Stuprava la propria compagna. E la obbligava a mangiar fango

Un vero incubo per la vittima, il compagno abusava di lei e la picchiava per futili motivi legati spesso alla gelosia, le telecamere di videosorveglianza lo hanno incastrato mentre l'aggrediva dentro un tabacchino

Picchiava con violenza e maltrattava la compagna sottoponendola a situazioni umilianti, poi l’aggressione all’interno di un tabacchino e le riprese della telecamera di videosorveglianza che lo hanno incastrato consentendone l’arresto. Siamo a Pechino, in provincia di Siracusa e l’uomo in questione è C.C., un 37enne del luogo che, per diverso tempo, ha tenuto la fidanzata 48enne in condizione di assoggettamento nei suoi confronti. Secondo i risultati delle indagini emerse, l’uomo, in più occasioni e per futili motivi legati spesso alla gelosia, avrebbe aggredito la vittima costringendola a sottomettersi a situazioni mortificanti.

La donna era vittima dei comportamenti della peggior specie: una volta la poveretta è stata picchiata dal compagno in un fondo agricolo perché lui è stato colto dalla gelosia verso l’ex fidanzato di lei. Dunque l’ha trascinata nella campagna di sua proprietà, l’ha scaraventata per terra prendendola prima a calci e pugni per poi aggredirla con un oggetto di ferro che le ha causato diverse ecchimosi su tutto il corpo e una frattura lacero contusa alla testa.

Non sono mancati gli atteggiamenti in cui la donna è stata mortificata e costretta con la forza ad eseguire gli ordini dell’uomo: costretta a strisciare per terra ha dovuto mangiare del fango senza potersi ribellare. Una vita da inferno, un incubo dal quale la vittima non riusciva a liberarsi. Lui sempre accanto a lei ad opprimerla, minacciarla e punirla per ogni comportamento contrario ai propri desideri.

La 48enne è stata più volte vittima anche di violenza sessuale. Durante un litigio, come si evince dall’ordinanza di custodia cautelare, il 37enne ha portato con sé la donna in macchina, l’ha portata sempre nello stesso fondo agricolo e, afferrando un coltello che custodiva dentro il veicolo, l’ha minacciata ed insultata costringendola a compiere contro la sua volontà degradanti atti sessuali.

Poi si è aggiunta l’aggressione all’interno di un tabacchino ripresa dalle telecamere di videosorveglianza posizionate all’interno della stessa attività commerciale. Anche in quel caso emerge come l’uomo, per futili motivi, abbia aggredito la donna. Con un pugno l’ha scaraventata per terra e poi ha continuato a picchiarla prendendola a calci. Fortunatamente, tra i presenti, anch’essi intimoriti, vi è stato un uomo capace di allontanare l’aggressore in difesa della vittima. Per la donna adesso l’incubo è finito. Il violento fidanzato è stato arrestato dalla polizia e dovrà rispondere di diversi reati:sequestro di persona aggravato, violenza sessuale aggravata, lesioni personali aggravate, minacce e percosse ai danni della compagna.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 22/12/2019 - 10:53

....tra poco,uno,...due anni al massimo,esce,e per questa poveraccia l'incubo ricomincia....Abbiamo già i "nostrani" farabutti,non "isolati" da una "giustizia malata",perchè IMPORTARNE altri,che oltretutto,fanno ancora più danni dei "nostrani"?

cgf

Dom, 22/12/2019 - 11:08

gettate la chiave, imbottitelo di bromuro per endovena, nascondete la donna, elemento così quando uscirà la cercherà per vendicarsi

Anticomunista75

Dom, 22/12/2019 - 11:12

robe da pazzi, una donna viene presa a calci e un idiota li vicino non tenta nemmeno di fermare il violento. Scappa, col cellulare in mano...

enzolitti

Dom, 22/12/2019 - 11:28

Ma io mi chiedo: ma questa povera ragazza non ha nessuno? E' orfana? Me lo chiedo perchè, se si fosse trattato di mia figlia, a quest'ora altro che denuncia, lo avrei fatto a fette come la mortadella a questo vigliacco. Purtroppo oggi i padri non sono più come quelli di una volta!

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 22/12/2019 - 11:36

Con questo curriculum penale va lasciato dentro per sempre,con la speranza, malcelata devo dire,che in cella trovi pane per i suoi denti.

routier

Dom, 22/12/2019 - 12:06

Il fango lo farei mangiare a lui. Magari gli piace pure!

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Dom, 22/12/2019 - 12:09

UCCIDETE QUESTO BASTARDO

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 22/12/2019 - 12:14

Mi spiace per la povera vittima,per il carnefice galera a oltranza.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 22/12/2019 - 12:16

Comunque il comune è Pachino(SR) e non Pechino(siamo su un'altra longitudine.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Dom, 22/12/2019 - 13:12

Questa donna è una malata.

aldoroma

Dom, 22/12/2019 - 13:22

30 anni a questo BASTARDO

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Dom, 22/12/2019 - 13:41

E perche' pubblicate solo le iniziali C.C. di questo tizio? Volete proteggerlo? O si tratta di fake news?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 22/12/2019 - 17:44

Per scongiurare disumani trattamenti basta restaurare il matrimonio così com'era prima del Vaticano II quando queste bestialità non esistwvano, perché chi insidiava la donna degli altri finiva sotto processo, però uno la sua donna se la dove va tenere per sempre.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 22/12/2019 - 17:59

Basterebbe una cosa semplicissima e tutto terminerà. Tagliargli gli attributi. E' tutto lì, è una persona troppo focosa. Vuole avere rapporti ogni ora e lei non ci sta.

Ritratto di iovotosalvini

iovotosalvini

Dom, 22/12/2019 - 19:34

Bastone e olio di ricino

mikiz

Dom, 22/12/2019 - 21:43

Mettetelo in un carcere femminile a farlo sbranare dalle carcerate

ONIRAM66

Dom, 22/12/2019 - 21:55

Facile prendere a calci una donna...perché non te la prendi con un maschio...non hai le palle...ma prima o poi lo incontri...magari già in galera....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 22/12/2019 - 23:58

Chiaramente sarà libero subito?

acam

Lun, 23/12/2019 - 08:13

Leo Vadala Dom, 22/12/2019 - 13:41 E perche' pubblicate solo le iniziali C.C. di questo tizio? Volete proteggerlo? O si tratta di fake news? swemplice la notizia non à passata in giudicato ci vorranno anni, quindi il giornalista si previene da eventuale querele.

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Ven, 27/12/2019 - 13:55

@ acam - Piu' semplice ancora - si tratta di fake news. Una notizia VERA deve contenere nomi, cognomi, indirizzi, ecc. - eccettuato in pochi casi che riguardano i minorenni. Cordiali saluti.