New York, attacco ai bancomat: sottratti 45 milioni di dollari

Un gruppo internazionale di hacker ha rubato una fortuna prelevando da sportelli newyorchesi. Trovati i "cassieri" dell'organizzazione

New York, attacco ai bancomat: sottratti 45 milioni di dollari

Aggiravano le misure di sicurezza degli istituti finanziari, impossessandosi in breve tempo di milioni di una fortuna. Otto persone sono state accusate dai procuratori federali di New York, che ritengono di avere trovato i "cassieri" di un gruppo di hacker, che ha provocato perdite per 45 milioni di dollari a una serie di banche.

Per realizzare la truffa i "pirati" si servivano di numeri di carte prepagate, arrivando a prelevare oltre 2,5 milioni di dollari in meno di un giorno dagli sportelli bancomat della Grande Mela. A subire l'attacco la National Bank of Ras Al-Khaimah, la Rakbank e la Bank of Muscat.

I media statunitensi sostengono che tra gli incriminati ci sia anche Alberto Yusi Lajud-Penza, l'uomo considerato mente dell'operazione. Gli inquirenti hanno però aggiunto che potrebbe essere stato ucciso lo scorso mese.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento