Francia, il Nouvel Observateur si fa avanti per salvare Le Monde

Di fronte alla crisi sempre più allarmante di Le Monde Le Nouvel Obs si è fatto avanti con un comunicato in cui spiega che «di fronte ai problemi di finanziamento che oggi si pongono, il Nouvel Observateur non può restare indifferente e auspica di contribuire a una soluzione che preservi l'indipendenza» di Le Monde

Il gruppo editoriale francese Le Nouvel Observateur è in trattative con il quotidiano Le Monde per l'acquisto di un pacchetto di azioni che consenta di salvare il giornale, fortemente indebitato. Il gruppo del Nouvel Obs è attualmente azionista per l'1,75% di Le Monde SA, la società che detiene l'insieme del gruppo Le Monde. A sua volta, Le Monde SA detiene il 6% del Nouvel Observateur. L'anno scorso, un tentativo di sciogliere queste partecipazioni incrociate era fallito. Di fronte alla crisi sempre più allarmante di Le Monde e agli appetiti di diversi gruppi editoriali - francesi e stranieri - Le Nouvel Obs è stato il primo a dichiararsi oggi pubblicamente. Lo ha fatto con un comunicato in cui spiega che «di fronte ai problemi di finanziamento che oggi si pongono, il Nouvel Observateur non può restare indifferente e auspica di contribuire a una soluzione che preservi l'indipendenza» di Le Monde. Nel gruppo dell'editoriale Le Monde SA figurano anche Lagardere (17,27%), la spagnola Prias (15,01%) e il gruppo La Stampa Europe (2,90%). La maggioranza è detenuta da Le Monde Partner e Soci,che raggruppa gli azionisti interni del quotidiano, i dirigenti e i giornalisti. Il gruppo è fortemente indebitato, nel 2009 ha fatto registrare una perdita netta di 25,2 miioni di euro, con un debito stimato in 125 milioni per un giro d'affari di 297 milioni.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti