Arriva la "botta" sulla benzina. Ecco cosa cambia alla pompa

Tornano a salire i prezzi della benzina dopo la riduzione dei costi riscontrata durante i mesi di lockdown. Tutte le variazioni

Durante il periodo di chiusura imposto dal governo in piena emergenza sanitaria per tentare di ridurre il pericolo di contagio da Coronavirus, i prezzi del petrolio avevano subito un considerevole taglio, dovuto principalmente al fatto che la stragrande maggioranza delle attività produttive si trovava in stato di stallo.

Il ridursi della domanda di petrolio aveva dunque portato ad un drastico cambiamento del listino prezzi dei carburanti. Un tracollo epocale, che aveva destato più di qualche preoccupazione, dato che un simile evento non si vedeva dal lontano 1999.

Nonostante la perdita di valore del greggio, i costi della benzina in pieno lockdown non avevano in generale presentato grossi cambiamenti, se non una leggera riduzione. Una boccata d'ossigeno, in ogni caso, per i consumatori, che invece in questi giorni vedono risalire i prezzi del benzinaio.

Malgrado le quotazioni del petrolio non siano ancora risalite nei mercati, molti cittadini italiani hanno infatti assistito ad un drastico rincaro del prezzo della benzina, tornato a raggiungere picchi considerevoli ora che il Paese si è rimesso in moto.

Secondo quanto comunicato nei giorni scorsi all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale della verde è salito a 1,400 euro al litro, e stiamo parlando della modalità self-service. Quando è il benzinaio ad occuparsi in prima persona di effettuare il rifornimento, invece, il costo sale a 1,547 euro al litro. I prezzi, naturalmente, non sono identici per tutti i marchi. Si oscilla, pertanto, fra 1,395 e 1,421 euro al litro.

Stesso discorso per il diesel. Con il self-service, il costo si aggira mediamente intorno ad 1,284 euro al litro, mentre con il servito sale ad 1,433 euro al litro.

La paura di una nuova ripresa dei contagi da Covid-19, così come l'insicurezza dovuta ad una futura battaglia commerciale fra Stati Uniti ed Unione europea, sta tuttavia continuando a far calare i prezzi del petrolio. Non si può escludere, dunque, una nuova possibile riduzione del costo della benzina.

Intanto, preoccupato dalla situazione attuale, il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) lancia l'allarme. "L'aumento dei prezzi dei carburanti non è da attribuire all'andamento delle quotazioni petrolifere, ma risiede nell'incremento degli spostamenti degli italiani durante la Fase 3", ha twittato questa mattina l'associazione, che ha poi rilasciato anche un comunicato stampa. "Il petrolio registra in questi giorni quotazioni stabili attorno ai 40 dollari al barile, mentre a crescere sensibilmente è l’utilizzo delle automobili da parte degli italiani, che tornano a spostarsi per il paese per raggiungere le seconde case o recarsi al mare", si legge nella nota pubblicata sul sito ufficiale della Codacons, che prosegue:"Proprio la ripresa dei consumi petroliferi determina un rialzo ingiustificato dei prezzi alla pompa, che danneggia non solo gli automobilisti ma l’intera collettività, con ripercussioni negative sui prezzi dei prodotti trasportati, a partire dagli alimentari".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Gio, 25/06/2020 - 15:14

Ma come il prezzo del PETROLIO è in calo continuo e vertiginoso mentre la benzina, un suo derivato, sale inarrestabile. O si sono sovvertite all'insaputa tutte le regole dell'economia o c'è qualche cosa che non torna.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 25/06/2020 - 17:08

Duka - 15:14 Un modo indiretto di "prelievo" dalle tasche dei cittadini. Sarà così anche per le sigarette, alcoolici et similia? A quanto pare (dopo "tormentati" ripensamenti nel Mef e ghiaccio abbondante per raffreddare menigni troppo sollecitate) vien da dire che il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 25/06/2020 - 17:11

se cala il petrolio,nulla di fatto..ora è in leggerissima ripresa,e si parla gia' di aumenti consistenti..sapete che ci vorrebbe? un ministro dello sviluppo...gia'..avercelo

Mr Blonde

Gio, 25/06/2020 - 17:15

Duka e vonce50 semplicemente il prezzo del petrolio è una parte neanche maggioritaria del prezzo finale, tra l'altro influenzato dal dollaro; il prezzo dopo essere precipitato a quasi 10 dollari barile ora è quasi a 40, ma ci vuole troppa fatica a cercarselo vero? sempre più facile gridare al complotto

vocepopolare

Gio, 25/06/2020 - 17:17

NON vi lamentate, pensate che vivete nel paese più ricco del mondo dove incalliti fancazzisti ,spacciatori abituali e una varietà infinita di malavitosi riceve il suo reddito di cittadinanza grazie alla volontà di un gruppo di ragazzotti che vogliono conservare la poltrona a danno di chi lavora e paga le tasse.

polonio210

Gio, 25/06/2020 - 17:22

Cari amici:il problema del costo della benzina sono le accise.Queste sono il vero motivo dell'estorsione perpetrata ai danni dei cittadini.1)Finanziamento per la guerra d'Etiopia(1935-1936).2)Crisi di Suez1963)(1956).3)Ricostruzione del Vajont(1963).4)

oracolodidelfo

Gio, 25/06/2020 - 17:22

Banda bassotti!!!!!!!!

oracolodidelfo

Gio, 25/06/2020 - 17:24

Il primo a non volere che il prezzo cali è il Governo. Più il p prezzo è alto più tasse si riscuotono!!!!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 25/06/2020 - 17:30

Qui un litro di benzina costa 0,85 cent di €uroo!!!!!Che bello vivere in Nicaragua.

polonio210

Gio, 25/06/2020 - 17:32

SECONDA PARTE) 4)Alluvione di Firenze(1966), 5)Terremoto del Belice(1968).6)Terremoto del Friuli(1976). 7)Terremoto dell'Irpinia(1980). 8)Finanziamento guerra in Libano(1983). 9)Finanziamento missione in Bosnia(1996). 10)Rinnovo contratto autoferrotranvieri(2004). 11)Acquisto autobus ecologici(2005). 12)Terremoto dell'Aquila(2009). 13)Finanziamento alla cvultura(2011). 14)Emergenza immigrati crisi libica(2011). 15)Alluvione Liguria e Toscana(2011). 16)Decreto salva Italia(2011). 17)Terremoto in Emilia(2012).QUESTO E' LO SCANDALO DEL PERCHE' IL COSTO DEI CARBURANTI SIA COSI' ESOSO.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 25/06/2020 - 17:33

Era palese che durante il lockdown i prezzi si abbassassero,tanto nessuno avrebbe usato i mezzi per spostarsi,per ovvi motivi. Adesso che tutti si mettono in moto,puntualmente ritornano a salire i prezzi. Mica scemi le aziende produttrici di carburanti,e lo stesso Stato che ci marcia sopra sia con le accise sia con i prezzi aumentati.D'altronde il governo deve raccattare i miliardi mancanti e strombettati a spron battuto per sostenere i commercianti e gli imprenditori con le casse integrazioni mai percepite...mah!

Ritratto di ForzaSilvio1

ForzaSilvio1

Gio, 25/06/2020 - 17:35

Non se ne può più!! Quando sgovernavano i giallo-verdi, queste cose NON succedevano!

Ritratto di r.peddis

r.peddis

Gio, 25/06/2020 - 17:39

Prezzo servito 1,249 euro più ricarica do 0,15 cent per ogni litro nella SMA card. Oltre 10 anni che rifornisco fuori stato e continuerò imperterrito a farlo. P.S. in pieno lockdown il prezzo è calato a 1,119 al litro , in italia è secoli che non vedo prezzi simili

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 25/06/2020 - 17:42

Mr Blonde - 17:15 Veramente? Eppure è sempre stato, non da ora, una costante che il prezzo del carburante (benzina) quando scende avviene lentamente, quando deve risalire l'esatto contrario. Ancorchè l'unica "costante" che c'è nel determinare il prezzo della benzina è la produzione industriale che rimane pressocchè invariata. L'acquisto di nuovo carburante ha influito proprio ora oppure una "certa" quota era già allocata nei depositi di grande capacità a prezzi più bassi e il governo ora cerca di guadagnarci per esigenze del tutto ovvie in questo periodo particolare? Ci ha riflettuto o no?

capi_tan_iglu

Gio, 25/06/2020 - 17:43

Chissà perché in Germania e anche nella vicina Svizzera (dove si arriva a guadagnare, nel mio campo, anche a 20 o 40 volte più che in Italia) certi problemi non esistono: penso a volte che i politici italiani siano veramente poco intelligenti, superficiali e pure molto ignoranti.

polonio210

Gio, 25/06/2020 - 17:44

Caro Hernando45,qui a Dubai un litro di benzina varia da più o meno 1.80/1.85 (U.A.E. Dirham) che in Euro fanno 0.435 centesimi.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 25/06/2020 - 17:45

ForzaSilvio1 - 17:35 Non scriva fesserie: queste cose sono sempre accadute. Tutto dipende dalle giacenze che sono state accantonate a prezzi più bassi e che ora il governo "rivaluta" per avere introiti più alti per i mancati guadagni in regime di pandemia.

baio57

Gio, 25/06/2020 - 17:57

@ Hernando ,io in 5 minuti sono in Confederazione ,oggi benzina 1,31 franchi = 1,22 euro. Ciaoooooooooo !!

Tara

Gio, 25/06/2020 - 18:09

Ho fatto il pieno oggi, anche qui in Austria il prezzo è aumentato. Oggi 1,032 un mese fa 0,954. Le accise sulla guerra d'Etiopia sono vergognose e mi piacerebbe anche sapere se quelle più recenti vanno davvero utilizzate per lo scopo dichiarato.

bruco52

Gio, 25/06/2020 - 18:11

con l'arrivo delle ferie c'è sempre stato l'aumento dei carburanti, tutti gli anni, la speculazione è sempre in atto....

Giorgio1952

Gio, 25/06/2020 - 18:24

hernando45 Gio, 25/06/2020 - 17:30 io ho letto che il 22 giugno il prezzo della benzina in Nicaragua era 0,739 euro (fonte Global Petrol Prices).

Massimo Bernieri

Gio, 25/06/2020 - 18:38

Soliti titoli come se il prezzo carburante,energia elettrica gas e assicurazioni lo decidesse il governo del momento.Quando aumentava il petrolio aumentavano carburanti,gas(il cui prezzo fa riferimento a quello del petrolio) ed energia elettrica.Se è calato ai minimi in questi ultimi tempi non è certo merito dei 5 stelle e PD ma per congiuntura internazionale e anche COVID e tutto sommato era meglio un prezzo petrolio elevato che trovarci ora con recessione e posti lavoro perduti.

d'annunzianof

Gio, 25/06/2020 - 19:12

Avete votato per gente infantile che vuole mandare tutti in monopattino per salvare gli orsi polari e adesso di che vi lamentate?

oracolodidelfo

Gio, 25/06/2020 - 19:14

Massimo Berneri 18,38 - illustre mettiamo il prezzo dei carburanti a 5€/lt. così sparisce la recessione, si creano tanti di quei posti di lavoro.....che metteremo la luce nei campi, lavoreremo anche di notte! Suvvia!

Duka

Ven, 26/06/2020 - 10:21

Mr.Blonde: Non è una questione di “complotti” né di pigrizia. Sappiamo bene come funziona il prezzo del carburante alla pompa come quello di altri prodotti dove la mano dello stato entra a gamba tesa. Paghiamo ancora quote imputabili a terremoti di 50/60 anni fa, questo lo sanno anche i sassi. Al posto di tante demenziali alchimie contabili basterebbe togliere tutte le accise per risolvere i problemi di oggi e futuri di questa povera nazione nelle mani della oligarchia di palazzo.

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 26/06/2020 - 10:49

il calo del prezzo dei carburanti quando non potevi usare l'auto è come la consueta diminuzione del prezzo del metano nei mesi estivi, quando il riscaldamento è spento. una presa per il c naso.

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 26/06/2020 - 10:50

In Slovenia, benzina a 1,10€...meno male che abito a 3 km. dal confine!

Massimo Bernieri

Ven, 26/06/2020 - 11:34

oracolodidelfo.Non ho scritto che con il prezzo alto petrolio avremo un PIL come la Cina.Ho solo scritto che i prezzi delle materie prime se sono elevati,vuol dire che tutta economia mondiale sta "tirando"e un calo di tutte materie prime è sintomo che il mondo è fermo.Avrei preferito che il costo petrolio e altre materie prime fosse rimasto a valori elevati perchè avrebbe voluto dire che il COVID 19 non c'è stato e anche in Italia le industrie non si sarebbero fermate.Poi se noi abbiamo avuto da sempre una crescita inferiore ad altri paesi Ue è un altro discorso.Non sono certo pro questo governo !

Jon

Ven, 26/06/2020 - 11:50

MA QUALE RIDUZIONE DEI COSTI!!!??? Se il barile era sceso a 11 Dollari, ed alla pompa e' rimasto quasi invariato..!! Lo Scordacons vaneggia dicendo che aumentando il consumo il prezzo si alza.. Non e' un bene voluttuario, ma di consumo, con economia di scala che abbatte i costi aumentando i volumi..

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 26/06/2020 - 12:45

ieri l'altro io il diesel lo ho pagato 96 centesimi al litro.

jaguar

Ven, 26/06/2020 - 12:54

Come al solito Italia paese di galantuomini.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 26/06/2020 - 13:22

96 centesimi in Lussemburgo