Pensioni, le tre "bombe" da disinnescare prima del 2022

Il 31 dicembre 2021 sarà una data chiave per le pensioni. Dallo scalone post-Quota 100 alle indicizzazioni: entro quel giorno dovranno essere presi importanti accorgimenti

Il futuro delle pensioni è racchiuso in una data da segnare di rosso su tutti i calendari: 31 dicembre 2021. Nel caso in cui non dovessero arrivare interventi o riforme prima del gong, questa data rischia di trasformarsi in un vero e proprio “ingorgo pensionistico”.

Come sottolinea Il Sole 24 Ore, i rischi da considerare sono tanti, al punto tale da poter definire l'ultimo giorno del prossimo anno “deadline previdenziale”.

Lo scalone di Quota 100

Il motivo principale è la fine della sperimentazione triennale di Quota 100. Se nessuno farà niente, come sembra probabile, la misura evaporerà facendo materializzare, al suo posto, uno “scalone”.

Che cosa significa? In parole povere, fino al termine del 2021 è prevista la possibilità di ritirarsi dal mondo del lavoro raggiungendo i 62 anni di età e i 38 di contributi versati. Ma dal 2022 potrebbe non essere più possibile farlo.

Detto altrimenti: chi compirà 62 anni o maturerà i 38 anni di contributi a gennaio 2020, rischierà di rimanere fuori dalla Quota 100 e dovrà aspettare di compiere 67 anni e 3 mesi di età oppure 42 anni e 10 mesi di contributi (uno in meno per le donne) per poter accedere alla pensione. In certo casi lo scalone potrebbe arrivare persino a cinque anni e tre mesi.

Un problema non da poco, quello appena descritto, che ha spinto governo e sindacati a convocare un round per il prossimo 27 gennaio. Obiettivo dell'incontro: disinnescare la mina provocata dallo scalone.

Due sono le opzioni sul tavolo: affidarsi a una Quota 102 interamente contributiva (64 anni di età e 38 di contribuzione) oppure puntare su una flessibilità calibrata sui lavori gravosi e usuranti.

La stretta sulle indicizzazioni delle pensioni

Un altro tema da trattare con i guanti, che farà la sua comparsa sempre a partire dal primo gennaio 2022, è quello inerente alla indicizzazioni degli assegni pensionistici.

Tra un anno si esaurirà infatti la stretta voluta dal vecchio governo gialloverde. La stessa, contestata dai sindacati, che garantisce 3,6 miliardi di risparmio nel periodo compreso tra il 2019 e il 2021 e che è rimasta immune dalla mini-rivalutazione contenuta nell'ultima manovra.

Una spesa troppo alta e il rischio "ingorgo"

C'è poi da considerare l'enorme spesa per le pensioni, che nel 2022 dovrebbe superare la soglia di 300 miliardi di euro. E questo a causa soprattutto dei pensionamenti anticipati.

Insomma, il rischio “ingorgo” potrà essere evitato solo attuando con dovuto anticipo accorgimenti e interventi appropriati.

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha affermato che entro la fine del mese sarà formata una commissione di esperti che avrà il compito di formulare “proposte che siano sostenibili per la finanza pubblica”. Il tempo stringe e il 31 dicembre 2021 si avvicina.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bernardo47

Mer, 15/01/2020 - 23:47

Le commissioni con le parti sociali,sono stabilite dalla recente legge di stabilità. La perequazione pensioni nel metodo Berlusconi Prodi, decorrerà da gennaio 22, e fu quello negato dal sig.renzi, lo scalone,sono le specialità della lega.....da salvini a maroni,solo scaloni......

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Gio, 16/01/2020 - 00:01

Chiedetemi se Dio esiste, se vi è vita il altre galassie, chi ha ucciso Napoleone, perché le donne sono esseri incomprensibili, dove è finito il grande Milan ed io vi risponderò. Non chiedetemi se e quando andrò in pensione. Non sono attrezzato per le profezie.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 16/01/2020 - 01:38

Si preoccupano della zavorra economica pensionistica ... hanno sperperato a porci e cani il capitale depositato, obtorto collo sub lege, prodotto dalle contribuzioni di chi ha lavorato, strappandolo dalle fatiche, "elargendo" palanche a chi in panciolle aspettava il boccone agratise. Dipoi che la spesa aumenterà è palese se calano i "pensionati attivi" cioè i numeri di chi "depone il malloppo" mentre sono in continua ascesa i pensionati passivi, quelli che usufruiscono del capitale illo tempore anticipato ... ma nel conteggio sono ancora compresi i "dipartiti"?

Klotz1960

Gio, 16/01/2020 - 01:38

Nei Paesi avanzati le analisi si fanno anche per generazioni, non solo per classi, stile vetero marxista. I grillini rappresentano i giovani sfaccendati e disoccupati dai 18 ai 35 anni. Ovvio fin dall'inizio che avrebbero attaccato le pensioni di genitori e nonni, che stupidamente continuano a mantenerli.

Gattagrigia

Gio, 16/01/2020 - 02:42

Praticamente un altro danno causato da Salvini a cui qualcun altro dovrà porre rimedio. Sicuramente il qualcun altro verrà criticato dalla Lega e dai legaioli, saliranno i consensi per la Lega che proporrà qualche altra fantasiosa soluzione continuando a prendere in giro il popolo italiano

Popi46

Gio, 16/01/2020 - 06:31

Di qui al 31 dicembre 2021...., mangia cavallo. Ma forse ci penserà l’UE, no di certo i giallorossi

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 16/01/2020 - 07:52

Articoli come questo testimoniano quanto aveva ragione Goebbels, ripeti 1000 volte una bugia e diventerà una verità. L'autore di questo articolo deve aver letto troppe volte il buon Franco Grilli su "Il Giornble" visto che parla di "stretta voluta dal vecchio governo gialloverde" facendo riferimento alla mini riduzione dell'indicizzazione delle pensioni dimenticando che i governi precedenti PD, l'ìndicizzazione delle pensioni l'avevano addirittura abolita.