Ex fumettista ora è artigiano e tempera le matite

Da fumettista politico ad artigiano temperamatite. A pagamento. Nel 2010 l'americano David Rees ha deciso di cambiare lavoro, per dedicarsi a qualcosa di «fatto a mano». L'ispirazione è arrivata lavorando per il censimento americano. Ogni giorno, infatti, passava di casa in casa per annotare le persone che vivevano sotto lo stesso tetto, compilando moduli a matita con la raccomandazione di fare bene la punta. «È stato un gesto nostalgico che mi ha riportato a quando ero bambino. Così ho deciso di studiarne le tecniche e di farne un'azienda», la Artisanal Pencil Sharpening (artisanalpencilsharpening.com).

Dal 2010 Rees ha temperato più di 5.000 matite, rispedite al cliente con un certificato di affilatezza, tanto che, se lanciata contro un muro, la punta non si spezza. «Scorgere i segni del tempo nelle matite è uno dei miei momenti preferiti. I creativi usano matite morbide, come la 2B, più espressiva. Ingegneri e architetti preferiscono la 2H, dal tratto più incisivo. A volte ricevo ordini da genitori che mi chiedono una matita perfetta per l'esame del figlio». La più complessa da affilare? «Quella che non ha la grafite centrata». Volete imparare anche voi ad appuntare le matite nel modo giusto? Rees ha scritto il libro How to Sharpen Pencils (Melville House Publishing).

MTiz

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento