La bomba dopo l'estate che può metterci in ginocchio

Il 60% delle imprese italiane rischia la chiusura. A settembre è atteso un boom della disoccupazione. E da Bruxelles piovono solamente grane

La cassa integrazione che dopo mesi ancora non arriva. Le tasse che non accennano a diminuire. La produzione industriale collassata. Se è vero che tre indizi fanno una prova, allora c’è da essere davvero preoccupati su ciò che ci aspetta nel prossimo futuro. Magari dopo l’estate. Da settimane si parla di un detonatore che scandisce i minuti, le ore, i giorni. È una bomba a orologeria che presto, secondo molti, esploderà. È la preoccupazione ricorrente che non fa dormire sonni tranquilli al governo giallorosso. La "bomba d’autunno", così la definiscono, pende come una spada di Damocle sulle nostre teste. E al centro c’è l’occupazione. Dall’inizio del 2020 il governo stima una perdita di posti di lavoro pari a circa 500mila unità.

I dati sulla Cig spaventano l’esecutivo. Ad aprile e maggio, nonostante le riaperture dopo il lockdown, le ore autorizzate dei nuovi ammortizzatori sono state ben 1,7 miliardi. Lo scrive il Sole 24 Ore. Una misura che ha salvato circa 5 milioni di posti di lavoro. Certo. Ma che non basta. L’occupazione, infatti, è ferma al palo. Proprio per questo i tecnici del Mef e del ministero del Lavoro stanno pensando a una doppia mossa: favorire la ripresa delle assunzioni a tempo indeterminato, attraverso un nuovo meccanismo di incentivi fiscali, della durata di 6 mesi. Una sorta di nuovo bonus che è, tuttavia, ancora in alto mare. Il governo chiuso nel reality di Villa Pamphili si dice pronto a disinnescare l’ordigno. Ma il tempo passa e le sue azioni sono tutt’altro che concrete. Chiacchiere affidate al vento.

Il secondo intervento passa invece per l’ulteriore semplificazione della normativa sui contratti a tempo determinato. L’idea è quella di allungare almeno fino a dicembre il congelamento delle causali previste dal decreto Dignità su proroghe e rinnovi. Al momento, lo stop alle causali è in vigore fino a fine agosto. Ma anche in questo caso è guerra di bande tra le forze di maggioranza. Favorevoli a questa soluzione sono Pd e Italia Viva. Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, non è del tutto convinta.

All’orizzonte c’è, insomma, un panorama che fa sobbalzare anche i cuori più resistenti. La salvaguardia dei posti di lavoro passerebbe anche per il rifinanziamento e l’allungamento dei sussidi emergenziali (Cig, assegno ordinario, Cig in deroga) introdotti dal decreto Marzo e già prorogati e rifinanziati dal dl Rilancio, investendo già una dote complessiva intorno ai 20 miliardi.

Ma la cassa costa e parecchio. Ogni mese in più di Cig pesa di circa 6 miliardi di euro sul nostro bilancio. E il nostro debito, già pesante, rischia di non reggere l’urto di nuove misure assistenziali. C’è poi il nodo stop ai licenziamenti. Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, accanto al rinnovo della Cig d’emergenza, spinge per prorogare, il divieto di licenziamenti economici. Oggi lo stop ai licenziamenti individuali e collettivi è operativo fino al 17 agosto. La mossa della Catalfo è portarlo a ridosso della fine dell’anno.

La situazione economica del nostro Paese è complessa. Oltre il 60% delle imprese sono a rischio chiusura. E Bruxelles non ci appare d’aiuto. Certo, c’è il Recovery plan, il fondo Sure, la Bei, la Bce. Ma di concreto non arrivano aiuti degni di questo nome. Anzi, da lì pioveranno nuove regole che peseranno sui portafogli di privati cittadini e aziende. Le nuove norme interessano le banche. E prevedono in sostanza che, dal primo gennaio 2021, chi non salderà entro 90 giorni un arretrato di pagamento, anche modesto, sarà segnalato alla centrale dei rischi, con la conseguenza che i creditori saranno molto meno propensi a concedere finanziamenti.

Quelli di cui stiamo parlando sono alcuni regolamenti Ue. Misure che sembrano state create ad hoc per favorire il collasso delle aziende italiane e del nostro sistema economico. Fino a oggi le banche classificavano in "default" quelle aziende che, per oltre 90 giorni consecutivi, non pagavano cifre "rilevanti". Le nuove regole ora quantificano il concetto di rilevanza, fissando la soglia oltre la quale l’impresa debba essere obbligatoriamente classificata in fallimento. Tradotto: l’Ue si mostra come il problema e non come la soluzione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Lun, 22/06/2020 - 10:15

solo guai dalla ue!

gianf54

Lun, 22/06/2020 - 10:23

Basta con la UE e con questo governicchio da quattro soldi...!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 22/06/2020 - 11:03

Eppure, ancora ieri, la Pinotti ha parlato di ingenti risorse in arrivo dall'Europa. Deve sicuramente aver ragione lei...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 22/06/2020 - 11:09

Chiacchiere da bar! Così, due giorno or sono, a "Stasera Italia" Stefano Feltri ha liquidato le affermazioni di Zecchi che vedeva velleità sopraffattorie da parte della UE. L'unto di De Benedetti non può aver torto. Mai.

flgio

Lun, 22/06/2020 - 11:27

Quale aiuto? Tutto il meccanismo UE funziona dare x avere. Dovrebbero erogare anticipazioni cash su promesse di ipotetici piani futuri di cui nessuno, nemmeno in UE, hanno un'idea concreta. Non lo faranno e il Mes non serve per la cassa integrazione. Si andrà avanti con gli extra deficit decreto dopo decreto e Conte avrà bisogno del voto delle opposizioni. Sarà un'aspra battaglia e ciascuno dovrà scendere a compromessi.

jaguar

Lun, 22/06/2020 - 11:52

Ma no, ci sono tutti gli aiuti europei, abbiamo i sindacati che si batteranno per le nostre aziende fino alla morte e un governo che il mondo ci invidia, cosa vogliamo di più?

Jon

Lun, 22/06/2020 - 12:20

E con quali soldi la UE dovrebbe aiutarci?? NON NE HANNO..!!Prima li dovremo versare NOI, poi ne restituiranno una parte,MA A FONDO PERDUTO..se si spendiamo come vogliono Loro.. Lo sanno pure i bimbi come funziona..!!

sparviero51

Lun, 22/06/2020 - 12:21

SPERO VIVAMENTE CHE ,A QUESTO PUNTO , IL GOVERNO NON CADA IN ESTATE PER VEDERE QUESTA BANDA DI CAZZARI MESSI ALLA GOGNA INGINOCCHIATI SUI CECI DAVANTI A PALAZZO CHIGI FINO A NATALE .DEVONO PAGARE TUTTO E DI PIÙ PER QUELLO DI CUI SI SONO MACCHIATI . PUPAZZI ABUSIVI INCAPACI !!!

Malacappa

Lun, 22/06/2020 - 12:44

Solo grane no grana e allora che ci stiamo a fare nella UE l'Italia ha un asso nella manica, chiudere tutti i porti e frontiere non fare entrare nessuno, in serio si puo'fare, poi vediamo se quelli che comandano nalla UE faranno ancora i galletti

agosvac

Lun, 22/06/2020 - 13:41

Sperare in un salvataggio dell'UE tedesca è puro masochismo: i tedeschi ci odiano quei risparmi che gli italiani riescono a fare, odiano che gli italiani preferiscano la proprietà di una casa piuttosto che affittarla come fanno loro. I tedeschi ci odiano. Anche la signora Merkel che viene in vacanza in Italia, preferirebbe comprarsela l'Italia a basso prezzo piuttosto che venirci per le vacanze estive.

SemprePiùBasito

Lun, 22/06/2020 - 13:54

La bomba dopo l'estate ? Quello che nessuno crede che il popolo italiano mai farebbe ...la RIVOLUZIONE.

Calmapiatta

Lun, 22/06/2020 - 15:01

Gli italiani sono dei superficiali, politicizzati e, in molti casi, ignoranti. La situazione finanziaria ed economica dell'Italia è davvero molto grave. I provvedimenti adottati dal governo sono assimilabili alla prescrizione dell'aspirina per un malato terminale, ovvero inutili e incoerenti. Occorre darsi una sveglia subito, uscire da questa situazione sarà dura.

Mr Blonde

Lun, 22/06/2020 - 15:38

il governo NON cadrà proprio perchè arriveranno i mld della UE, mes o recovery chiamatelo come volete non credo che nessuno abbandoni la nave di fronte ad una pioggia d'oro

nerinaneri

Lun, 22/06/2020 - 15:43

agosvac: ci fosse la liretta, sai che basso prezzo...

Robdx

Lun, 22/06/2020 - 17:39

Nerinaneri ci fosse la liretta ti toccherebbe lavorare

baio57

Lun, 22/06/2020 - 18:19

I danni del Covid al confronto sono noccioline .

ItaliaSvegliati

Lun, 22/06/2020 - 18:19

Ci sarà il REDDITO DI CITTADINANZA per tutti, non c'è da preoccuparsi, il Re Sóla distribuirà pane e pesci per tutti....altri DPCM...

nerinaneri

Lun, 22/06/2020 - 18:36

Robdx: sono EUROentusiasta...

Robdx

Lun, 22/06/2020 - 19:29

Nerinaneri i risultati di questa Europa son sotto gli occhi di tutti...tranne a voi comunisti che ci arrivate sempre dopo