La ministra Catalfo: "Ampliamo reddito di cittadinanza e cassa integrazione"

La responsabile del Lavoro annuncia nuove misure del governo a supporto dei lavoratori e delle imprese che saranno inserite nel decreto legge di aprile. Si lavora per un ampliamento del reddito di cittadinanza ed un nuovo "reddito di emergenza"

La ministra Catalfo: "Ampliamo reddito di cittadinanza e cassa integrazione"

"Bisognerà pensare a misure che aiutino a far ripartire l'economia". Si è espressa così la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo sulle misure economiche post-Coronavirus nel corso della trasmissione Unomattina su Rai Uno.

Si prolunga la cassa integrazione

Ecco che, il sostegno del governo ai lavoratori e alle imprese verrà rafforzato. Secondo quanto annunciato dalla ministra il decreto di aprile, in fase di scrittura, punta a rafforzare la cassa integrazione (la cui durata è prevista, al momento, per 9 settimane). Come riportato da Repubblica, della cassa integrazione in deroga potrà beneficiarne "anche l'artigiano che ha un solo dipendente oppure il lavoratore che ha un solo giorno di anzianità".

I soldi entro Pasqua

Sui tempi di arrivo dei soldi della cassa, la Catalfo ha parlato di "un paio di settimane": tra quindici giorni, quindi, i lavoratori potranno chiedere alle banche un anticipo grazie all'accordo che il governo ha raggiunto nella notte con Abi (Associazione Bancaria Italiana) e le parti sociali.

Il ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli spiega che i primi assegni potranno arrivare ai beneficiari entro Pasqua. "Non potevamo pensare di attendere mesi per pagare la cassa integrazione alle persone che oggi sono a casa e che non lavorano - ha dichiarato Patuanelli - c'è stato un ottimo lavoro fatto dalla ministra Catalfo con Abi e le parti sociali... attraverso questo accordo, entro Pasqua ci sarà l'erogazione del primo assegno di cassa integrazione".

Nuovo reddito di cittadinanza

La Catalfo ha esteso il raggio d'azione anche la reddito di cittandinanza prevendendone un "ampliamento e rafforzamento" che sia limitato ai mesi di crisi più acuta. L'obiettivo sarà " dare un reddito alle persone, accelerare i consumi, aiutare la domanda aggregata e far sì che ci sia una ripresa economica".

Spunta il "reddito di emergenza"

Tra le ipotesi in campo anche quella di un "reddito d'emergenza" che porti soldi alle famiglie in difficoltà "con una procedura semplificata". La decisione andrà in scia ai 400 milioni che vengono destinati ai Comuni per aiuti alimentari di emergenza. "Noi vogliamo che tutte le famiglie possano portare il cibo sulla tavola".

Bonus di 600 euro

La ministra conferma anche che il bonus a favore di chi possiede una partita Iva e dei lavoratori autonomi aumenterà nell'importo e sarà erogato anche ad "aprile e maggio". La cifra, al momento, è pari a 600 euro. Sullo sfondo, c'è l'obiettivo di far ripartire l'economia consolidando il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese.

"Intervento prezioso"

"Un intervento prezioso a sostegno delle persone più in difficoltà di fronte alla necessaria serrata delle attività contro il Coronavirus - è questo il commento del deputato di LeU Luca Pastorino in merito alle dichiarazioni della ministra Catalfo - nelle prossime settimane la priorità sarà quella di mettere i soldi in tasca agli italiani, attraverso meccanismi di sostegno. E ben venga un potenziamento del Reddito di cittadinanza se va in questa direzione".

Commenti