"Questo è un Fisco da regime". Ecco chi rischia la "batosta"

Le linee guida dell’agenzia delle Entrate relative all’anno 2020 fanno discutere. Forza Italia non ci sta: "Contenuto indegno"

Sono pronte le linee guida dell’agenzia delle Entrate relative all’anno 2020, che avranno il compito di aiutare il Fisco a contrastare l’evasione fiscale.

Tra gli elementi contenuti nel documento anticipato da Il Sole 24 Ore ci sono alcuni punti sui quali vale la pena fare chiarezza, come ad esempio i controlli sui professionisti e gli autonomi che applicano il regime forfettario, le analisi di rischio sugli Isa effettuate utilizzando altri database e i dati raccolti attingendo allo spesometro. L’obiettivo è quello di recuperare 13 miliardi di euro di entrate erariali ed extratributarie nel corso del prossimo anno, 4,5 miliardi dei quali da conseguire mediante versamenti diretti da accertamento e controllo.

Partite Iva e autonomi

Prima di tutto è importante considerare che il Fisco, consapevole delle numerose adesioni al regime forfettario in seguito alle modifiche della legge di Bilancio per il 2019, ha pensato bene di controllare in modo mirato sia chi beneficia dell’aliquota flat al 15% (anche se entrato nel regime prima di quest’anno), sia chi fa parte della schiera delle partite Iva rispondente al regime dei vecchi minimi.

Finiranno sotto torchio anche gli autonomi, i quali dovranno essere in regola con la presentazione della dichiarazione dei redditi o della dichiarazione Iva. A partire dal 2020 i vari uffici territoriali avranno poi a disposizione le informazioni su quei soggetti che non hanno ancora regolarizzato o giustificato la propria posizione nonostante l’invio di un alert da parte del Fisco nel 2015.

Software di analisi e dati

Come se non bastasse, entro la fine dell’anno i funzionari dell’agenzia delle Entrate avranno la possibilità di lavorare sui dati inerenti all’attività effettuata nel 2018 “da chi ha operato con il Fisco”, trasmettendo, ad esempio, dichiarazioni o comunicazioni alle Entrate, difendendo clienti davanti alle commissioni tributarie o curando pratiche di aggiornamento catastale. In casi del genere si provvederà al riscontro tra il volume dell’attività svolta e i redditi dichiarati, uniti ad altre informazioni.

Sempre nel 2020 è prevista l’introduzione di un particolare software che aiuterà gli uffici nell’effettuare analisi di rischio e di controllo delle partite Iva “obbligate alle pagelle fiscali”, attribuite ai contribuenti in seguito ai dati comunicati con gli Isa.

Imprese e fattura elettronica

Capitolo imprese: il Fisco starà ben attento a esaminare l’utilizzo di falsi crediti in compensazione “per pagare somme iscritte a ruolo” o “altri debiti” con lo stesso Fisco. Due saranno gli aspetti osservati con un occhio di riguardo: il credito d’imposta su ricerca e sviluppo, che prevede il monitoraggio di codici di attività incompatibili con l’attività R&S e la media storica degli investimenti, e il bonus Renzi, per il quale saranno scovate quelle aziende prive di dipendenti o con un numero di addetti non in linea con le somme indicate. Dulcis in fundo, saranno presto messe a disposizione dei funzionari le liste selettive di quei soggetti considerati a rischio evasione. Questi elenchi saranno formati utilizzando i dati raccolti mediante la fattura elettronica, con l’esterometro o con l’invio dei corrispettivi.

Forza Italia all’attacco

Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, ha definito “indecente” il contenuto delle linee guida del Fisco in quanto “la decisione di mettere nel mirino quei professionisti e quelle piccole partita iva che hanno aderito al regime della flat tax, previsto dalla precedente legge finanziaria, è semplicemente una porcata”. Quanto stabilito dal documento è “la plastica dimostrazione di come un esecutivo viziato da un pregiudizio ideologico anti-impresa e anti partite iva, possa piegare la terzietà di un organismo neutro per perseguitare chi ha avuto l’ardire di attenersi alle leggi dello Stato”. Gelmini lancia infine un appello all’esecutivo: “Il Governo faccia il suo dovere e nomini i nuovi vertici e rimuova chi ha progettato linee guida indegne di un Paese civile”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

stefi84

Gio, 12/12/2019 - 18:51

Bene! E' giusto che non siano solo i pensionati a pagare.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Gio, 12/12/2019 - 19:08

Ci si deve rendere conto che molte Partite Iva non sono concorrenziali con altre che lavorano meglio. Se queste PI per stare sul mercato evadono le tasse fanno uscire altre imprese più competitive, più oneste e quindi migliori.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 12/12/2019 - 19:12

Tartassano per dare il bonus. latte il bonus bebè, il bonus pannolino, il bonus a tutto. Distribuzione distribuzione,peccato che non distribuiscono il lavoro. Per carità dovessero sporcarsi le manine. Visto che molti di questi non fanno nulla, mi dite che necessità c'è di portate i bambini al nido, visto che c'è posto solo per uno su quattro?

DRAGONI

Gio, 12/12/2019 - 19:31

io metterei al primo posto le pensioni date ai falsi invalidi.

Duka

Ven, 13/12/2019 - 07:29

E' il regime del potere giudiziario, NON può esserci niente di peggio in uno stato "libero". La storia insegna che sono il preludio per le rivolte civili: stiamo a vedere che succede.

eroncelli

Ven, 13/12/2019 - 07:57

Detto da uno che è a partita IVA da una vita: ci sono troppi evasori in tutti i settori ed è giusto perseguirli. Chi è in regola non dovrebbe avere nulla da temere.

eponimo

Ven, 13/12/2019 - 08:41

E' vero o no che Fratelli d'Italia ha proposto un emendamento per aumentare le tasse sul trading online colpendo i piccoli risparmiatori perché per i grandi speculatori sarà un'inezia? E' vero? Se è così si devono solo vergognare. Criticano il governo poi di soppiatto propongono altri balzelli.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 13/12/2019 - 09:20

vediamo quante partite iva chiuderanno il 31 p.v. e lo sgoverno pdiota grullo dove troverà i soldi delle mancate estorsioni su di esse!!

flip

Ven, 13/12/2019 - 10:28

ognuno raglia a modo suo. chi come un somaro e chi come vcavallo bolso! Contestare l'evasione viscale? e quando mai? non nego che non ci sia ma non nei volumi supposti. Cominciate a debellare la mafia e poi, cercate di capire le esigenze del mecato commerciale ed industriale ed a queste applicate la legge sull' iva. Fate le leggi e poi non le capite??? ...mazza che citrulli abbiamo al governo.

flip

Ven, 13/12/2019 - 11:14

l'Agenzia delle Entrate avrebbe tanto bisogno di rinfrescarsi il cervello. Sui sistemi e metodi sono rimaste all' età della pietra! Lascio perdere il commento sull'Istat !Capisco che vedono solo numeri e percentuali ma i numeri parlano e spesse volte urlano. bisogna però saperli ascoltare!