La bufala del bimbo siriano solo nel deserto al confine con la Giordania

Rimasto indietro rispetto al gruppo di profughi diretti in Giordania, Marwan si è riunito poco dopo con la famiglia

Il bambino siriano nel deserto al confine con la Giordania / Unhcr - Jared Kohler

In molti hanno scritto e twittato negli ultimi giorni l'immagine (a sinistra nel combo) di un bambino che, da solo, attraversa il confine tra la Siria e la Giordania, in fuga dal Paese martoriato dalla guerra. La foto, pubblicata su twitter da Andrew Harper, rappresentante dell'Alto commissariato per i rifugiati dell'Onu (Unhcr) in Giordania, ha destato la commozione di molti, ottenendo un gran numero di condivisioni sui social network e l'attenzione della stampa.

Il bambino, che secondo Harper si chiama Marwan e ha quattro anni, è ritratto nello scatto mentre cammina solo, con in mano un sacchetto di plastica in cui presumibilmente sono contenuti i pochi averi che ha portato con sè. Accanto a lui alcuni operatori dell'Unhcr, che in una seconda foto vengono mostrati mentre prendono in braccio il piccolo profugo, portandolo in salvo.

La didascalia con cui la foto è stata lanciata su twitter spiega chiaramente che il bambino è rimasto "temporaneamente separato" dalla famiglia ed è stato poi assistito dagli uomini dell'Onu. Non vagava da solo nel deserto, come lo scatto potrebbe far pensare, né "cercava la sua famiglia", come ha scritto l'emittente Al Arabiya.

Una serie di foto pubblicate oggi dallo stesso account twitter, quello di Andrew Harper, hanno chiarito l'equivoco scaturito dall'interpretazione del primo scatto. Marwan non si trovava da solo in mezzo al deserto, piuttosto aveva perso il passo con gli altri e si è riunito poco dopo con la famiglia.

Difficile anche definire "eccezionale" la situazione. Lo stesso Harper ha ricordato, ancora su twitter, che in ogni spostamento di profughi "anziani, malati, donne incinte e spesso bambini" restano indietro rispetto al gruppo principale e vengono aiutati dagli operatori sul posto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di semovente

semovente

Mar, 18/02/2014 - 16:05

Questo significa che molti giornalisti sono disonesti.

berserker2

Mar, 18/02/2014 - 16:17

Stavolta la presa per il culo "umanitaria" è stata svelata. Ma migliaia di volte con le loro cazzate buoniste sperano di indurre in compassione. E di solito, specialmente con i catto/sinistrati imbelli e nullafacenti, ci riescono. Dai su, da bravi, mandate un altro soldino alle ONLUS e alle ONG che li sapranno utilizzare al meglio, mica per i cazzi loro, noooo! Ci fanno del bene.

gneo58

Mar, 18/02/2014 - 17:35

e su Repubblica ci danno dentro a stecca - manca solo che facciano una gigantografia - pero si guardano bene dal dire che e' una balla.....

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 18/02/2014 - 18:27

il fotografo e il giornalista devono essere di scuola comunista: manipolare, mentire, diffamare, raccontar fesserie campate per aria.... :-)

berserker2

Mar, 18/02/2014 - 19:16

m.mouse.....e ci riescono pure bene senza fare un cazzo e senza lavorare sul serio poi!!!!

machete883

Mar, 18/02/2014 - 19:24

i comunisti sono come Cristoforo Colombo..partono ma non sanno dove vanno.. se arrivano non sanno dove sono..MA IL TUTTO SEMPRE CON I SOLDI E SULLA PELLE DEGLI ALTRI..Sir Winston Leonard Spencer Churchill

hezbollah

Mar, 18/02/2014 - 20:37

Questo fa parte della disinformazione quotidiana a danno del governo siriano che viene fatto apparire come il colpevole ...lo dico ora:sta cominciando una fase in cui arabia saudita,usa,francia,qatar ritorneranno all attacco(spero solo mediatico ma temo di no) verso la siria poiche l esercito siriano aiutato da hezbollah sta avanzando in tutta la siria. dopo i colloqui di ginevra 2 conclusi con un fallimento per colpa delle opposizioni che chiedevano di cacciare assad a priori l arabia saudita e gli usa sono pronti a vendere nuove armi ai terroristi(qui in italia li chiamiamo ribelli...)ci si deve aspettare nuovi attacchi chimici da parte di assad e cose simili,chi vuole intendere intenda...

Wintrich

Mar, 18/02/2014 - 21:55

Al di là della bufala evidente, resta il fatto che questo povero bambino, nel deserto ci sta vagando veramente, solo o in compagnia è una vergogna che dovrebbe colpirci tutti, meditate gente, e per favore, sulle cose importanti, non sulle baggianate.

bret hart

Mer, 19/02/2014 - 06:13

w assad

HANDY16

Mer, 19/02/2014 - 08:50

Perché scrivete sciocchezze? Ho visto almeno tre o quattro notiziari sulla tv di stato (RAINEWS, RAITRE) che davano la notizia in modo corretto, cioè che la famiglia del bambino era poco più avanti. Questo però non toglie nulla alla drammaticità della situazione che vede moltissimi bambini uccisi o rimasti orfani di uno o di entrambi i genitori. Se alcuni media hanno approfittato dell'occasione fornita dalla foto per mettere in evidenza il dramma di quel popolo non mi scandalizzerei più di tanto.

jeanlage

Mer, 19/02/2014 - 09:22

L migliore dell'alto (sic!) commissariato per i rifugiati dell'ONU era la signora Boldrini. Ed è tutto dire.

HANDY16

Mer, 19/02/2014 - 10:14

X gneo58: Probabilmente Lei è un analfabeta e si limita a guardare le fotografie nella cui didascalia pubblicata da La Repubblica viene messo bene in evidenza che il bambino in questione non era solo. Legga bene le didascalie delle foto prima di scrivere fesserie. Saluti.