Pronti 1000 euro per i rubinetti: come averli

Fino a mille euro di rimborso spese sulla sostituzione di rubinetti e sanitari entro il 31 dicembre 2021: ecco come funziona e quando presentare la domanda

Pronti 1000 euro per i rubinetti: come averli

C'è tempo soltanto fino al 31 dicembre 2021 per sfruttare il bonus idrico sostituendo vecchi rubinetti e sanitari che si hanno in casa e adeguarsi alla transizione energetica. Il rimborso può arrivare fino a un massimo di mille euro, non sarà cumulabile con altre agevolazioni per la ristrutturazione e si potrà richiedere da gennaio sulle spese sostenute, appunto, nell'anno in corso.

Come funziona

Verranno premiati coloro i quali sostituiranno i sanitari usurati, che perdono e sprecano acqua: ecco perchè per ottenere il bonus bisognerà allegare la nota del rivenditore dove sono contenute le caratteristiche tecniche dei prodotti. Il modello è consultabile online sul portale del Ministero della Transizione Ecologica. Come detto, il massimo del rimborso è pari a mille euro per le spese sostenute in tutto il 2021 sui seguenti prodotti: rubinetti e miscelatori per bagno e cucina che abbiano una portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto; soffioni e colonne per la doccia che abbiano una portata d'acqua che non superi i 9 litri al minuto; c'è poi il rimborso sui vasi sanitari che siano esclusivamente in ceramica e, anche in questo caso, con un volume che non superi i 6 litri. L'agevolazione comprende acquisto e fornitura e la dismissione dei materiali preesistenti.

A chi va il bonus

È chiaro che il bonus vale soltanto una volta: deve essere collegato all'immobile e la domanda può essere inoltrata da proprietari o affittuari purché abbiano un regolare contratto di locazione. Come si legge su Repubblica, sono esclusi dall'agevolazione i familiari conviventi e coloro i quali hanno firmato soltanto un compromesso alla data della domanda. Per avere l'agevolazione bisognerà essere in possiesso di fatture e scontrini che riportino le caratteristiche tecniche del prodotto dall'inizio alla fine dell'installazione, tutte le voci per le quali si chiede il rimborso spese. Il bonus rubinetti vale anche se si fanno acquisti online allegando la dichiarazione del venditore compilata dal modulo scaricabile dal sito dei Mit.

Come fare la domanda

Per inoltrare la domanda bisognerà registrarsi sulla "Piattaforma bonus idrico" (al momento ancora non accessibile) tramite l'identità con Spid o con la carta d'identità elettronica. Dovranno essere compilate tutte le voci che vanno dai dati anagrafici all'importo sostenuto, le caratteristiche tecniche del prodotte, le spese di installazione, i dati catastali ma anche il che attesti di essere proprietari dell'immobile o affittuari (con contratto), una copia della fattura elettronica, una copia del pagamento e la documentazione presentata dal venditore. Per ricevere l'accredito di rimborso bisognerà indicare il proprio codice Iban. I rimborsi sono disponibili fino ad esaurimento dei finanziamenti messi a disposizione dal governo pari ad un massimo di 20 milioni di euro.

Commenti