Siria, dopo l'accordo su Homs, al via l'evacuazione dei civili dalla città

Duecento persone dovrebbero partire entro oggi, altre nei prossimi giorni

Civile in attesa di essere evacuato dalla città di Homs

È stato raggiunto ieri l'accordo tra il governo siriano e i ribelli per un cessate il fuoco nella città di Homs, che consentirà l'evacuazione dei civili bloccati nel centro cittadino, sottoposto ad assedio da un anno e mezzo.

Un primo tentativo d'intesa era stato fatto il 26 gennaio scorso, durante la conferenza di pace di Ginevra2. Lo sforzo bilaterale non era però approdato a nulla e Homs era rimasta bloccata.

Ieri forze governative e opposizione hanno acconsentito a una tregua di tre giorni, che consentirà ai civili che ancora si trovano nella zona sotto il controllo dei ribelli di fuggire. Oggi è iniziata l'evacuazione.

Secondo la tv siriana duecento persone dovrebbero partire entro oggi e altre nei prossimi giorni. I primi convogli si sono allontanati dalla città accompagnati da personale della Mezzaluna rossa siriana, diretti verso ricoveri allestiti dal governo dopo un accordo con le Nazioni Unite.

Le parti hanno acconsentito non solo alla tregua, ma anche ad aprire la via per Homs ai convogli di aiuti umanitari, destinati a quanti decideranno di restare nello loro case. Sono stati autorizzati a partire soltanto bambini, donne, feriti e uomini di più di 55 anni.