Fiumicino Vandali da record, 140 auto «a terra»

Forse da oggi aumenteranno le corse in taxi per l’aeroporto. E probabilmente anche i parcheggi a pagamento dello scalo troveranno nuovi clienti. Una decisione in tal senso la dovranno prendere almeno i 140 proprietari di auto che ieri hanno avuto l’amara sorpresa di trovare le proprie vetture parcheggiate nei pressi del «Leonardo da Vinci» con le ruote tagliate. Un raid vandalico senza precedenti, visto che ad essere colpite sono state auto di tutte le dimensioni, dai Suv alle Panda.
I teppisti hanno agito di notte, nella zona compresa tra via Gino Lunardi e via Vincenzo Cappannini, a due passi dall’aeroporto e nelle vicinanze del centro meccanizzato postale che a quell’ora è ovviamente chiuso. Un particolare: tutte le auto hanno avuto minimo due ruote sguarciate, e quindi nessuna è potuta ripartire immediatamente dovendo far ricorso ad interventi d’emergenza.
Stupore, rabbia ed anche amarezza tra i tanti passeggeri romani che al loro rientro dal viaggio in aereo (magari il volo per una volta era anche giunto puntuale...) hanno dovuto attendere diverse ore sotto al sole prima di poter tornare a casa. «A me hanno tagliato tre gomme - ha detto uno di loro - un danno di un centinaio di euro. Ma non sono arrabbiato tanto per i soldi, quanto per la perdita di tempo alla ricerca del gommista». Ma non tutti i proprietari sono rientrati e quelle auto con le ruote a terra fanno ancora bella mostra sulle vie. Strade che sono utilizzate da molti in quanto si tratta di parcheggi non a pagamento. Di solito sono operatori aeroportuali ma anche molti passeggeri in partenza per viaggi brevi che non utilizzano i lunga sosta o i parcheggi multipiano dello scalo.
I carabinieri hanno prontamente avviato le indagini, anche per capire se se l’autore (o più presumibilmente gli autori) abbiano agito a scopo dimostrativo o altro. Del resto è curioso il fatto che le vetture hanno avuto tagliate le ruote sul lato stradale, proprio come se si fosse trattato di un’azione compiuta con tempi ristretti. Non è ancora certo se i delinquenti abbiano agito l’altra notte o quella tra sabato e domenica, fatto sta che sono stati velocissimi e con tagli piccoli (a volte anche poco più di un centimetro) hanno messo ko 140 automobili. «Sono rientrato, dopo 6 giorni, da Torino questa mattina - ha detto Alessandro R., di Roma, altra vittima impegnata a cambiare le gomme tagliate - e chi si aspettava una cosa del genere? Hanno agito in maniera scientifica, tutte le auto hanno tagli su due gomme. Ho dovuto chiamare un amico per farmi portare uno pneumatico in più da poter cambiare». Già, perchè gommisti e meccanici per un giorno hanno fatto davvero affari d’oro grazie... ai teppisti.

Commenti