Diesel e benzina ancora con noi Quindi la «scossa»

L’auto del futuro sarà sempre più ecologica, è una certezza. Ma nei prossimi vent’anni, il predominio dei motori Diesel e benzina nel settore resterà incontrastato. Questi propulsori diventeranno sempre più economici e sarà possibile ridurre del 25-30% il consumo di carburante, ma non nutriamo falsi obiettivi: l’auto elettrica per molti anni ancora non conoscerà una diffusione elevata. Si stima che nel 2015 solo 5 milioni degli 85-90 milioni di nuovi veicoli che verranno prodotti nel mondo avranno propulsioni ibride e altri 500mila saranno ibridi plug-in o elettrici.
«Il mercato dell’auto elettrica comincerà ad avere importanza solo dopo il 2020 con 6 milioni di ibride e 3 milioni di plug-in su 100 milioni di auto nuove prodotte», questa previsione è di Wolf-Henning Scheider, responsabile dei sistemi a benzina di Bosch, il gigante tedesco, con oltre 280mila addetti, all’avanguardia nell’elettronica per auto. Secondo Scheider nel futuro a medio termine circoleranno vetture medio-compatte in grado di percorrere 100 chilometri con appena 3 litri di carburante. Da un lato, quindi, maggiore efficienza dei motori a scoppio, dall’altro la ricerca di carburanti alternativi considerando che le riserve di combustibili fossili sono limitate.
Gli stessi ricercatori di Bosch hanno già adattato i sistemi di iniezione all’utilizzo di etanolo e di carburanti biologici o sintetici e ora si stanno concentrando sul motore ibrido, sulle propulsioni totalmente elettriche e sul miglioramento delle prestazioni delle batterie. La casa tedesca sta inoltre lavorando sulla cella a combustibile come convertitore di energia. «I motori elettrici rappresentano il mezzo più efficiente di alimentazione dell’automobile. Una vettura con motore elettrico è in grado di percorrere 6,5 km con un kW/h».
La velocità di diffusione dell’auto elettrica è ostacolata da molti fattori. In primo luogo i limiti delle batterie agli ioni di litio in termini di costi e di capacità. L’autonomia che offrono è ancora scarsa. Un ruolo importante lo giocherà poi il prezzo del petrolio greggio e le normative antinquinanti come gli standard sulle emissioni di anidride carbonica2 nell’Ue e negli Usa. Nella aree metropolitane, dove nei prossimi anni vivranno oltre 500 milioni di persone, le elettriche saranno ideali per gli spostamenti nei contesti urbani e non avranno alcuna difficoltà a rispettare i più severi limiti sulle emissioni. Nelle stesse megalopoli cinesi si sta manifestando un crescente interesse per l’acquisto di auto ecologiche.
Secondo Scheider, la propulsione ibrida rappresenterà un ponte tra passato e futuro. I mild hybrid con funzione Start/Stop consentono un risparmio medio di carburante fino al 15% rispetto a un motore benzina a iniezione indiretta. C’è poi lo strong hybrid che funziona sulle brevi distanze esclusivamente a energia elettrica e permette di risparmiare carburante fino al 25%, senza ovviamente dimenticare le ibride plug-in che, ricaricandosi con il collegamento alla rete elettrica, percorrono brevi distanze a emissioni zero. «Tra tutte queste varianti, l’ibrido diesel mostra il potenziale maggiore di riduzione delle emissioni di anidride carbonica2. La soluzione ibrida sta aprendo la strada alla propulsione esclusivamente elettrica».

Commenti