ne abbiamo molto

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 23/03/2020 - 10:29

Ed hora voi italienen se non vi mettete in ginocchio non ve la diamo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 23/03/2020 - 10:41

Pare di capire che è solo questione di anni ed il farmaco è pronto subito.

schivalenza

Lun, 23/03/2020 - 10:42

Adesso basta, però! "C'è la molecola...Ma ci vorrà tempo". C'è, tempo presente. Ci sarà, tempo futuro. Credo che in parecchi ne abbiamo le scatole piene di titoli salvifici per articoli che li smentiscono. Va bene voler vendere copie, ma c'è un limite a tutto. E la chiamano informazione!

Ezeckiel

Lun, 23/03/2020 - 11:10

non mi risulta nella storia che la germania antica e moderna sia stata di utilità a qualcuno

Renny60

Lun, 23/03/2020 - 11:25

Un'altra arma di ricatto in mano ai tedeschi/francesci??

Raffaello13

Lun, 23/03/2020 - 11:30

Sembra indecente che l'AIFA voglia contrastare il Veneto che ha annunciato di voler Sperimentare il Favipiravir, adducendo la mancanza di sperimentazione. Si preferisce tuttora Lasciare a Casa molte Persone con Febbre, Dipnea, SENZA ASSISTENZA, perchè di fatto i Telefoni dei servizi sono OCCUPATI, Nessuno viene a Domicilio, i Medici di Base sono Irraggiungibili, qualcuno SOFFOCA a Casa Sua...

Raffaello13

Lun, 23/03/2020 - 11:36

Ho 70 anni, finora sto bene, ma nel caso NON ho nessuna Assistenza, se non che un Numero di telefono (sempre OCCUPATO!), in Farmacia NON ti danno NIENTE senza Ricetta, l'Ossigeno te lo SCORDI,gli Ospedali dedicati sono a 50 Km, e questo sarebbe il S Sanitario Migliore del Mondo!

trasparente

Lun, 23/03/2020 - 11:43

E nel frattempo che preparino il vaccino, noi che facciamo? Aspettiamo in casa? Toc, toc...

trasparente

Lun, 23/03/2020 - 11:47

L'importante che il farmaco non sia più tossico del virus.

montenotte

Lun, 23/03/2020 - 12:01

Pare che negli ospedali, sopratutto della lombardia, non ci siano cittadini extracomunitari ricoverati e in special modo africani tra i contagiati. Si dice che sono vaccinati contro la Tubercolosi per questo il Covid 19 non li aggredisce? Ad esempio a Borgo San Giacomo ci sono 5000 abitanti di cui 3500 indiani, ma solo gli italiani sono stati aggrediti dal virus.

Sempreverde

Lun, 23/03/2020 - 12:16

Siamo pieni di farmaci vaccini supercomputer e magnifici scienziati. Ovunque! E moriamo ... prima di polmonite poi di disperazione e poi di fame.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 23/03/2020 - 12:29

Questo significa che il governo e chi per esso, non ha avuto alcuna capadità di informarsi a livello internazionale ( vedi Conte e di maio ) su possibili rimedi in atto. Una totale incapacità colpevole ai massimi livelli che potrebbe essere riconosciuta come colpevolezza in concorso di strage. Sissignore , essi sono colpevoli, colpevoli di aver snobbato, per fini meramente politici, la pericolosità del virus, basti pensare che il " di maio " ebbe la felice pensata di inviare in Cina mascherine e quant'altro senza pensare all'Italia. Conte poi é assurto nell'Olimpo dell'Incapacità totale. A mio modesto parere ci sono gli estremi per perseguirli, insieme alla La morgese che ha avuto la bella pensata di distribuire in tutto il terriorio italiano gli extracomunitari sbarcati, senza poi dimenticare le ONG, quest'ultime ree di attentato continuativo alla salute degli italiani, in GALERA SUBITO. Basta o devo continuare?

Gianni11

Lun, 23/03/2020 - 13:47

Mah...la cloroquina che non costa niente e' stata gia' dimostrata efficace contro il virus ma non si usa. Come mai? Troppe cose di questa storia del virus cinese non tornano.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Lun, 23/03/2020 - 13:55

DATECI UN PIO DI CONFEZIONI DI TUTTI QUESTI FARMACI POI CHI NON MUORE GUARISCE, UNA VOLTA MI DICEVANO CHE:QUANDO IL MEDICO STUDIA IL MALATO MUORE

roberto67

Lun, 23/03/2020 - 14:01

La sperimentazione per verificare la non tossicità è stata avviata anche sui topi. Visto che la tossicità di qualsiasi sostanza varia da specie a specie, va sperimentata su ogni specie animale che dovrà essere trattata con il farmaco. Ma non pensavo che dovessimo curare anche i topi.

Viper62

Lun, 23/03/2020 - 14:25

Perchè Il Giornale non si fa fautore di una campagna contro l'AIFA che, come tutte le lobby dei farmaci, davanti alla salute della gente mette gli interessi economici? In Giappone, dicasi Giappone, non un paese remoto del terzo mondo, hanno utilizzato l'Avigan per la cura del Coronavirus e l'hanno debellato quasi completamente. Qui da noi l'AIFA ha dichiarato che non è un farmaco autorizzato, perchè non ci sono evidenze scientifiche che funzioni!!!! Ma stiamo scherzando? I malati guariti in Giappone non sono evidenze scientifiche? La verità è che questo Avigan è un potente anti-influenzale utilizzato al posto dei nostri vaccini e quindi capite bene quale danno economico subirebbero per le aziende farmaceutiche. VERGOGNA!!!