«Eravamo in centomila», un libro racconta tutta la storia del derby Inter-Milan

Presentato a Palazzo Reale il volume che ricorda i 102 anni di scontri in campo tra rossoneri e nerazzurri. Fotografie, interviste e aneddoti. Dalla partita che inaugurò lo stadio di San Siro a quella che i «cugini» disputarono a New York, nel 1969.

Il primo derby si giocò a Chiasso, in territorio «neutro». Era il 18 ottobre del 1908 quando si disputava il primo storico Inter-Milan, la sfida che da lì a poco sarebbe diventata il derby italiano per eccellenza, il più giocato, il più prestigioso. Alla più classica delle stracittadine, che si disputerà nuovamente domani a San Siro, è dedicato «Eravamo in centomila» (Fratelli Frilli Editori) il volume presentato questa mattina a Palazzo Reale che celebra gli oltre cent'anni del derby milanese. «Milano - ha ammesso l'assessore al Turismo del Comune Massimiliano Orsatti - è fortunata ad avere il derby. Oltre ad essere emozione allo stato puro, caratterizza non solo la passione sportiva di una città ma anche la sua identità più autentica. Il derby è uno degli strumenti più efficaci di promozione dell'immagine di Milano, grazie a due squadre, Milan e Inter, che sono tra i suoi ambasciatori più riconosciuti e riconoscibili nel mondo». Nel volume, spiega Mauro Raimondi, uno degli autori, non si parla «solo di questa grande passione popolare che è il calcio: poesia, musica, fatti di cronaca si inseriscono spesso e volentieri nei racconti, al pari delle vicende di una città che in questi cento anni è mutata profondamente». «Eravamo in centomila» ricorda partite indimenticabili, come il 6-5 per l'Inter del 1949, o il 6-0 milanista e le gare di Champions League - sia incontri che pochi conoscono - come il primo, sofferto, successo dell'Inter o il derby che nel 1938, dopo dieci anni di digiuno, riportò alla vittoria il Milan, o ancora il derby con cui venne inaugurato San Siro e quello disputato a New York nel 1969.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.