Sito dell'Inps in tilt, il Garante della Privacy: "Gravi violazioni"

Lo scorso primo aprile il caos sul sito dell'Inps. L'Authority: "Entro 15 giorni l'Istituto avverta le famiglie. Rischia fino a 20 milioni di multa"

Il primo aprile si era aperta la procedura per la richiesta del bonus che il Cura Italia aveva destinato agli autonomi. Dopo una partenza apparentemente normale, il sito dell'Inps era andato in tilt. Problemi di accesso, scambi di persona, pubblicazione dei dati privati degli utenti: insomma, un vero e proprio flop. Il sito era quindi stato chiuso per diverse ore mentre numerosi profili erano già diventati di dominio pubblico. Oltre agli utenti che si erano trovati davanti a nomi di estranei c'era anche chi poteva accedere ai profili senza autenticarsi, modificare o cancellare le domande altrui.

E così, il Garante per la privacy ha ricevuto centinaia di segnalazioni da parte di utenti danneggiati. I loro dati anagrafici erano stati resi pubblici all'improvviso (l'Inps parla di 23 schede, l'Authority di almeno "42 soggetti coinvolti"). Ma non solo. Anche altri dati personali legati alla domanda per il bonus babysitter, come numeri telefonici, indirizzi mail, nomi dei figli e così via, erano stati messi a disposizione di utenti terzi. Inoltre, soggetti estranei potevano intervenire sulle domande ancora in bozza modificando persino i dati.

Come riporta Repubblica, l'Inps ha ammesso, con due note inviate al Garante a inizio aprile, che 773 domande per il bonus baysitter erano state svelate ad altri utenti. Inoltre, di queste, 68 erano state visualizzate, 17 modificate, 81 cancellate, 62 inviate. L'Istituto guidato da Pasquale Tridico era intervenuto solo in due casi: cancellando le domande modificate e bloccando quelle inviate. L'Inps ha cercato di difendersi spiegando che "la violazione non è tale da rappresentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone". Coloro che hanno visualizzato le domande per il bonus babysitter erano "per la quasi totalità residenti in altre regioni". Inoltre, l'Istituto parla di "casualità" ed era "impossibile fare ricerche mirate" su quei dati. Ma il Garante la pensa diversamente e ritiene al contrario che ci sia "il rischio elevato". Secondo l'Authority le anomalie sono più ampie di quelle segnalate e sono persino successive all'1 aprile.

Solo quando l'istruttoria terminerà sarà possibile "definire le responsabilità" e adottare "i provvedimenti correttivi". Nel frattempo però l'Inps, entro 15 giorni dal provvedimento numero 86 del 14 maggio, dovrà informare tutti gli interessati della violazione dei loro dati e dei rischi che comporta attraverso una comunicazione mirata e non solo con un avviso sul sito. Il Garante ha ricordato che l'inosservanza di un ordine da parte dell'autorità è soggetta a sanzioni amministrative pecuniarie fino a 20 milioni di euro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

RTRTRTRT

Sab, 16/05/2020 - 16:52

Tanto che gli frega, l'inpse è di roma, dove c'è lo stato romano-meridionale, e dove sono abituati quando non hanno i soldi a fare i debiti con gli interessi pagati dal Nord Italia, quei 20 milioni li trovano in un attimo e non sono nemmeno loro.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/05/2020 - 17:01

Ma si. tanto è già in debito massacriamola l'inps, così non potrà mandare in pensione con la quota 100. Tanto per fare un dispetto a Salvini. Poi che facciamo con quei 20milioni, paghiamo la gente per fare niente?

Ritratto di babbone

babbone

Sab, 16/05/2020 - 17:14

continuano la farsa...intanto non pagano...è sempre colpa dell'altro.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 16/05/2020 - 17:46

si come no.... poi tridico si gira dall'altra parte.... :-) come tutti i comunisti! quando si tratta di pagare un errore fanno finte di niente, quando invece vogliono incassare i risarcimenti che altri devono a loro, come sono solerti e squallidi.....