Pensioni d'oro, il conto dello scippo: tagli da 80mila euro in 5 anni

Le sforbiciate sulle pensioni d'oro cominciano a far sentire gli effetti. E ora gli ex professionisti sono sul piede di guerra

Mentre il governo è impegnato a litigare sulla legge di Bilancio, il mondo dei pensionati è sempre più sul piede di guerra. Di fatto la rivalutazione piena al 100 per cento per gli assegni fino a 4 volte il minimo, ovvero per gli importi fino a 2000 euro non soddisfa migliaia di pensionati che non si accontenteranno di un aumento che oscilla tra i 50 centesimi e i tre euro. Una vera e propria elemosina che ha portato i rappresentanti del mondo previdenziale a scendere in piazza lo scorso 16 novembre. Il governo così ha aperto all'ipotesi di un possibile ritocco degli assegni anche nella fascia che va fino a cinque volte il minimo, ovvero circa 2500 euro. Ma attenzione, su questo fronte c'è un'altra spina nel fianco del governo che riguarda invece i pensionati d'oro. Anche questi pensionati devono fare i conti con uno "scippo" di Stato non indifferente. Se da un lato il blocco delle rivalutazioni potrebbe avere dei ritocchi in positivo, dall'altro lato la sforbiciata sugli assegni pesanti invece resterà in vigore per 5 anni. I tagli vengono applicati a tutti i pensionati che percepiscono un assegno annuale che supera i 100mila euro con tagli tra il 15 e il 40 per cento per la parte eccedente la soglia fissata da cinque scaglioni. I tagli infatti sono del del 15%: tra 100.000€ e 129.999,99€ (lordi); del 20%: tra 130.000€ e 199.999,99€ (lordi); del 25%: tra 200.000€ e 349.999,99€ (lordi); del 30%: tra 350.000€ e 499.999,99€; del 40%: superiore a 500.000€.

Per rendersi conto di come cambiano gli importi, basti pensare ad esempio che per chi percepisce un reddito da pensione di circa 110mila euro l'anno, il taglio ammonta a circa 1500 euro nei dodici mesi: in 5 anni si lasciano per strada almeno 7500 euro. Per chi invece ad esempio percepisce un reddito previdenziale di 140mila euro lorid l'anno, la sforbiciata può arrivare anche a 7000 euro in un solo anno e dunque in 5 anni si perdono 35mila euro. Più si va avanti negli scaglioni e più pesante è lo "scippo". I tagli sono partiti nel corso del 2019 e così migliaia di pensionati, ad esempio ex professionisti, imprenditori o banalmente ex medici stanno rilevando nei cedolini la sostanziale sforbiciata. In tanti hanno però intrapreso un percorso legale per chiedere l'interruzione del prelievo forzoso dagli assegni. Come racconta a ilGiornale.it l'avvocato Collovati che con lo studio Dirittissimo ((rivalutazionepensione@gmail.com) assiste proprio questi pensionati, diversi ex professionisti chiedono uno stop ad un prelievo che la stessa Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia ha ritenuto "discriminante". E così proprio il legale racconta alcune esperienze dei suoi clienti: "Un imprenditore con un reddito annuo lordo di 180.791 euro, applicando le varie percentuali di decurtazione come suddivise in fasce previste dalla Legge 145/2018 l’importo totale decurtato nel 2019 è pari ad Euro 17.197,75 che per 5 anni ammonta a 85.988,75 euro. Un altro caso riguarda ad esempio un ex ingegnere collaudatore di aerei che con un reddito di pensione annuo di 352.353,69 nel 2019 ha subito uno scippo di 67,823,79 euro che per 5 anni ammonta a 339.118,95 euro". Insomma la "botta" tra 5 anni si farà sentire e il braccio di ferro tra questi pensionati e l'erario di certo non finirà qui...

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Sab, 23/11/2019 - 10:39

Eppure sarebbe tutto molto semplice per indirizzare le cose nel modo GIUSTO. Se tutti i pensionati uniti rimandassero i regali di Natale al prossimo anno (forse) non sarebbero più gli INVISIBILI o INUTILI persino al voto. Questo e più che sicuro.

Mborsa

Lun, 25/11/2019 - 12:20

Il sistema pensionistico penalizza coloro i quali hanno versato, a favore di quelli che non hanno versato adeguatamente. Per nascondere la verità, si prendono provvedimenti contro la minoranza "abbiente" con la complicità dei media, che continuano a rilanciare la sciocchezza sindacale delle pensioni medie, senza denunciare il rapporto versato/percepito dei pensionati. Chi ha più pagato, meno ha avuto in pensione!

Klotz1960

Lun, 25/11/2019 - 12:22

Nei Paesi avanzati le misure economiche non vengono analizzate solo in termini di classi sociali, ma anche in termini generazionali. Il voto ai grillini e' per l'80% giovanile, e come ovvio i grillini attaccano le generazioni anziane per favorire le giovani. Genitori e nonni devono smettere di mantenere grillini e sardine.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 25/11/2019 - 12:32

MENO SOLDI = MENO CONSUMI = MENO IVA = DISOCCUPAZIONE ED EMIGRAZIONE GIOVANI ALL'ESTERO. STRATEGIA ECONOMICA TIPICA DEI REGIMI DITTATORIALI COMUNISTI. RIBELLATEVI QUANDO ANDATE A VOTARE EMILIANI, ROMAGNOLI E CALABRESI. OPPURE TACETE E SUBITE PER SEMPRE.

Duka

Lun, 25/11/2019 - 12:43

Per i pensionati non occorrono cortei, bandiere, sindacato ecc. basta disertare i supermarket per 1/2 settimane. Vedrete che le cose cambiano da cosi a cosi

mimmo1960

Lun, 25/11/2019 - 12:53

I tagli ai migranti noo???

HappyFuture

Lun, 25/11/2019 - 12:59

Finalmente! ... Ma voi sovversivi prendete le parti dei ricchi! Poveri noi!

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Lun, 25/11/2019 - 13:07

Se la pensione d'oro è stata calcolata sulla base dell'ultimo stipendio percepito, così come avvenne per il sindacalista CISL che venne nominato per gli ultimi sei mesi di lavoro ad un incarico verticistico, VANNO TAGLIATE ! Per chi la pensione l'ha maturata per effettivi versamenti proporzionali a stipendi alti non deve essere tagliata ma rideterminata con calcoli meno favorevoli.

agosvac

Lun, 25/11/2019 - 13:09

Non sono mai stato invidioso di chi prende queste famigerate pensioni d'oro. Se le prendono è perché per svariati anni hanno versato contributi molto ma molto superiori a quelli versati da me. Piuttosto sarei curioso di sapere perché molti politici che versano contributi per soli 5 anni debbano prendere pensioni che se non sono d'oro di sicuro sono d'argento. Vorrei sapere perché il Governo elargisce pensioni senza contribuzioni utilizzando l'INPS e senza versare all'INPS le adeguate coperture finanziarie. In pratica il Governo ruba i soldi versati dai lavoratori per scopi propri. Strano che la magistratura non intervenga!

lorenzovan

Lun, 25/11/2019 - 13:09

articolo e commenti indegni..ogni giorno articolo sulla poverta' degli italiani e vi lamentate del TAGLIO di 80.000 euros in 5 anni..E QUANTO PRENDEVANO DI PENSIONE »??? Io ho pagato 43 anni di contributi..e a 650 euros al mese... mi ci vogliono dieci anmni per ricevere questa cifra....e cverti minus habens parlano di" persecuzioni ai ricchi"

Ritratto di Arminius

Arminius

Lun, 25/11/2019 - 13:11

L'INPS è un baraccone inutile e dispendioso che vive gestendo i soldi degli altri e che deve essere chiuso immediatamente. Durante la propria esistenza ognuno deve mettersi da parte il gruzzolo per la vecchiaia ricevendo la retribuzione al lordo e senza l'interferenza e le trattenute obbligatorie da parte dello stato impiccione. Per i "veri" indigenti il problema passa alla assistenza su base volontaria. Semplice, no?

titina

Lun, 25/11/2019 - 13:18

Anche a me che non ho per niente la pensione d'oro mi hanno tolto 1000 euro di arretrati sulla pensione, per me si sono sbagliati e ho chiesto di rifare i conti e l'inps ha risposto che non possono farli e di andare da un avvocato. E così mi costerebbe di più. maledetti

AmilcareTafazzi

Lun, 25/11/2019 - 13:30

Si porta, come ho fatto io, la residenza in Portogallo ( Lisbona o Faro) si resta li e si dimentica questo vostro disastrato paese e la pensione te la danno tutta senza nessuna decurtazione. Si paga il 12,50 % dopo 10 anni e si pernacchia Di Maio. Non è ammesso nessun taglio te l'accreditano tutta intera ogni mese.

lorenzovan

Lun, 25/11/2019 - 14:22

caro Tafazzi...le decurtazioni dsulle pensioni ..se hai quella d'oro..vale che tu sia in portogallo in in Tailandia..quello che ricevi netto misembra siano diversi contribyti per servizi dei quali usufruiresti vivendo in Italia ..io che ho prensione portoghese e olandese..neanche questa fortuna ho..anzi..vivendo all'estero la mkia pensipne olandese abbasserebbe di qualche decina di euro

bernardo47

Lun, 25/11/2019 - 15:52

La questione tagli alle pensioni elevate e mancate rivalutazioni delle medie e basse, è già sul tavolo della Corte Costituzionale,inviata vi da corte dei conti Friuli. In sede giurisdizionale. È la Corte a mesi si esprimerà......inutili altri ricorsi sulla medesima materia.....servono solo agli studi legali,caso mai.

bernardo47

Lun, 25/11/2019 - 18:37

duka, meglio le manifestazioni unitarie come quelle del 16 scorso a roma di decine di migliaia di pensionati che votano e ricordano! ...credimi e le acque le ha smosse! Leggiti art.58 del ddl di stabilita' e embrione e' apparso! vediamo se nel proseguo parlamentare, embrione cresce ancora.I segretari dei sindacati che si sappia, non mollano,sono al pezzo, addosso ai parlamentari per gli emendamenti migliorativi!; informati meglio.

gianni59

Lun, 25/11/2019 - 18:46

120 euro al mese di taglio a chi ne prende quasi 11mila?!? e la chiamate sforbiciata? ditelo a chi vive dopo una vita di lavoro con 800 euro al mese.....

gianni59

Lun, 25/11/2019 - 18:48

Klotz1960....non è che attaccano le generazioni anziane per i giovani...è che se i giovani non hanno risorse chi le paga le megapensioni agli anziani?(e puoi aver versato quello che ti pare)

gianni59

Lun, 25/11/2019 - 18:50

@mimmo1960...ma non faccia il buffone...quanto vuole tagliare... 15 euro a poche centinaia di migliaia di persone? Ringrazi piuttosto qualche migrante che si rifiuta di lavorare in nero e versa contributi anche per lei...

gianni59

Lun, 25/11/2019 - 18:53

@ La Corte come si esprima si esprima...quando i soldi saranno finiti (x i giovani non c'è nulla) altro che taglio alle pensioni d'oro....

sparviero51

Lun, 25/11/2019 - 19:06

IL SISTEMA CATTOCOMUNISTA INVIDIOSO E BECERO HA PARTORITO L'ENNESIMA INGIUSTIZIA TRAVESTITA E SPACCIATA PER EQUITÀ . DI FATTO CHI NON HA VERSATO MAI NULLA PRENDE LA PENSIONE SOCIALE E ROMPE ANCHE I "00" LAMENTANDONE LA POCHEZZA . IN PIÙ LO STATO ,CON UNA PRODEZZA DEGNA DI MARAMALDO ,IN UNA NOTTE HA SCARICATO SULL'INPS IL FARDELLO DI DIECI (DICASI DIECI ) MILIARDI DI PENSINONI DI PUBBLICI DIPENDENTI A CUI NON HA VERSATO MAUNA LIRA O UN EURO . È' IN ATTO UNA SUBDOLA REDISTRIBUZIONE DELLA MISERIA !!!

bernardo47

Lun, 25/11/2019 - 20:37

gianni 59, ti sono nel cuore ma non mi piace il conflitto intergenerazionale ne' chi lo innesca, che si chiami renzi, o boeri, o di maio o altri...e amo la solidarieta' tra generazioni e i valori. Se ti vai a leggere il sito di cgil o cisl o uil, e leggi la piattaforma unitaria presentata al governo, ti accorgi che i sindacati dei lavoratori(giovani e meno giovani e pensionati), ha posto anche(tra l'altro) la questione al governo della pensione di solidarieta' pubblica, pagata con la fiscalita' generale, per i giovani, affinche', tra pensione contributiva derivata da lavoro, e pensione pubblica di solidarieta'pagata da tutti i contribuenti, possano avere anche gli attuali giovani, una pensione complessiva non inferiore rapportata a ultimo stipendio, non dissimile percentualmente a quella di cui hanno beneficiato i nostri padri e i nostri nonni...e speriamo che la richiesta passi. Lascia perplessi che molti giovani, non sappiano nemmeno di cosa si tratta......peccato.

bernardo47

Lun, 25/11/2019 - 20:41

le pensioni dei nostri anziani vanno rivalutate perche' sono svalutate ingiustamente di oltre il 10% in pochi anni e per i giovani, va prevista una seconda pensione, oltre quella contributiva da lavoro, sostenuta dalla fiscalita' generale, come cgil cil uil hanno chiesto al governo con la piattaforma unitaria.

bernardo47

Lun, 25/11/2019 - 21:52

sparviero 51....i lavoratori pubblici hanno versato regolare contribuzione previdenziale del 33,3% sul lordo retributivo per decenni e decenni, detratte direttamente sulla busta paga mese per mese.....non scriviamo amenita' da bar dell'angolo....