La verità sulla lotta ai contanti: cosa c'è dietro la stretta di Conte

Il governo accelera per eliminare l'uso dei contanti a favore delle carte elettroniche ma i problemi sono molteplici: costi di transazione, tasse e crash dovuti alla tecnologia. Insomma, non una passeggiata di salute...

Il governo schiaccia il piede sull’acceleratore per far decollare il “Piano Cashless Italia” con l’obiettivo di scoraggiare il ricorso ai contanti e di incentivare i pagamenti elettronici.

Il contante a rischio riciclaggio

l’Italia è in testa alla classifica tra le nazioni europee con un maggior uso di contanti: i pagamenti digitali si fermano al 14% del totale delle transazioni ed il rapporto tra contanti e Pil è del 10% circa, tra i più alti in Europa. Un paper della Banca d’Italia ha fotografato la mappa dell'eccessivo uso dei soldi e del relativo rischio di riciclaggio, con le regioni meridionali che sono tra quelle che usano di meno i pagamenti elettronici con le carte. Inoltre, le transazioni digitali comportano anche la tracciabilità dei pagamenti che contrasta l’evasione fiscale.

Per contrastare l'evasione, nei giorni scorsi è stato annunciato un nuovo incentivo “SuperCash- Back”, l’ennesimo tentativo per incentivare l’uso dei pagamenti cashless, quindi senza contanti: sono stati intensificati gli incontri con gli operatori per rendere gratuiti i pagamenti con le card di piccolo importo ed azzerare le provvigioni anche per le transazioni digitali sotto i 25 euro.

Oltre ad incentivare la convenienza per imprese e consumatori all’utilizzo della moneta elettronica con carte, app e mobile wallet di ultima generazione, occorrebbe promuovere una maggiore trasparenza su costi e commissioni legati all’uso della moneta elettronica, con un impatto a carico di esercenti e consumatori che dovrebbe essere pressoché nullo.

I rischi legati ai pagamenti elettronici

Ma la guerra ai contanti dovrà tenere conto di altri fattori di rischio a cui si va incontro affidandosi alla tecnologia: dalle inefficenze dell’emissione a pioggia che caratterizza le carte (soprattutto le prepagate) che poi non vengono neanche attivate, al rischio crash sui circuiti internazionali che rischiano di bloccare i pagamenti in tutto il mondo.

In Svezia, dove anche l’offerta in chiesa si paga con carta di credito o smartphone, la Banca Centrale ha lanciato l’allarme perché in caso di catastrofe naturale o tecnologica, avere intere regioni completamente sprovviste di denaro sotto forma cartacea o metallica può rappresentare un problema serio, perché renderebbe impossibili i pagamenti anche per gli acquisti indispensabili alla sopravvivenza.

Infine, come si legge su IlSole24ore, c’è il capitolo dei costi: su questo fronte c’è il rischio che gli sconti e gli sgravi fiscali concessi agli esercenti siano, in un prossimo futuro scaricate, sui titolari delle carte. È necessario che i singoli utenti e le autorità preposte debbano sempre vigilare.

Pagare con le card costa di più. Sebbene sia illecito applicare un costo aggiuntivo al cliente perché paga con carta di credito, basta fare un giro tra i tabaccai per constatare che nel 90% dei casi non è possibile pagare un pacchetto di sigarette con carta di credito o bancomat e in alcuni casi è stato richiesto un sovrapprezzo. Ma non è finita qui: per il pagamento del bollo auto presso l’Aci viene aggiunta una commissione a chi usa una carta nonostante l’Antitrust abbia sanzionato con milioni di euro di multa. Peccato, però, che il Consiglio di Stato abbia accolto il ricorso dell'Aci perché non è ritenuta una commissione ma un sovrapprezzo per una opportunità aggiuntiva offerta agli automobilisti.

Il rischio crash. Come accennato prima parlando del caso Svezia, bastano poche ore di blocco ad una singola società emittente di carte di credito per provocare forti disagi in tutto il mondo: basti ricordare il venerdì nero di Visa, che il primo giugno del 2018, per problemi tecnici, ha dovuto interrompere il servizio per diverse ore, non consentendo di utilizzare la carta in molti Paesi europei.

È più recente lo scandalo Wirecard, società tedesca che offre soluzioni di pagamenti elettronici ad oltre 300mila aziende in tutto il mondo, che aveva indotto l’authority di vigilanza inglese a sospendere i servizi bancari gestiti da Wirecard con conseguenti problemi in tutto il globo. In Italia, i clienti di Sisalpay si sono visti respinti i pagamenti elettronici con la carta ed i prelievi dei contanti bloccati per alcuni giorni.

Insomma, sì alla tecnologia così come la lotta all'evasione ma con le opportune cautele: i contanti, almeno in un prossimo futuro, saranno sempre indispensabili.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Gio, 15/10/2020 - 10:51

: ENNESIMA SOLENNE FESSERIA come le moltissime già propinate ai cittadini italiani costretti a subire perché non difesi da una opposizione ASSENTE. Limitare la circolazione del contante non farà altro che ridurre ulteriormente i consumi era più che sufficiente mettere il limite a 5000 Euro. In nessun paese dove l’economia VOLA si adottano misure restrittive rispetto al contante. E’ una idea vetero-comunista che non ha mai dato risultati se non alle tasche delle NOMENKLATURA.-

necken

Ven, 16/10/2020 - 13:39

rimandare per non essere mai pronti questo è lo slogan che ci ..piace?

flip

Ven, 16/10/2020 - 17:12

Duka. l'agomento "lotta al cpntante è da qualche giorno che gira su queste colonne. personalmente sono convinto che è solo una scusa delle banche perchè sui pagamenti con i contanti non hanno le commissioni bancarie come sui pagamenti con bonifico. non c'è altro motivo per eliminare il contante... oppure...... a chi dà fastidio?.

flip

Ven, 16/10/2020 - 17:24

i pensionati come li paghi????? con l'accredito sul conto c/c o come quelli del DRC?? e se per caso spendono di più di quello che possiedono