La cifra choc della bolletta: quanto pagheremo a gennaio

Rincari inimmaginabili ci attendono nel 2022: oltre 1.200 euro di spesa in più per ogni famiglia sulle bollette di luce e gas. In attesa che intervenga il governo, l'assessore Guidesi lancia la sua proposta

La cifra choc della bolletta: quanto pagheremo a gennaio

Se il governo non interverrà, il 2022 sarà un salasso per le tasche degli italiani a causa del caro bollette: +50% quelle del gas, aumenti fino al 25% per quelle dell'elettricità.

La "previsione" nera

È quanto prospettato da Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia. Le motivazioni vanno ricercate in due grandi fattori: la crisi dell'energia causata dall'aumento dei prezzi del gas che non dà segnali di diminuzione e le tensioni sui mercati internazionali. L'unione di entrambe le problematiche avrà una ripercussione negativa sui prezzi che lieviteranno a partire da gennaio e dal primo trimestre del nuovo anno con il primo aggiornamento che verrà deciso da Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Ecco i rincari delle bollette

Due conti con la calcolatrice li ha fatti anche l’associazione Consumerismo ed i numeri che sono usciti non fanno presagire nulla di buono anche perché andranno a sommarsi con gli aumenti del 2021. Secondo i calcoli, il prossimo anno la spesa media per una famiglia potrebbe addirittura arrivare a costare 3.368 euro per luce e gas con un incremento superiore alle mille euro (per l'esattezza +1.227 euro) rispetto a quanto speso quest'anno. Salasso allo stato puro. Come si potrà mai far fronte ad un rincaro del genere? Secondo l'associazione, servono "almeno 10 miliardi di euro utili a contrastare rincari e speculazioni sui mercati internazionali dell’energia, ed evitare la maxi-stangata che sta per abbattersi sui consumatori".

Il dettaglio delle spese su luce e gas

A causa degli aumenti di cui ci siamo occupati sul Giornale.it, nell'anno in corso ogni famiglia italiana per la luce sostiene un costo medio di 783 euro e 1.358 euro per il gas. Vedendo che le quotazioni attuali di elettricità e gas stanno lievitando senza barriere e il nostro governo non ha ancora compiuto un'azione concreta, se la situazione dovesse rimanere questa, nel 2022 la spesa per la bolletta della luce salirebbe a 918 euro per ogni nucleo familiare (aumento di 135 euro annui) mentre quella per il gas schizzerebbe addirittura a 2.450 euro per una famiglia media con un rincaro di ben 1.092 euro. La somma di entrambe le bollette porterebbe ad un incremento complessivo di 1.227 euro annui a famiglia, una cifra senz'altro insostenibile. "Un quadro che avrebbe un impatto fortissimo sulle tasche degli italiani e rappresenterebbe un massacro per le famiglie, trattandosi di spese primarie irrinunciabili", denuncia l’associazione al Corriere della Sera.

L'idea dell'assessore: i soldi del RdC

L'assessore allo Sviluppo economico della regione Lombardia, Guido Guidesi, oltre a lanciare l'allarme ha lanciato anche un'idea: come abbiamo scritto sul Giornale.it, si potrebbe attingere a quella parte di bilancio destinata ad alimentare il reddito di cittadinanza. "Il problema", dichiara il rappresentante del Carroccio, "si risolverebbe utilizzando sia le risorse non ancora destinate sia quelle del reddito di cittadinanza perché se l’obiettivo è aiutare chi ha bisogno e sostenere l’ingresso nel lavoro allora l’abbattimento urgente dei costi dell’energia è funzionale a questi obiettivi".

Commenti