Arrivata la botta sulla bolletta ​Che cosa fare ora per "salvarsi"

Dal primo gennaio sono partiti i rincari sulle bollette luce e gas. Ecco qualche consiglio su come muoversi per ridurre i costi

L'annuncio è già di qualche mese fa, ma ora che sono arrivate le prime bollette i consumatori si sono resi conto di quanto siano aumentati effettivamente i costi delle proprie forniture. Rincari del 4,5% per la bolletta del gas e fino al 5,3% per quella della luce; un aumento importante che riguarda tutte le tariffe del mercato tutelato e che "peseranno" per i prossimi 3 mesi sul portafoglio dei consumatori.

Analizzando l'andamento, i prezzi sono tornati simili a quelli del trimestre corrispondente del 2019, ma in un cotesto economico differente, considerando che il Paese è nel mezzo di una pandemia che sta incidendo in modo pesantissimo sulle tasche degli italiani. Inoltre, secondo i dati del 2020, questi rincari arrivano a fronte di un calo della domanda di energia e gas da parte degli utenti, con un meno 6% sulla luce e meno 7% sul gas.

Secondo Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), i motivi degli aumenti sarebbero legati ad una crescita del prezzo della materia prima dell'energia: nel quarto trimestre 2020, difatti, il Prezzo Unico Nazionale risulta in crescita del 15% rispetto al terzo trimestre, tornando sui livelli medi del 2019. Secondo l'Autority, nonostante gli aumenti di inizio 2021 non si dovrebbe esaurire, comunque, la “riserva” di risparmio accumulata dalle famiglie con i cali provocati dagli effetti della pandemia.

Le associazioni dei consumatori sono sul piede di guerra e i Codacons hanno annunciato un ricorso al Tar della Lombardia, denunciando gli aumenti delle tariffe come irragionevoli e probabilmente causati da “speculazioni sui mercati all’ingrosso, vietate dal nostro ordinamento”.

Inoltre resta la questione dell’“avvento” del mercato libero che quando entrerà definitivamente a regime per clienti domestici e imprese, dovrebbe garantire, attraverso una maggiore concorrenza, una riduzione dei prezzi delle bollette.

Ad ogni modo restano i rincari di questi mesi e che riguarderanno il mercato tutelato - circa metà dei clienti domestici -; allora meglio correre ai ripari.

Il Dual fuel

Come scritto in un precedente articolo de IlGiornale.It, potrebbe comportare una riduzione notevole del costo delle bollette avere un contratto di fornitura con un unico gestore per luce e gas. Si tratta del cosiddetto Dual Fuel con cui si garantisce una fornitura congiunta con la stessa azienda, risparmiando nelle bollette su alcuni costi tra cui, ad esempio, quelli di gestione.

Cambio dell’Operatore

Un’altra opzione è, una volta che ci si è informati sui numerosi siti di comparazione offerte – scegliere una delle compagnie che offrono i prezzi migliori passando dal precedente operatore ad uno nuovo. Qualora non si voglia cambiare operatore, si potrebbe chiedere di rinegoziare alcuni aspetti contrattuali. Ad esempio passare, per quanto riguarda la fornitura elettrica, ad una tariffa monoraria o bioraria. Nel primo caso il prezzo è uguale per tutta la giornata ma se i consumi fossero concentrati principalmente o nella prima o nella seconda parte della giornata o nel week end, allora sarebbe una buona idea pensare di passare alla tariffa bioraria che suddivide la giornata in fasce con prezzi diversi. Generalmente i costi si riducono alla sera e nel week end mentre aumentano nelle ore, nel giorno e nel corso della giornata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di navajo

navajo

Mar, 02/02/2021 - 11:15

E' un anno che l'economia è in calo. Si sono persi centinaia di migliaia di posti di lavoro, milioni di lavoratori privati (che i pubblici cadono sempre in piedi) sono in cassa integrazione e il governicchio non blocca gli aumenti? E vorrebbe tornare a governare?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 02/02/2021 - 11:15

Nei titoli di oggi ci siamo già sorbiti una botta, una maxi botta, una bomba, una mazzata e un siluro. Come inizio non c'è male.

Ritratto di Italia_libera

Italia_libera

Mar, 02/02/2021 - 11:38

Mi chiedo chi e' il detentore nazionale che produce energia elettrica? Enel! Allora che centrano altri operatori con societa' e personale da impinguare con le proposte di vendita di energia elettrica, a spese della popolazione italiana! Un gestore unico delle bollette nazionali !

Ritratto di Italia_libera

Italia_libera

Mar, 02/02/2021 - 11:56

Non puo' essere che si fondi una societa' solo per fare bollette diversificate quando chi produce l'energia elettrica e' una sola,come vale anche per il gas,dove paghiamo la Saipen per la distribuzione del gas su tutto il territorio nazionale con la societa' ENI! Basta una per fatturare e non altre societa' e personale da impinguare con le nostre bollette!

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 02/02/2021 - 12:45

A mio giudizio la privatizzazione, il cambio di operatore e una miriade di contratti diversificati sono solo una fregatura per gli utenti finali, nessuno reagala nulla e i privati gestiscono le "reti" per fare profitto. Ritengo che certi servizi come luce, gas, acqua, reti telefoniche, autostrade e poste dovrebbero rimanere sotto lo stretto controllo e gestione da parte dello Stato, ovviamente gestite da persone competenti e nell'interesse dell'intero Paese non del portafogli di qualcuno o come strumento di "bacino politico". Anche la Sanità soffre di questo problema, da quando la politica ci ha messo le mani ed è diventata un "bancomat" per voti e interessi il declino e la distruzione del sistema Sanitario Pubblico è stato assicurata.

Massimo Bernieri

Mar, 02/02/2021 - 12:59

Per stare con i piedi per terra,chi spera che con il mercato libero obbligatorio per i privati dal 2022 di risparmiare,avrà una illusione come abolizione tariffe amministrate RC Auto nel 1994 che la concorrenza le avrebbe abbassate dal 1994 circa +200% dati da giornali specializzati.Per chi dice "ENEL gestore unico..per liberalizzazione mercato,ENEL è stata costretta a vendere centrali(vedere si internet i proprietari centrali idroelettriche o termoelettriche).Poi le decine di aziende che si propongono come venditori luce gas,solo commercianti che acquistano e vendono e sul costo materia prima che è il 50% del costo totale bolletta(accise IVA e tasse nessun gestore potrà calarle),se risparmi il -2% è molto.Se hai tariffa bioraria usare lavatrice e altri elettrodomestici se possibile nelle ore con costo inferiore.

audionova

Mar, 02/02/2021 - 14:10

cosa fare per salvarsi,semplice,risparmiare su corrente,gas e acqua,e' anche ecologico.

ROUTE66

Mar, 02/02/2021 - 14:57

Ve ne siete accorti che LUCE e GAS aumentano nel periodo invernale, per diminuire (magari di poco) al"arrivo della stagione calda? Dalla serie è INVERNO consumi più LUCE e GAS perciò PAGA

Ritratto di Italia_libera

Italia_libera

Mar, 02/02/2021 - 15:42

Massimo! Concordo!!Come dici. La vendita indiscriminata di settori energetici a privati e' anormale in una nazione.

cir

Mer, 03/02/2021 - 19:19

solo il Komunismo con il pugno di acciaio sara'in grado di ridurre all' obbedienza i profittatori!