Mondo

Raul Castro vuole mummificare Fidel?

Raul Castro nel suo recente viaggio a Mosca ha visitato il mausoleo che ospita la mummia di Lenin e, pare, il laboratorio segreto che si occupa della conservazione dei corpi imbalsamati

Raul Castro vuole mummificare Fidel?

Il diretto interessato ovviamente nega e continuerà a negare. Però il sospetto è forte. Stiamo parlando di Raul Castro e del suo recente viaggio a Mosca, dove il leader cubano ha visitato il mausoleo che ospita la mummia di Lenin. E non solo... a quanto pare non si è limitato a rendere omaggio alla salma del padre della Rivoluzione d'ottobre, ma ha visitato anche l'istituto Vilar, il celebre laboratorio scientifico che si occupa della conservazione dei corpi imbalsamati (oltre a Lenin anche quello di altri leader comunisti, compresi il vietnamita Ho Chi Minh e il nordcoreano Kim Il Sung).

L'indiscrezione è stata lanciata prima su twitter e poi nella radio privata dove lavora il giornalista Serghiei Darenko, "Servizio russo delle notizie". Che stia pensando di riservare, a suo fratello Fidel, una volta passato a miglior vita, lo stesso destino? Il giornalista russo sembra non aver dubbi: "Raul Castro ha esaminato a Mosca il lavoro dei laboratori per la mummificazione dei resti di Lenin, forse pensa di sventrare Fidel". Per ora è solo un'ipotesi, però in una realtà come Cuba, dove il culto della personalità ha raggiunto livelli impressionanti, potrebbe essere quasi normale.

Su internet subito è iniziato il tam-tam sulla possibilità che il leader della rivoluzione cubana possa essere imbalsamato dopo la morte. Per bloccare ogni possibile speculazione è intervenuta l'Accademia delle scienze di Mosca, da cui dipende il misterioso laboratorio: "Il leader cubano ha voluto visitare solo il mausoleo di Lenin", ha detto un portavoce, escludendo una visita all’istituto nazionale del laboratorio delle erbe mediche che studia i metodi di mummificazione.

La tecnica di imbalsamazione è top secret. Si sa soltanto che è necessaria una manutenzione periodica. Tre specialisti dell’Accademia delle scienze due giorni a settimana vanno a verificare eventuali processi degenerativi della mummia. Ogni anno-anno e mezzo il corpo di Lenin viene rimosso per un paio di mesi e immerso in un bagno a base di glicerolo e acetato di potassio. Ogni tre anni, inoltre, c’è il cambio del vestito.

Da venti anni lo Stato non versa un rublo. Le spese vengono coperte dal Fondo Mausoleo Lenin e da alcuni mecenati. Anche la politica si è occupata del "destino" di Lenin.

Attualmente tre partiti su quattro sono favorevoli alla proposta lanciata recentemente dal ministro della cultura Vladimir Medinski di togliere la mummia di Lenin dal mausoleo per seppellirlo, come voleva lui stesso. Indovinate chi sono gli unici contrari? La risposta è semplice, i comunisti.

Commenti