Fiat acquista il 6% di Chrysler dal Tesoro Usa: "Siamo al 52%, nel 2011 si può salire al 56%"

Il Lingotto sale ancora nel controllo della casa automobilistica di Detroit: acquistato il 6% detenuto dal dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Ora Fiat è al 52% e, entro fine anno, potra consolidare ulteriormente la sua presenza fino al 57%

Torino - Sempre più su in Chrysler. La Fiat esercita l’opzione d’acquisto sulla quota del 6% del Tesoro Usa in Chrysler ed entro l’anno può arrivare al 57% nel capitale dell’azienda di Detroit. Lo comunica il Lingotto, che sale ora dal 46% al 52% di Chrysler. Con l’acquisto, sottolinea la casa torinese, della partecipazione detenuta del Tesoro americano e "del raggiungimento dell’ultimo performance event, atteso nel corso di quest’anno, Fiat deterrà il 57% del capitale di Chrysler".

L'acquisto La Fiat, spiega il Lingotto, ha comunicato al dipartimento del Tesoro statunitense la volontà di esercitare l’opzione per l’acquisto della partecipazione detenuta in Chrysler dal Tesoro Usa, corrispondente al 6% ("on a fully-diluted basis") del capitale della casa di Detroit. Il prezzo per l’acquisto "sarà basato su di una determinazione dell’equity value di Chrysler" da concordarsi tra Fiat e il Tesoro Usa entro 10 giorni o, in caso di mancato accordo, "costituita dalla media delle due valutazioni più prossime tra di loro su tre valutazioni formulate da tre banche di investimento nominate dalle parti". Il completamento dell’operazione sarà subordinato alle autorizzazioni da parte delle autorità competenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.