Conti correnti: i creditori potranno pignorarli con più facilità

Il creditore avrà accesso a tutti i dati dell'anagrafe tributaria senza dover attendere un decreto attuativo

Anagrafe tributaria sarà presto disponibile per i pignoramenti. Il creditore avrà accesso a tutti i dati senza dover attendere un decreto attuativo. Come racconta Italia Oggi, cambiano le norme per i pignoramenti. Il decreto 132/2014 ha dato
al creditore la possibilità, previa autorizzazione del presidente del tribunale, all’ufficiale giudiziario, di chiedere la ricerca di beni pignorabili, mediante consultazione dei dati contenuti nelle banche dati delle pubbliche amministrazioni e, in particolare, nell’anagrafe tributaria, compreso l’archivio dei rapporti finanziari, nel pubblico registro automobilistico e in quelle degli enti previdenziali. Il nuovo decreto ha concesso al creditore di ottenere dai gestori delle banche dati le informazioni "quando le strutture tecnologiche, necessarie a consentire l’accesso diretto da parte dell’ufficiale giudiziario alle banche dati non sono funzionanti".

Ora di fatto il decreto giustizia prevede che la possibilità per il creditore, debitamente autorizzato, di rivolgersi ai gestori delle banche dati si applichi anche sino all’adozione di un decreto dirigenziale del ministero della giustizia, che attesta la
piena funzionalità delle strutture tecnologiche necessarie a consentire l’accesso alle banche dati.

Commenti
Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 26/06/2015 - 10:11

I furti istituzionalizzati, dopo l'Eurogendfor ora anche le mani nelle nostre tasche con tanto di RM e Raggi x della nostra vita privata. Parlamento illegittimo che vuol mettere mano alla Costituzione e via dicendo. Questo sta diventando un regime totalitario al contrario (ossia 'paralegalizzato' o meglio dalle sembianze legali ma che di legale non ha nulla). Il grande fratello ti guarda... fratello.

Ritratto di Operator

Operator

Ven, 26/06/2015 - 10:41

Ho la sensazione che questo strumento sarà disponibile solo per un determinato "ceto" di creditori (banche,finanziarie ecc.); staremo a vedere...

fabrizio de Paoli

Ven, 26/06/2015 - 11:16

Se un'azienda è creditrice nei confronti dello stato e quest'ultimo non paga, può fargli pignorare il conto?

gianni.g699

Ven, 26/06/2015 - 12:30

Italia Nostra Ven, 26/06/2015 - 10:11 I furti istituzionalizzati, dopo l'Eurogendfor ora anche le mani nelle nostre tasche con tanto di RM e Raggi x della nostra vita privata. Parlamento illegittimo che vuol mettere mano alla Costituzione e via dicendo. Questo sta diventando un regime totalitario al contrario (ossia 'paralegalizzato' o meglio dalle sembianze legali ma che di legale non ha nulla). Il grande fratello ti guarda... fratello. Condivido !

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Ven, 26/06/2015 - 12:43

Se debitore è lo Stato i beni di questo vengono già ritenuti im massima parte impignorabili, come per legge!

canaletto

Ven, 26/06/2015 - 12:48

SIAMO IN PIENO PEGGIOR COMUNISMO. LA PROPRIETA' PRIVATA E' MORTA E SEPOLTA, SIAMO I BANKOMAT DEL BISCHERO. CHIUDERE I CONTO, LE BANCHE FALLISCANO E NIENTE PIU TASSE. SOLDI SOTTO AL CUSCINO. GRAZIE A TUTTI I CRETINI CHE SOSTENGONO IL BISCHERO E SI FANNO FREGARE, GRAZIE A QUEL PORCO DI MONTI, DI PRODI E SOCI VARI. GRAZIE. RIDOTTI PEGGIO DELLA GRECIA

il veniero

Ven, 26/06/2015 - 14:14

IN ITALIA ( minuscolo ) chi non paga è letteralmente aiutato dallo stato . Soprattutto se furbetto e esperto di leggi , tempi , modi la fa franca . Spero sta legge TARDIVA migliori l'esazione dei disonesti . Lo stato rimane NEMICO di chi fa impresa . Un suddito .

fabrizio de Paoli

Ven, 26/06/2015 - 15:55

Roberto 53, poniamo che un'azienda sia creditrice dallo stato, lo stato non paga, i fornitori di quell'azienda vogliono essere pagati ma questa non può pagarli perché non ha preso i soldi dallo stato. A quel punto i fornitori dell'azienda per riscuotere qualcosa fanno pignorare beni all'azienda e l'azienda fallisce. Fallisce perché invece lei, pur essendo creditrice, non può rivalersi con lo stato. ...direi che come livello di ingiustizia e tirannia non c'è male...

fabrizio de Paoli

Ven, 26/06/2015 - 16:00

Canaletto, concordo in pieno!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 26/06/2015 - 16:12

RITIRATE TUTTI CONTANTI DALLE BANCHE UNA VOLTA OGNI 15 GIORNI POI RIMETTETELI DOPO UN PAIO DI GIORNI, SOLO COSSI' DARETE FASTIDIO ALLE BANCHE CHE NON POTRANNO PRESTARE I VOSTRI RISPARMI PER I MUTUI E FIDI AL 10 15% ANNUO MENTRE A TUTTI VOI VI FAN PAGARE PER TENERVELI E LO STATO VI TASSA ANCHE I CONTI CORRENTI, VI SPIA E VI MANDA CARTELLE PAZZE TANTO SIETE VOI CHE DOVETE DIMOSTRARE L'INNOCENZA E SE GLI UFFICI SBAGLIANO NON PAGA MAI NESSUNO. VIVA LA DEMOCRAZIA, VIVA L'ITALIA, VIVA L'EURO, BENVENUTI NEL NUOVO ORDINE MONDIALE.

swiller

Sab, 27/06/2015 - 12:11

Un disastro starete a vedere.

franco-a-trier-D

Sab, 27/06/2015 - 17:19

persino pignorare la pensione ma siete dei genii in Italia il mondo vi invidia ..canaletto ma avete il PD al governo non siete contenti? NOOO? Allora perchè lo avete votato io penso per imbecillità..