Tutti i segreti del patto tra Pio XI e Mussolini

Papa Ratti aveva visto nel Duce un'arma contro il comunismo. Ma la svolta razzista lo indignò 

C orrendo l'anno 1939 Pio XI, al secolo Achille Ambrogio Damiano Ratti, aveva perduto il suo tradizionale, a volte rabbioso, vigore. La bussola arrugginita e il barometro da ascensione che conservava nel suo ufficio erano ormai solo uno sbiadito ricordo delle sue scalate sulle Alpi. Papa Ratti si sentiva anziano, stanco, malato. Non poteva più permettersi i ritmi di lavoro con cui, un tempo, stupiva tutta la curia. Eppure, pur acciaccato, il pontefice compulsava e vergava convulsamente fogli su fogli. Perché? Perché sentiva incombere sulla Chiesa la minaccia del nazismo e, molto probabilmente, sentiva un grave peso dovuto ai suoi accordi con chi del nazismo era stato il primigenio modello: Benito Mussolini. Ratti era salito sul soglio di Pietro il 6 febbraio 1922, dopo 14 estenuanti votazioni che contrapponevano i cardinali «zelanti» (che rimpiangevano Pio X) ai così detti «politicanti» (che avevano sostenuto le aperture di Benedetto XV), nessuno si sarebbe aspettato l'elezione dell'ex bibliotecario vaticano. E quest'uomo amante della montagna, e dei libri, si trovò, da subito, a dover affrontare una situazione italiana terribilmente turbolenta che culminò con la Marcia su Roma del 28 ottobre 1922. E se in Italia il fascismo picchiava pesante sulle sedi del Partito popolare e dell'Azione cattolica o sui sacerdoti che si opponevano alla presa di potere da parte delle camicie nere (il caso più noto è quello di Don Minzoni che la sera del 23 agosto 1923 venne ucciso con una bastonata alla nuca in un agguato squadrista) in altre nazioni il pericolo comunista sembrava essere addirittura peggiore. Un peso davvero grande per un nuovo Papa. Fu in questo contesto che Mussolini, noto mangiapreti in gioventù, operò un radicale e strategico cambio di rotta per svuotare dall'interno l'opposizione del Partito popolare. Iniziò ad ergersi a baluardo della tradizione cristiana e cattolica... Primo capo del governo italiano a farlo, nominò Dio in un discorso parlamentare. Quando poi incontrò in segreto il Cardinal Pietro Gasparri, segretario di Stato Vaticano iniziò un lungo percorso di riavvicinamento che culminò con i Patti lateranensi (11 febbraio 1929) e sanò la pesantissima frattura tra il Vaticano e lo Stato italiano. Una frattura apertasi assieme alla breccia di Porta Pia. Fu il massimo momento di successo politico per Mussolini ma per Pio XI si tratto di un pericoloso Patto con il diavolo come racconta lo storico David I. Kertzer (Rizzoli, pagg. 556, euro 24). Kertzer, che insegna antropologia e storia alla Brown University, sfruttando anche la recente apertura degli archivi vaticani, ricostruisce il complesso rapporto che venne a svilupparsi tra San Pietro e l'altra sponda del Tevere. Se all'inizio Ratti vide in Mussolini l'uomo della Provvidenza pian piano l'avvicinamento ad Hitler del dittatore gli rese chiaro il pericolo delle sue scelte. Aveva tollerato le pressioni sull'Azione cattolica, aveva mantenuto un basso profilo sulla guerra d'Etiopia, accettato il fatto che molti prelati fossero fascistissimi. Tutto questo nella speranza che Mussolini potesse essere un baluardo contro il comunismo. Non poteva però tollerare che Hitler avesse azzerato tutta l'istruzione cattolica in Germania e poi annesso l'Austria tiranneggiandone i vescovi (che per altro si piegarono alquanto in fretta). E più il tempo passava e più l'Italia si appiattiva sulle posizioni naziste. Il colpo finale furono le leggi razziali.

Kertzer illustra bene tutte le ambiguità del cattolicesimo degli anni Venti rispetto alla questione ebraica ma di certo Ratti non era disposto a cedimenti sul tema della razza. Tanto che convocò il gesuita americano Jhon LaFarge che aveva fondato il concilio cattolico interraziale. Voleva una enciclica forte (Humani Generis Hunitas) di condanna del nazismo e del razzismo e anche del fascismo che su quelle posizioni si era appiattito. Non riuscì a terminarla prima di morire. La sua lotta contro il tempo lo portò sino alle soglie di una svolta epocale, per altro osteggiata da molti membri della curia. Ad esempio, un suo duro discorso di condanna contro il nazismo e il fascismo era pronto per essere pronunciato proprio in occasione del decennale dei patti lateranensi. Quando dopo la morte di Ratti il suo successore, Pacelli, si trovò in mano quel documento penso fosse bene tenerlo ben occultato negli archivi (e sul perché la discussione durerà a lungo). Rimase nascosto per decenni. Ora Kertzer ricostruisce tutta la vicenda con una copiosissima dose di documenti (il volume ha più di cento pagine di note) anche se non sempre vagliando a fondo tutte le fonti (i presunti Diari di Clara Petacci andrebbero usati forse con più prudenza). E il libro farà discutere, perché attribuisce al Vaticano gravi responsabilità, o almeno gravi errori nel valutare il pericolo del fascismo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Simbruino

Simbruino

Mar, 01/04/2014 - 09:15

piu' che altro, il fascismo , come baluardo contro il comunismo fu' caldamente voluto, dopo il bienno rosso, proprio dai Savoia,e con il non recondito proposito di mantenersi la tasta attaccata al collo,vista la recente fine di Nicola II e dei Romanov in Russia ad opera di Lenin/,,Se non vi fosse stata rivoluzione di ottobre in Russia non sarebbe stato istituito il fascismo il Italia ,perche' per prima cosa il fascismo ,rivoluzionariamente manteneva lo status quo in Italia, quindi la monarchia ed il papato,,,,, elementare Watson

gurgone giuseppe

Mar, 01/04/2014 - 09:34

Ma non diciamo fesserie, il razzismo non l'ha certo inventato il fascismo, era insito nella civiltà occidentale da immemorabile tempo e la Chiesa ne era il maggior diffusore; propagandava gli ebrei come "i massacratori di Cristo" e le passate persecuzioni contro di loro non suscitavano la benchè minima indignazione. Tuttora negli strati sociali meno acculturati si conserva verso di loro una vena di diffidenza che è retaggio dell'indottrinamento clericale passato. L'atteggiamento della Chiesa nel dopoguerra cambiò in linea con la necessità di far nascere Israele, patria per gli ebrei ma per il mondo occidentale baluardo a guardia delle fonti di materie prime, minacciate dai movimenti per l'indipendenza nazionale mediorientali. Diciamo le cose come stanno, la Chiesa, ieri e oggi, è sempre stata complementare ai sistemi di potere e se non ne ha condiviso le scelte non le ha certo avversate.

Libertà75

Mar, 01/04/2014 - 11:33

@gurgone, sicuramente l'avversione agli ebrei era diffusa e promossa anche dalla Chiesa di Roma fino all'800, ma in Germania c'era (e c'è) il protestantesimo che ha fatto suoi percorsi autonomi e l'antisemitismo teutonico nasce soprattutto per una condizione di povertà diffusa e la necessità di trovare un capro espiatorio. All'epoca il fenomeno dell'usuraggio era attribuito alle persone di origine ebraica, anche se in realtà erano molti i non ebrei a praticarla. Quindi il nazismo ha trovato fertile terreno in popolazioni affamate, che avevano già un nemico comunemente riconosciuto.

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 01/04/2014 - 13:40

Siamo tutti razzisti. Chi odia gli Italiani chi odia gli stranieri che amano chi odia gli Italiani.Chi non sopporta i cani, chi odia i comunisti e fino qui ci si puo anche stare.

Mario Mauro

Mar, 01/04/2014 - 23:58

Il politicamente corretto, usato forse involontariamente dal Sacchi, impone che quando si parla di fascismo si dica "il pericolo fascista". Se nel primo dopoguerra non avessimo avuto questo "pericolo" sia l'Italia che il Vaticano avrebbero avuto il governo di un bel "fronte popolare", che altro che dittatura, altro che preoccupazioni del papa per il razzismo. Quanto a Pio XII, era fascista, come no. Essendo uno dei pochi sopravvissuti a quel periodo (Ho avuto persino, da ragazzino, un poco gradito buffetto proprio da Pio XImo, in un'udienza del '38 in cui mi avevano trascinato) posso assicurare il colto e l'inclita che allora non c'era praticamente meno libertà di adesso ( Certo che se non eri fascista non potevi avere certi vantaggi, esattamente come oggi non puoi averli se non sei, perlomeno, di sinistra) e la gente non era certamente più oppressa e infelice di oggi. Certo, certe cose non le potevi dire, esattamente come il Barilla oggi che deve fare mea culpa per aver osato sostenere la famiglia tradizionale. Ma non trovavi un'antifascista, nel popolo, a pagarlo a peso d'oro. Gli intellettuali poi, quelli stessi che dopo la sconfitta sono diventati comunisti, non passava giorno che non facessero lodi sperticate al regime(Vengo a sapere proprio in questi giorni, delle sviolinate di Dossetti, il santo partigiano) La guerra nel '39 avremmo dovuto farla comunque, anche se sarebbe stato meglio scegliere la parte vincente. Ma anche se avessimo scelto la parte vincente non saremmo in una posizione migliore di quella in cui ci troviamo oggi. Per concludere: la vulgata che paragona il fascismo con il nazismo o il comunismo sovietico è in malafede. Il politicamente corretto invece, pure. Quanto a Pio XII che non sarà fatto santo come tutti i suoi successori credo gli si addica la famosa frase scritta su un muro di Napoli dopo il declassamento di San Gennaro: "Santità (al posto di San Gennà) futtitenne".

gurgone giuseppe

Mer, 02/04/2014 - 07:17

Libertà 75, concordo con Lei sul fatto che spesso le minoranze etniche o religiose, per il loro scarso peso politico e la loro vulnerabilità, fungono da capri espiatori per i regimi in difficoltà, che in questo modo dirottano altrove responsabilità e sviano l'attenzione da problemi contingenti. Questo accade anchhe oggi in quelle che chiamiamo "democrazie parlamentari"