Conti nel mirino del Fisco. Ma noi non sapremo nulla

Con le nuove regole della manovra saltano tutti gli schemi per la tutela dei contribuenti. "Sprangate" fiscali più facili

Controllati senza sapere nulla. È questo il volto di questo nuovo Fisco che farà il suo debutto proprio nel 2020. Di fatto le nostre spese e i nostri conti saranno monitorati costantemente e le Entrate potranno avviare qualunque tipo di approfondimento o di verifica alle spalle dell'ignaro contribuente. Le norme inserite nella manovra del 2020 di fatto inaspriscono e non poco questo volto duro del Fisco che accompagnerà i contribuenti italiani. Tutti i dati che arrivano all'anagrafe tributaria che riguardano ogni singolo contribuente vengono passati ai "raggi x" dalle Entrate che in un secondo momento andrà a definire i profili a rischio evasione. Questi dati, come ricorda Italia Oggi, vengono collegati al codice fiscale del contribuente per poi essere esaminati sia dalle Entrate che dalla Guardia di Finanza. Ma attenzione: gran parte dei dati non vengono comunicati allo stesso contribuente, ma finiscono dritti dritti nelle mani del Fisco. Si tratta delle informazioni che ad esempio derivano dalle banche, dalle assicurazioni, o da medici e farmacisti. Una volta che questi operatori inviano i dati, le informazioni approdano nella anagrafe tributaria.

Ma il contribuente non può sapere se questi dati sono stati inviati in modo corretto o incompleto. Insomma il contribuente possiede solo una parte e pure minima delle informazioni che lo riguardano e che lo potrebbero portare anche davanti ad un contenzioso col Fisco col rischio di pesanti sanzioni. E anche i commercialisti che si occupano di assistere i contribuenti non possono conoscere la totalità dei dati che riguardano il singolo contribuente. E su questo fronte va ricordato che fino a qualche tempo fa si poteva esercitare il diritto all'accesso degli atti. Mossa questa che è stata superata dalle indicazioni che si trovano nella manovra appena varata dai giallorossi. Un diritto, quello dell'accesso ai dati, che è destinato a finire nel nulla. Con questo sistema il contribuente si troverà solo e disarmato nel dover affrontare i rilievi del Fisco. La manovra ha asfaltato i diritti dei contribuenti definendo la lotta all'evasione come un obiettivo "di rilevante interesse pubblico". Un escamotage per dare la caccia a briglie sciolte. Il rischio che i dati inviati dagli operatori possano contenere errori o inesattezze è dietro l'angolo ed molto più frequente di quanto si possa pensare. A questo quadro va aggiunta anche la proposta di eliminare un grado di giudizio nel processo tributario. Un'altra mossa per facilitare la vita al Fisco in caso di contestazione o contenzioso con il contribuente. Insomma la lotta è impari e basta una piccola svista per dare il via alla "sprangata" fiscale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 05/01/2020 - 18:50

avete voluto il PD? avete voluto il M5S? allora non lamentatevi! volevate che i ricchi fossero puniti ancora di piu? invece sarete voi stessi ad essere puniti per la troppa invidia! i babbei comunisti grulli "se devono calmà" come dicono a roma! a fare troppo i cre.tini, va a finire che ci diventate veramente!!

Una-mattina-mi-...

Dom, 05/01/2020 - 18:54

L'UNICO OBIETTIVO DELLA VIGENTE FINTA DEMOCRAZIA SI CHIAMA ESPROPRIO COMUNISTA: CAMBIANO I MEZZI, MA I FINI SONO QUELLI DELLA RUSSIA DI 100 ANNI FA

aswini

Dom, 05/01/2020 - 18:56

grazie stalinisti e finti 5 stelluccie

necken

Dom, 05/01/2020 - 18:58

Sta a vedere che stanno cercando di contrastare l'evasione fiscale? comunque il metodo migliore a mio avviso sarebbe quello di dedurre le fatture e relativi bonifici tracciabili emessi a fronte di servizi e forniture erogati a privati da parte di artigiani e liberi professionisti dal calcolo dell'Irpef

Massimo Bernieri

Dom, 05/01/2020 - 18:58

Modificherà tutto il governo di centro destra nel 2023 !

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Dom, 05/01/2020 - 18:59

alla faccia della privacy europea!!

moichiodi

Dom, 05/01/2020 - 19:16

Sprangate! Oscar per la letteratura al giornale. Ne inventa una al giorno per catturare polli.

moichiodi

Dom, 05/01/2020 - 19:19

In pratica, d'ora in avanti chi non paga le tasse o le multe, ma tiene stretti i soldi in banca non la farà franca.

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 05/01/2020 - 19:59

Per quanto mi riguarda, venghino pure! Ho avuto l'ardire di svolgere quasi tutta la mia attività lavorativa come libera professione, quindi sono un ladro e un nemico del popolo. Peccato però che ho sempre fatto consulenze per aziende o enti pubblici e nessuno mi ha mai dato una Lira (o un euro) senza regolare fattura. Ma io sono considerato un evasore. Bastardi.

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 05/01/2020 - 20:02

@necken Ecco, bravo! Io lo dico da quarant'anni! Ma lei provi a spiegarlo a questi bastardi! In tutti i Paesi civili funziona così, ma da noi no, perché le entrate per lo stato calerebbero troppo. E poi la gente non ha nessuna voglia di tener d'acconto fatture e/o ricevute e registrarle per poi poterle dedurre: preferisce pagare in nero, perché si fa molto prima.

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 05/01/2020 - 20:03

moichiodi povero illuso vetero-comunista! Secondo te, a Napoli riesci a far pagare le multe? E sempre secondo te, quelli che i soldi li hanno li tengono nelle banche italiane? Ma vai a scopare il mare!

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Dom, 05/01/2020 - 20:11

Il disegno è chiaro. I contribuenti più fedeli della Agenzia delle Entrate sono, da decenni, i lavoratori a reddito fisso. Costoro, oltre a non poter sfuggire ad una macchina fiscale sempre più vorace ed impietosa, sono visti come potenziali delinquenti da stroncare sul nascere. A ciò si aggiunga la mentalità distorta dei cattocomunisti per i quali l'agiatezza, la ricchezza individuale sono sempre da punire e perseguitare ed il il gioco è fatto. Di Bertinotti si diceva che amava a tal punto i poveri da volerne aumentare il numero. Ci siamo, ormai. Italia spaccata in due:pochi abbienti e con le leve di comando tra gli artigli e una massa di nuovi paria senza più diritti né dignità.

PRALBOINO

Dom, 05/01/2020 - 20:37

Stanno raschiando il fondo del barile causando un enorme buco Mi si spieghi come faranno poverini gli spacciatori i tangentisti e pure le pxxxxxe che i soldi del malaffare li portano in banca per mandarli nei paradisi fiscali

necken

Dom, 05/01/2020 - 21:11

@wilegio: non è poi cosi difficile l'archivio le fatture oggi sono elettroniche ed i pagamenti via bonifico sono conservati dalle banche per 10anni inoltre uno può scansionare i documenti ed archiviarli in computer. questo sistema favorisce gli onesti e crea anche posti lavoro visto che in Italia abbiamo tutti la casa di proprieta che genera manutenzioni ordinarie regolari oggi non deducibili. Non si fa perche ai politici interessa prendere i voti delle partite IVA e fare i condoni rende di più in termini elettorali. In Italia per entrare in testa le cose devono passare più volte dal fondo schiena la ns storia insegna....

lupo1963

Dom, 05/01/2020 - 21:16

Dopo i cattocomunisti abbiamo anche i fiscomunisti ... Neanche in un regime stalinista ...

Ritratto di enricognudi

enricognudi

Dom, 05/01/2020 - 21:18

moichiodi non capisci niente

Ritratto di enricognudi

enricognudi

Dom, 05/01/2020 - 21:25

Tasse multe??? Abbiamo lo stato che piu` butta nel cesso i soldi dei contribuenti che ogni anno si inventa tasse nuove o se ne inventa un`altra,ti promette qui poi capita puntualmente qualche inghippo e non si verifica niente. STATO LADRO e VILE. Vile e accattone.E dovrei aspettare che pagano tutti paghino le tasse per pagarne meno ahahaah. Viva il populismo ,viva salvini e la meloni la sola italia in cui potrei vivere

Abit

Dom, 05/01/2020 - 21:26

invece di inventare cavolate del genere dove tutti (o quasi) sono considerati evasori, che si possa una volta per tutte “scaricare tutto” e l’evasione diminuirebbe del 95 %!

Ritratto di enricognudi

enricognudi

Dom, 05/01/2020 - 21:39

Han creduto al reddito di cittadinanza ,, ma si puo` essere piu` dementi ma non lo so guarda vedetevela voi, io me ne vado per sempre tra pochi anni a costo di mandare in rovina tutto.Salvini non doveva accettare questo governo tra Di Maio ,Conte e Mattarella. Fora di ball

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 05/01/2020 - 23:59

@necken Non capisco a quale dei miei messaggi lei stia rispondendo. COSA non è poi così difficile? Far pagare le multe ai napoletani, oppure far tenere una contabilità a chi non ha mai posato un dito sulla tastiera di un computer in vita sua?