Non buttate i "pezzi di carta": così il Fisco può distruggervi

Le nuove indicazioni fornite attraverso la circolare n.19 arrivano con grande ritardo e nel pieno della stagione dei dichiarativi: commercialisti e Caf in difficoltà

Mentre ci si attendeva che la fattura elettronica avrebbe ben presto soppiantato quella cartacea, ecco arrivare una lunga e dettagliata circolare da parte dell'Agenzia delle Entrate nella quale si evince che sarà invece ancora necessario conservare e produrre eventualmente una copia documentale per il Fisco.

Si tratta della circolare n.19, pubblicata durante la giornata di ieri, nella quale l'Ente pubblico ha voluto fornire linee guida e delucidazioni su una serie di tipologie di detrazioni e deduzioni Irpef e sulle procedure da seguire per ottenere l'apposizione del visto di conformità. Ben 411 pagine, dunque, nelle quali vengono analizzate tutte quelle spese effettuate dal contribuente che possono dare diritto a delle deduzioni dal reddito, a detrazioni di imposta ed a crediti di imposta.

Contrariamente a quanto ci si sarebbe attesi, tuttavia, l'elemento cartaceo avrà ancora un'importanza fondamentale. Oltre a doversi occupare di documentare le spese detraibili, infatti, il contribuente sarà tenuto, come ricorda Italia Oggi, anche a conservare la fattura cartacea prodotta dall'emittente. Non solo. Sarà suo compito anche quello eventualmente di verificare che quanto riportato nella fattura elettronica coincida con la stessa copia cartacea.

In effetti quando, spingendosi nell'ambito degli oneri documentali, nella lunga circolare ci si riferisce all'anno 2019 (quello, cioè, dell'entrata in vigore dell'obbligo di fatturazione elettronica), non si fa esplicito riferimento a quest'ultima, facendo permanere quindi quanto già determinato in precedenza nella faq 45 sulla "fatturazione elettronica". Qui, infatti, si sottolineava l'obbligo per il contribuente di conservare una copia cartacea.

L'aspetto più grave, al momento, è che tali disposizioni siano uscite di fatto solo l'8 luglio, quando, cioè, le scadenze fiscali sono già state da tempo avviate, col rischio di mandare in tilt Caf e commercialisti (i primi invii telematici risalgono allo scorso 15 giugno, quindi quasi un mese fa). Probabile che gran parte del problema sia da ricercare nei rallentamenti dovuti al pesante lockdown imposto dal governo Conte e che quindi anche all'Agenzia delle Entrate abbiano agito con l'acqua alla gola. Ma è vero che negli ultimi anni tutte le principali modifiche fiscali erano state indicate con largo anticipo (entro il mese di aprile sia nel 2017 che nel 2018 ad esempio), permettendo ai contribuenti di mettersi in regola grazie alle precise indicazioni da parte di Caf e commercialisti.

L'esecutivo ha a lungo parlato di "semplificazione", ma tra indicazioni in ritardo, scarsa chiarezza su fatturazione elettronica e copia cartacea e ben 411 pagine di linee guida, il percorso sembra discretamente in salita.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Italia_libera

Ven, 10/07/2020 - 17:34

Norma, e normative capestro per evitare da parte dello Stato di rimborsare l'utenza italiana del rimborso del 19%. Bel capolavoro caro ministero e agenzia della entrate! Intanto diamo 35 euro la giorno a tutti gli immigrati del mondo, e noi italici prevaricati da mille imposizioni paghi con carta,paghi in contanti..ecc...ecc..

Ritratto di AQUILAVOLSE

AQUILAVOLSE

Ven, 10/07/2020 - 17:34

Il fisco non è un terrorista, non è uno spacciatore, il fisco è lo strumento che ci permette di avere gli ospedali, le strade, i cavi elettrici, le condutture idriche.

Ritratto di saggezza

saggezza

Ven, 10/07/2020 - 17:55

vi è una barzelletta sui carabinieri che dice: Maresciallo posso distruggere i documenti più vecchi per far più spazio? Il Maresciallo risponde: certo però fai prima una fotocopia per sicurezza.

Romolo48

Ven, 10/07/2020 - 17:56

A proposito di semplificazione!!

zen39

Ven, 10/07/2020 - 18:00

Ma i dipendenti pubblici non lavoravano a casa ? Ora viene fuori il ritardo per colpa del virus ? Non ho mai buttato via nemmeno il più piccolo pezzo di carta figuriamosi se mi fido. Semplificazioni ? Ma dove ! Quest'anno per modificare la password ho messo più tempo dello scorso anno. Ah si la sicurezza ! Provate a dire ad un anziano di leggere il codice con le lettere distorte per dimostrare di non essere un computer. E poi tutti quei giri da una pagina all'altra per poter scaricare il 730. Governo ridicolo.

Ritratto di adl

adl

Ven, 10/07/2020 - 18:03

E' iniziata la tanto declamata......"Semplificazione" del governo Watson Farlocconi con una circolare di 450 pagine, come aperitivo.

Ritratto di faman

faman

Ven, 10/07/2020 - 18:08

il solito terrorismo fiscale di questo Giornale basato sui ma...forse... si vedrà...ecc...ecc...

flip

Ven, 10/07/2020 - 18:08

AQUILAVOLSE. IL FISCO è SENZ'ALTRO TUTTO QUELLO CHE DESCRIVI MA SE NZ'ALTRO SAPRAI CHE IN TUTTI I LAVORI ED OPERA PUBBLICHE I COSTI LIEVITANO IN 'CORSO D'OPERA' puoi rispondere per quale motivo????????????

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 10/07/2020 - 18:09

se qualcuno mi sa spiegare come u a fattura cartacea possa essere diversa dalla stessa fattura lanciata in digitale...solo alle entrate lo sanno..

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 10/07/2020 - 18:15

aquilacadde Ven, 10/07/2020 - 17:34 e per te anche il reddito di nullafacenza!!

cgf

Ven, 10/07/2020 - 18:16

Hanno i dati e non sanno gestirli? Inoltre insistono a dire che quelli che fanno testo sono quelli che hanno loro! In un Paese normale certa gente avrebbe cambiato lavori più di una volta, il saper lavorare non lo determina un concorso e sei al servizio del cittadino e non interesse proprio. Non è ammissibile poi che non ti fidi dei tuoi dati, quale affidamento possiamo aver noi? Tutta la macchina statale deve essere riformata, è più che una necessità Oltre.all'agenzia delle entrate perché non facciamo anche quella delle uscite per controllare come vengono spesi i soldi dei contribuenti, stipendi e parcelle erogate comprese? La Corte dei Conti non riesce eppure una squadra di 30 persone, non migliaia come alle entrate, con i mezzi giusti...

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 10/07/2020 - 18:17

evviva la semplificazione e la digitalizzazione S.T.P.

sbrigati

Ven, 10/07/2020 - 18:19

La burocrazia non potrà mai essere ridotta, è il principale metodo per avere il controllo assoluto dei cittadini e permette di sistemare tante persone.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 10/07/2020 - 18:27

Ooooh se per questo ho scontrini e bollettini vari dal 1990. Pensate un po'.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 10/07/2020 - 18:31

auguri italiani! se continuate a votare per la sinistra, certo ci arriveremo ad azzerare tutti questi controlli : ovvio, quando le aziende hanno fallito e il movimento del denaro diminuisce sempre di piu, poi a un certo punto non circola piu il denaro, che faremo? si ritorna al baratto? :-)

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 10/07/2020 - 18:31

@AQUILAVOLSE por favor, finisci la frase. .....Per dare i servizi a tutti anche a coloro che non contribuiscono, anzi più a loro. Colui che è ligio alle tasse, paga due volte, per se stesso e per gli altri.

flip

Ven, 10/07/2020 - 18:37

il 'fisco' ci pernette di avere un sacco di cose...e mi sta bene! ma il fisco controlla quanmto costano le opere necessarie oppure paga e basta??di solito stranamente i costi lievitano in corso d'opera. chissà perchè????????????? ed allora......dagli con le tasse!.

il veniero

Ven, 10/07/2020 - 18:40

AQUILAVOLSE , il fisco è tante cose . Vallo a chiedere a ha chi ha subito trattamenti da terzo mondo o si è tolto la vita . Nessuna fiducia . Ne ho viste troppe per ritenere il fisco italiano non-pericoloso . Forse non sai di cosa parli ,temo .

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Ven, 10/07/2020 - 19:13

Il 70% degli abitanti italiani dipende direttamente o indirettamente dallo stato, alla cui mangiatoia riempie la pancia. Ecco a cosa servono i soldi estorti dal fisco al restante 30% produttivo e privato.

capi_tan_iglu

Ven, 10/07/2020 - 19:23

Lo Stato siamo noi, i cittadini, e prima di fare qualche castroneria, gli uomini (e donne) politici dovrebbero chiederci il permesso (attraverso un referendum elettronico) o perlomeno chiederci che cosa ne pensiamo. Nella nazione Italia sembra avvolte che lo Stato non siamo noi cittadini ma un piccolo gruppo di egoisti che invece di fare gli interessi del popolo fanno solo gli interessi di una ristretta categoria di persone (banche, petrolieri, altre lobbies e naturalmente i membri della Cupola di Potere Mondialista).

Cosean

Ven, 10/07/2020 - 19:55

il veniero Ven, 10/07/2020 - 18:40 Si suicidano molti di più chi vuole essere onesto e paga le tasse, invece di quelli che non le pagano. La vita è facile per gli evasori, impossibile suicidarsi! Ma mi sembra che tu inviti la gente a non pagare

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Sab, 11/07/2020 - 10:22

1/2 Urca se serve il fisco. Ma veramente ci sono ancora dei sarchiaponi che pensano di fermare i "furbetti" dell'evasione fiscale con queste supercazzole... Spending review.., Tagliare la spesa pubblica e i relativi sperperi (NO!) sembra infattibile, mà non ne parlano mai!? %

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Sab, 11/07/2020 - 10:23

2/2 Il Quirinale "sborsa" (NOI) più della Casa Bianca e dell’Eliseo; Presidente della Repubblica 240 mila euro di stipendio all’anno. Per 1750 dipendenti e distaccati, ogni dipendente del Quirinali corrisponde circa 71.000 euro l'anno inoltre è prevista la spesa di 500 mila euro circa per il costo degli alimenti. La tenuta estiva del capo dello Stato di castelporziano e villa rosebery, nel golfo di Napoli, " dilapida" circa 12 milioni di euro l'anno (solo le utenze di acqua, luce e canoni tv ammontano a 3 milioni di euro). Tra le spese (??????) del Quirinale ci sono anche quelle per gli stallieri dei cavalli “in pensione” a Castelporziano. Etc.etc. . Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione. Alcide De Gasperi

moichiodi

Sab, 11/07/2020 - 10:40

Da quando c’è Conte (quello da agosto 2019!) non possiamo nemmeno gettare le cartacce.

moichiodi

Sab, 11/07/2020 - 10:52

”L'aspetto più grave, al momento, è che tali disposizioni siano uscite di fatto solo l'8 luglio, quando, cioè, le scadenze fiscali sono già state da tempo AVVIATE” appunto avviate. Infatti le scadenze proprio per il lockdown sono state tutte prorogate in autunno. Il naso di Pinocchio cresce.

titina

Sab, 11/07/2020 - 12:55

ma non ci complicate di più la vita!!!!!

Mr Blonde

Sab, 11/07/2020 - 12:58

l'aspetto assurdo di tutto ciò è che anche in caso di controlli nonostante uno invia ft elettroniche all'agenzia vogliono il cartaceo...mah! Poi però leggi che il fisco ci distrugge per qualche scontrino medico buttato via e capisci che se per fare opposizione dobbiamo affidarci a gente del calibro del sig Garau "loro" vinceranno sempre