Il prelievo di contanti cambia? Perché nulla sarà come prima

È guerra tra Bancomat spa e l'Antitrust per le nuove regole sugli sportelli atm: ogni banca potrà decidere autonomamente il prezzo da far pagare per ogni commissione. Insorgono le associazioni dei consumatori

Rivoluzione in arrivo tra gli sportelli Bancomat: chi preleverà da una banca diversa dalla propria rischia di pagare commissioni decise dall'istituto di credito proprietario dello sportello. A tal proposito, è stata avviata un'istruttoria dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) per analizzare la richiesta di Bancomat Spa, che gestisce da oltre 30 anni i circuiti di pagamento e prelievo più diffusi in Italia.

Come funziona adesso

Attualmente, quando si preleva contante presso uno sportello Atm, il cittadino non paga nessuna commissione se questo avviene negli sportelli della banca presso la quale si ha il conto altrimenti capita di pagare pochi centesimi di euro (0,50 cent in media) anche se, negli ultimi tempi, i prelievi sono diventati gratuiti quasi ovunque, anche nei conti online. Non solo: ma la commissione interbancaria è persino scesa a 0,49 cent. Adesso, però, la società Bancomat ha deciso di cambiare.

Come cambia il procedimento

Come riportato da Facile.it, la Spa propone che ciascuna banca proprietaria dell’Atm decida autonomamente il prezzo che i correntisti di altri istituti di credito dovranno pagare per i prelievi: sul monitor dello sportello automatico apparirà la cifra di commissione che il cliente dovrà versare dopo aver inserito la carta e prima di dare l'ok al procedimento ma se ne verrà a conoscenza soltanto in quel preciso momento. Il metodo non è piaciuto alle associazioni dei consumatori come Altroconsumo la quale sostiene che la concorrenzialità e la possibilità di confrontare i vari prodotti presenti sul mercato diminuiranno. Ma sono contrarie anche le banche online e gli istituti di credito di piccole dimensioni o che concentrati in aree limitate con pochi sportelli automatici a disposizione dei clienti.

Ecco chi ha interessi

Il rivoluzionario progetto viene portato avanti soprattutto dalle grandi banche azioniste di Bancomat Spa con diverse motivazioni: come si legge su IlSole24Ore, l’attuale commissione interbancaria non sarebbe sufficiente a recuperare i soldi che servono per l’aggiornamento e la gestione degli impianti Atm che sono in netto calo e, contemporaneamente, si investe meno in tecnologia. Insomme, le realtà più piccole rischiano di essere spazzate dai big del settore, proprietarie dei più importanti parchi Atm potendo quindi offrire la gratuità del servizio con più facilità a chi diventerà loro cliente. Ma la battaglia davanti all'Antritust è tutt'altro che chiusa.

Un po' di numeri: Bancomat spa, che gestisce da oltre trent’anni i circuiti di pagamento e prelievo più diffusi in Italia (PagoBancomat, Bancomat e Bancomat Pay) ha l'80% della quota di mercato, 2,5 miliardi di operazioni di pagamento e prelievo per un valore di oltre 252 miliardi di euro su base annua, circa 34 milioni di carte in circolazione. Inoltre, la Società per azioni ha come azionisti 125 banche italiane che fanno parte delle oltre 400 che ne utilizzano i servizi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mar, 26/01/2021 - 12:31

RINGRAZIATE LO SGOVERNO GRULLO PIDIOTA E,MI RACCOMANDO , RIVOTATELO...QUANDO NON AVRETE PIU' NULLA,SARETE FELICI....CON UNA MANO DAVANTI E L'ALTRA DIETRO!!! UUUUAHHHUAHHHUAHHHH

Fausto17

Mar, 26/01/2021 - 13:55

E quelli che non hanno sportelli della loro banca nel comune dove risiedono?

Massimo Bernieri

Mar, 26/01/2021 - 15:10

Per rimanere in costi banche,pagate tutto con bancomat carta di credito come ci "invitano" in cambio di premi e poi vedrete a fine anno il costo addebitato per ogni rigo ergo:ogni operazione !

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 26/01/2021 - 15:21

bisogna smettere di far credere che il denaro sia un bene, un prodotto erogato tramite un servizio. il denaro è una unità di misura, l'unità di misura degli scambi.

routier

Mar, 26/01/2021 - 15:42

Il denaro non è un bene reale. Per verificarlo provate a mettere nel piatto alcune banconote al posto della minestra e vedrete come vi nutrono. Certamente le banconote servono per acquistare il cibo ma di per se stesse sono solo pezzi di carta colorata a cui noi (e solo noi) per convenzione diamo valore di interscambio.

ROUTE66

Mar, 26/01/2021 - 16:13

Sono soldi nostri(se non fosse così col cavolo che il bancomat ci da i soldi) SIAMO COSTRETTI ad avere un conto corrente,gli INTERESSI stanno a ZERO,ma le COMMISSIONI aumentano ogni anno. EVVIVA ,UTILIZZANO I nostri soldi E CI SPENNANO PURE

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 26/01/2021 - 16:55

Il denaro non dà la felicità...ma con molto denaro si è comodamente infelici!

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 26/01/2021 - 18:57

E' una vergogna, prima impongono l'uso delle Banche e dei conti correnti poi pretendono di applicare "tasse" sul prelievo dei propri soldi e sull'uso delle carte eletroniche, ma siamo proprio diventati stupidi per accettare tutto questo senza dire una parola?. Torniamo alla libertà e ogniuno scelga liberamente se intende essere pagato in contanti o meno così come dovrebbe essere possibile ritirare tutto il mesile senza depositi.

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 26/01/2021 - 19:00

E' ora che lo Stato si occupi delle Banche e non il contrario come avviene da decenni.