Social Impact Banking: UniCredit promuove lo sviluppo sostenibile

Il programma di Social Impact Banking pone UniCredit in prima fila tra le banche italiane intente a promuovere lo sviluppo sostenibile.

Social Impact Banking: UniCredit promuove lo sviluppo sostenibile

Missione

UniCredit è da tempo una banca attiva nel settore della finanza ad impatto e sostenibile. Fin dal 2017, infatti, il gruppo di Piazza Gae Aulenti promuove Social Impact Banking, iniziativa volta a coniugare attività finanziarie e operative e visioni di lungo periodo per un cambiamento sociale positivo, sviluppando azioni concrete capaci di contribuire allo sviluppo di una società più equa e inclusiva e dando piena attuazione agli obiettivi di sostenibilità che negli ultimi anni la finanza si è posta.

Filoni di intervento

Lanciata quattro anni fa, la strategia ad alto impatto sociale di UniCredit ha promosso tre filoni di intervento: la finanza inclusiva attraverso il microcredito a imprese sociali e individui fragili spesso esclusi dall’offerta bancaria tradizionale, con un modello di servizio che va oltre il finanziamento, grazie alla rete di partener sociali e l’associazione di volontari UniGens che accompagnano i clienti nel percorso di costruizione della loro sostenibilità; la finanza a impatto sociale per sostenere attività imprenditoriali che forniscono accesso a beni e servizi essenziali a prezzi calmierati e di programmi aziendali centrati sul benessere di dipendenti, stakeholder e delle comunità, con la possibilità di ulteriori benefici grazie allo schema del pay for success, al raggiungimento degli obiettivi sociali dichiarati; un ampio programma di educazione finanziaria e imprenditoriale per vulnerabili, come giovani e donne.

Risultati raggiunti al 30/09/2021

Unicredit ha garantito entro il 30 settembre 2021, 46,6 milioni di euro nella lotta alla povertà; 96 milioni di euro alla salute; 17,2 milioni di euro all’educazione, 116 milioni di euro alla crescita sostenibile; 16 milioni alla riduzione delle disuguaglianze, 2,4 milioni alla sostenibilità in termini di tutela delle comunità, dando un forte contributo agli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs) delle Nazioni Unite. Entro lo stesso periodo, 5.273 prestiti di microcredito hanno garantito 295 milioni di euro, 255 dei quali erogati in Italia. Fin dal suo lancio, UniCredit Social Impact Banking ha sostenuto più di 4.000 beneficiari attraverso iniziative di microcredito e finanziamenti a impatto, oltre a fornire diversi programmi di educazione finanziaria a favore di circa 50mila giovani e persone svantaggiate.

Premi ottenuti

La rivista Capital Finance International ha premiato Unicredit come Best Social Impact Bank in Europa nel 2020 e nel 2021; il gruppo di Piazza Gae Aulenti ha inoltre vinto lo scorso anno il Milano Finanza Award for Social Impact Banking e il Finance Innovation Award dell’Italian Banking Association for Impact Financing nel 2019. Questi premi certificano l’ampiezza dei risultati raggiunti finora.

Unlocked UniCredit: il nuovo piano strategico 2024 per il Sociale

L’impegno di UniCredit si riconferma e si rafforza considerevolmente con il piano strategico Unlocked UniCredit 22-24, appena annunciato, grazie ad un ampliamento considerevole dei finanziamenti e delle attività a impatto sociale a favore delle Comunità.

Per l’inclusione finanziaria, l’offerta sarà ancora più estesa coinvolgendo individui fragili, oltre alle microimprese: questo impegno vede UniCredit come unica Banca italiana segnataria dell’ impegno con Unep entro i Principles for Responsible Banking, in particolare sull’inclusione e salute finanziaria dei suoi Clienti.

La finanza a impatto sociale punta al supporto e accompagnamento dei clienti in un percorso di transizione verso il framework ESG per generare maggiore impatto sui propri dipendenti, fornitori, clienti e comunità per le imprese, attraverso linee di finanziamento dedicate e cultura della misurazione dell’impatto generato.

Come terzo obiettivo, UniCredit vuole aumentare la progettualità multi-stakeholder con maggiore impegno incrementando le partnership fra profit, non profit, università e altri attori, per dare una risposta a delle sfide sociali rilevanti che i territori nei quali opera la banca riscontrano, come l’avvicinamento dei giovani al modo del lavoro, il supporto all’imprenditorialità, l’empowerment femminile.

Altre iniziative

Inoltre, a riprova del continuo impegno sociale, nel 2020 il Gruppo ha destinato oltre 6,4 miliardi di euro (dati al 30 giugno 2020) a Pmi in Europa per fronteggiare l'emergenza Covid-19, mentre la Fondazione Unicredit ha dato una spinta ulteriore alla lotta alla pandemia.

UniCredit calcola che ci saranno 1.760 assunzioni a tempo determinato o indeterminato entro i primi cinque anni di vita dei progetti finanziati, di cui 187 per soggetti appartenenti a categorie svantaggiate e all’ai programmi di Impact Financing in Italia sono stati concessi 155 finanziamenti, per un totale di 156,5 milioni di euro, con l'obiettivo di raggiungere nei primi cinque anni 1,6 milioni di beneficiari.

L’impegno sostenuto da Piazza Gae Aulenti si gioca dunque sulla ridefinizione delle determinanti del valore di ogni investimento, di ogni prestito e di ogni attività della banca. Sostenibilità significa innanzitutto generare crescita, sviluppo, opportunità dal valore non meramente finanziario e conciliare il fattore economico e quello umano nell’attività di impresa. Quantificare l’impegno significa mostrare la serietà delle iniziative messe in campo e, soprattutto, l’esistenza di una volontà sempre più diffusa di promuovere vero sviluppo e vera sostenibilità nel medio-lungo periodo. Scelta imprescindibile per costituire un’economia a misura d’uomo nel prossimo futuro.

Commenti