Mondo

E Madoff si fa scegliere la cella dal "consulente delle prigioni"

Il finanziere ha assunto un consigliere: gli spiegherà com’è la vita dietro le sbarre e cercherà di farlo finire in un carcere meno duro

E Madoff si fa scegliere la cella 
dal "consulente delle prigioni"

Chi se ne intende di carceri dice che al detenuto 1727-054 sarà riservato un trattamento pessimo al suo arrivo in cella. E a poco serviranno gli attenti consigli del suo consulente per la prigione. Ma Bernie Madoff, 71 anni, ideatore della «madre di tutte le truffe», nonostante i 150 anni di prigione cui è stato condannato da una corte federale per aver sottratto a migliaia di ignari investitori 65 milioni di dollari, non andrà dietro alle sbarre come un criminale qualsiasi. A preparargli la via, a consigliarlo, a fare pressioni presso i giudici affinché gli sia assegnato a un carcere non eccessivamente duro, c’è un professionista. Già, perché Herb Hoelter - amministratore delegato della National Center of Institutions and Alternatives - è pagato per raccontare ai suoi clienti cosa succederà quando enormi porte di ferro si chiuderanno dietro le loro spalle, a preannunciare loro le angherie dei compagni di carcere e dei secondini, a consigliare una dieta da seguire in prigione...

Racconta Newsweek che per «un corso preparatorio telefonico», i consulenti americani si fanno pagare circa 3.500 dollari. Ma c’è chi vuole una lezione privata a tu per tu e allora la parcella sale fino a 10mila dollari. E mentre le vittime della maxi-frode di Madoff chiedono di riavere il denaro investito, il condannato più famoso del mondo, l’uomo che suo malgrado si è aggiudicato le copertine di tutti i giornali, investe in consiglieri per rendere meno traumatico il suo ingresso in prigione. Come molti, tutti piuttosto ricchi, hanno già fatto prima di lui. Tuttavia, Herb Hoelter con i suoi consigli non potrà salvare mister Madoff dall’accoglienza riservata nelle carceri ai nuovi arrivati. Per di più, il consulente, in un’intervista di alcuni anni fa rivelava al New York Magazine: «La mia esperienza con i criminali “colletti bianchi” è che le guardie li trattano molto peggio degli altri detenuti».

Per ora, quello che Hoelter può fare per il prigioniero 1727-054 è ottenere un carcere non eccessivamente duro. «Minimo», «basso», «medio», «alto»: questa è la classifica del Federal Bureau of Prisons per quanto riguarda i penitenziari degli Stati Uniti. Più si sale, maggiore è la sicurezza. Quindi maggiore è la possibilità che il condannato finisca in cella con pluri-omicidi, stupratori, serial killer. Con una condanna a 150 anni, Bernie Madoff ha ottime possibilità di ritrovarsi ai vertici della classifica. Così, il suo consulente e il suo avvocato, Ira Sorkin, per rendergli la vita più facile stanno provando a richiedere ai giudici un penitenziario «medio». Ma, spiega un altro consulente, Ed Bales, la fama del detenuto Madoff e la celebrità del suo caso non aiuteranno il nuovo prigioniero ad ambientarsi senza choc. Per questo non è escluso che il re della frode sia messo per qualche mese in cella d’isolamento.

Commenti