Russia, giro di vite contro il web: a rischio Gmail e Skype

Le nuove leggi antiterrorismo impongono pesanti restrizioni a blogger e aziende

Russia, giro di vite contro il web: a rischio Gmail e Skype

Nuova stretta in Russia contro il terrorismo che rischia di avere pesanti ripercussioni sulla libertà di internet. Il pacchetto di leggi messo a punto dopo gli attentati di Volgograd di dicembre e approvato in via definitiva ieri alla Duma, infatti, equipara di fatto i blogger con almeno 3mila utenti unici giornalieri ai giornalisti e li inserisce in un registro speciale, obbligandoli a verificare l’attendibilità delle informazioni diffuse.

Non solo: la normativa prevede inoltre che le società di comunicazione online registrino per sei mesi le informazioni di tutti i messaggi degli utenti e conservino i dati sul territorio della Federazione. Nessuna eccezione: all'imposizione dovranno sottostare anche le società straniere, come Google, Facebook e Microsoft. Ma visto che Mosca non può fattivamente obbligarle ad avere server nel Paese, il rischio è che l'accesso a servizi come Gmail e Skype o ai social network venga bloccato.

La nuova normativa ha sollevato forti critiche da parte della rete e degli attivisti per diritti umani, che vedono in internet l’unico spazio di espressione ancora libero. Il testo, tra le altre cose, obbliga i blogger più popolari a verificare l’attendibilità delle informazioni diffuse, a evitare pubblicazioni di carattere estremista e a non violare la privacy dei cittadini.  L’ufficio stampa di Yandex, il maggiore motore di ricerca in cirillico, ha definito la nuova legge "un ulteriore passo verso il rafforzamento del controllo statale su internet in Russia, cosa che ha un impatto negativo sullo sviluppo del settore". Solo ieri, tra l'altro, il fondatore del social network Vkontakte aveva denunciato di essere stato rimosso dall'amministrazione dell'azienda perché si era rifiutato di dare i dati degli utenti ai servizi russi. Al suo posto - accusa - ci sarebbero ora due stretti alleati di Putin

Commenti