Renzi usa Report contro Vegas: "Errori, la Gabanelli ha ragione"

Il servizio di Report sulle presunte responsabilità della Consob nel crac delle quattro banche. Vegas: "Mai tolto le norme a tutela dei risparmiatori". Ma Calenda lo attacca

"Non credo che stia al governo commentare l'attività di istituzioni indipendenti però degli errori gravi sono stati fatti". Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda riaccende lo scontro con il presidente della Consob, Giuseppe Vegas, dando credito alle rivelazioni della trasmissione Report. Al centro la presunta eliminazione di alcune norme che avrebbero permesso di tutelare i risparmiatori coinvolti nell'acquisto di bond subordinati.

Nei giorni scorsi il numero uno dell'Autorità che vigila sui mercati finanziari, finito al centro di un fuoco di fila anche da parte di consumatori e grillini, aveva preso la parola per sviscerare nel dettaglio e con ricostruzioni puntuali la propria posizione, assicurando che le accuse del team di Milena Gabanelli sono destituite di fondamento, poiché tali disposizioni non sarebbero in realtà mai esistite. "La Consob - aveva spiegato Vegas - non ha mai abrogato l'obbligo di inserire gli scenari probabilistici di rendimento nei prospetti informativi delle obbligazioni bancarie per il semplice fatto che non è mai stato introdotto, nè a livello nazionale nè a livello europeo, alcun obbligo di includere nei prospetti questa informativa". Il presidente aveva poi passato in rassegna tutti i diversi passaggi della normativa in materia dal 2009 ai giorni nostri per dimostrare che, sulla falsariga di quanto previsto a livello del quadro regolatorio europeo, neppure la commissione italiana ha mai adottato l'obbligo di introdurre nei prospetti informativi il metodo di valutazione dei rendimenti (e di conseguenza anche dei rischi) delle obbligazioni sotto forma di scenari probabilistici. Ma aveva comunque ricordato di non aver mai ostacolato le società che volontariamente avessero introdotto tali informazioni nei propri prospetti, citando anche alcuni esempi concreti.

Nel braccio di ferro si è infilato pure il governo Renzi. Che da tempo spara contro la Consob. "La Gabanelli ha ragione - ha detto oggi Calenda intervistato da Giovanni Monoli su Radio24 - degli errori gravi sono stati fatti". Una presa di posizione netta che rilancia con forza le accuse alla commissione di aver eliminato gli scenari prospettici. Nei giorni scorsi, dalle colonne del Corriere della Sera, il vicesegretario all'Economia, Enrico Zanetti, aveva accusato Vegas di essere "senza credibilità".

Commenti

giovanni235

Lun, 13/06/2016 - 10:49

E' evidente che Renzi dispone già di un suo fedelissimo da piazzare al posto di Vegas,e sarà uno che non controllerà un bel niente avendo dalla sua parte Renzi che confermerà che tutto è stato tenuto sotto controllo.

giovauriem

Lun, 13/06/2016 - 10:53

e strano ! eppure stiamo parlando di un tumore (l'attuale governo italiano)) e delle sue metastasi (banca d'italia ,le banche italiane ,consob e gabanelli/rai3)

swiller

Lun, 13/06/2016 - 11:10

La Gabanelli purtroppo ha sempre ragione.

fifaus

Lun, 13/06/2016 - 11:20

che si dimettessero tutti!! andiamo a votare !!

unosolo

Lun, 13/06/2016 - 12:32

la giornalista ha fatto il suo lavoro , certamente la truffa è appurata poi chi ha emesso leggi a tutela delle banche e dei CDA ha peggiorato la situazione mettendo a rischio tutti i risparmiatori anche se poi il governo cerca di tamponare solo in minima parte , questo conferma la volontà del governo per salvare solo i CDA e la banca Etruria che se indagini andassero a compimento i fatti sono appurati che accaduti prima dei decreti e dei cambi nomi delle banche per tutelarle , quindi il governo sapeva e ha protetto i papà. la galera se fosse stato un governo di CDX.

Duka

Lun, 13/06/2016 - 13:19

Più si continua con il bullo al comando e peggio sarà per tutti noi. E' un imbroglione nato di nessuna affidabilità. Lo hanno ben capito i tedeschi che lo tengono alla larga.

vince50_19

Lun, 13/06/2016 - 14:03

A parte che le indagini che hanno validità sono quelle della magistratura e relativo verdetto finale, a parte certo velato "favoritismo" verso l'attuale governatore, quand'anche le cose stessero come detto a Report, l'Isvap non ne esce intonso di sicuro. Le responsabilità della banca Etruria e delle altre banche non sono per niente annacquate, egregio p.d.c. Ancorché bisogna scoprire chi ha fatto la soffiata ai correntisti più "congrui" un mese prima del crac per fargli svuotare i cc.! Qui potrebbe essere il busillis di questa sporca faccenda. Inutile menare il can per l'aia per piazzare un uomo fidato in altro ganglio dello stato, se questo è il fine di ciò che per me è solo un polverone. Al momento.

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Lun, 13/06/2016 - 16:29

Certo che credere a questi ce ne vuole...che si iò pinocchio o banca d'italia o consob sono tutti in combutta....quindi da buttare tutti....

linoalo1

Mar, 14/06/2016 - 08:03

Andrebbero castigati tutti e severamente,perchè non potevano non sapere!!Lo dicono,spesso,anche i Magistrati,ma non certo contro il Governo ed annessi!!!!Dauanto si vede,Banca D'Italia,Consob,Renzi con il suo Governo,sono im muni!!!Mi domando solo;se fosse capitato ad un Governo Berlusconi,cosa sarebbe successo???La Rivoluzione,sicuramente!!!!