Assolegno: "Bene la gestione responsabile dei boschi, CO2 in calo di 50 milioni di tonnellate all'anno"

Il presidente Marchetti in occasione della Giornata dell'Albero: "Un patrimonio inestimabile che va difeso e valorizzato per avere enormi benefici sia in termini ambientali che economici sull’intero territorio nazionale”

“Ogni albero è un patrimonio inestimabile che va difeso e valorizzato attraverso una gestione corretta e responsabile dei nostri boschi. Il presupposto indispensabile per avere enormi benefici sia in termini ambientali che economici sull’intero territorio nazionale”, Angelo Luigi Marchetti, presidente di Assolegno che in FederlegnoArredo rappresenta circa 500 aziende italiane di prima lavorazione e costruzioni in legno interviene in occasione della Giornata Nazioale dell’Albero, che si celebra il sabato 21 novembre.

“È stata istituita istituita dalla Repubblica italiana per perseguire l'attuazione del Protocollo di Kyoto e promuovere la tutela dell'ambiente, la riduzione dell'inquinamento e la valorizzazione del patrimonio boschivo - ricorda Marchetti - e non possiamo non ricordare come, grazie alla loro elevata estensione, i boschi e le foreste italiane sottraggono dall’ambiente circa 50 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno”.

“Come era già stato riportato lo scorso anno nel primo Rapporto nazionale sullo stato delle foreste e del settore forestale, l'Italia conta oltre 11 milioni di ettari coperti da boschi e foreste, pari a più del 35% del territorio nazionale. Un’estensione e una varietà molto elevata che permette ai nostri boschi di ‘avorare al meglio. È altrettanto necessario sensibilizzare sempre di più istituzioni e opinione pubblica sul fatto che il settore delle costruzioni è responsabile del 40% delle emissioni di gas serra in atmosfera”.

“Non lo diciamo solo noi, ma l’ha recentemente ricordato anche il presidente della Commissione Europea Ursula von Der Leyen, pertanto - spiega Marchetti - il nostro impegno sarà volto affinché il consumo di fonti fossili sia ridotto ai minimi termini e massimizzato al contrario, proprio tramite una gestione responsabile del nostro patrimonio boschivo, l'impiego di fonti alternative e sostenibili dal punto di vista dell'economia circolare”.

“In tal senso, la capacità del legno di stoccare CO2 durante il ciclo di vita degli alberi rappresenta un importante driver di affermazione di tale materiale, in grado di accompagnare e favorire la crescita della filiera industriale a cui fanno capo le imprese di Assolegno”, conclude Angelo Marchetti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

wregrewgwerg

Ven, 20/11/2020 - 15:59

La tedesca Von Der Leyen ha sollecitato che il consumo di fonti fossili sia ridotto ai minimi termini perchè sta tentando di piazzare in europa le auto ibride e elettriche prodotte dalle case tedesche, non certo perchè le interessi l'ambiente tanto meno dell'Italia. Inoltre sarà bene che assolegno e federlegno stiano attenti a tutta la legislazione farlocca proveniente da bruxelles, cioè dalla germania, che mira soltanto ad aggravare di costi il settore del legno e dell'arredamento italiano,già gravato dalle tasse degli amici del sud Italia della germania, dal momento che in germania e nei paesi satelliti dell'est quelle regole certamente non le rispettano, sono fatte per danneggiare le aziende italiane. E' evidente che la germania e i suoi paesi satelliti dell'est mirano a scippare all'Italia, come fatto in altri settori, la leadership nel legno e arredo con tutti i colpi bassi possibile.

cir

Ven, 20/11/2020 - 18:23

IL legno e' l'unica risorsa che e' sempre rinnovabile. basta avere la lungimiranza di piantare 2 alberelli ogni volta che se ne abbatte uno.