Fiat, Passera: "Non mi è piaciuta la mossa che è stata fatta"

Il ministro dello Sviluppo Economico ha poi precisato: "La Fiat è un'azienda libera, se la vedono loro"

"Non entro nel merito di decisioni interne, ma non mi è piaciuta la mossa che è stata fatta". Il riferimento è alla decisione della Fiat di mettere in mobilità 19 operai di Pomigliano a seguito della riassunzione di altrettanti operai iscritti alla Fiom decisa dalla magistratura.

E a esprimere la critica è il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, ospite a SkyTg24, che ha comunque precisato che il Lingotto è "un’azienda libera e se la vedono al loro interno". Inoltre, il titolare del dicastero dello Sviluppo economico ha aggiunto che "certamente è una buona
notizia che Fiat abbia confermato di non volere chiudere impianti in Italia. Faremo il possibile perché siano attivi e produttivi e non quasi fermi come sono oggi. Il gruppo di lavoro che abbiamo avviato per trovare tutti i modi per rendere più facile l'esportazione dal nostro Paese va proprio nella direzione di riempire, arricchire e rendere più competitivi gli impianti manifatturieri in Italia"
.

Il ministro dello Sviluppo economico ha parlato anche delle ultime decisioni del Consiglio dei ministri: "Aver deciso di concentrare sul cuneo fiscale parte delle risorse che erano destinate al taglio delle aliquote Irpef va nella giusta direzione. Come spesso succede le proposte del governo possono migliorare attraverso il dibattito parlamentare".

Commenti