Flop Binetti, a Perugia il potere è sempre Pd

La candidata dell’Udc, Paola Binetti, non va oltre un modesto 4,5%. La governatrice sarà
la Marini (centrosinistra)

In Umbria Catiuscia Marini ha vinto con il 57,4% rispetto al 37,5% di Fiammetta Modena, candidata del centrodestra. La candidata sostenuta dall’Udc, Paola Binetti, è rimasta invece al 5,1%. Nonostante la conferma del centrosinistra nella regione, il risultato raggiunto dalla candidata Marini rappresenta un calo di quasi 10 punti rispetto al risultato del centrosinistra nel 2005.

«Il centrosinistra in Umbria continua a incontrare il consenso dei cittadini, anche nel segno dell’innovazione per affrontare i nuovi problemi»: così la Marini ha commentato in diretta tv le prime proiezioni di ieri pomeriggio. Ribadendo che il suo risultato «è frutto anche dell’impegno di tutta la coalizione, oltre che della capacità di interpretare i segnali che vengono dalla realtà regionale», la vincitrice ha auspicato che «i consiglieri regionali di centrosinistra possano essere interpreti, nel nuovo consiglio, delle esigenze espresse dai nostri concittadini».

«Credo - ha concluso la Marini - che il centrosinistra nel suo complesso debba essere molto soddisfatto dei risultati che stanno emergendo dallo scrutinio». Paola Binetti ha stretto la mano alla sua rivale, complimentandosi per la vittoria. La candidata dell’Udc e quella del centrosinistra si sono incrociate nei corridoi di Palazzo Cesaroni, sede del consiglio regionale. «Credo che sulla vittoria della Marini non ci sia dubbio - ha detto Binetti - per cui bisogna rendere omaggio a un risultato così positivo per il centrosinistra». Secondo Binetti, Marini «avrà il compito di governare non senza problemi e ombre, vista la complessità della situazione ma l’ampiezza del risultato che si sta delineando l’aiuterà».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.